in

Arthur resta in panchina, Messi fa 700: il Barcellona pareggia con l'Atletico

BARCELLONA (Spagna) – L’Atletico Madrid rimonta per due volte il Barcellona al Camp Nou e fa un favore al Real. Nel big match della 33esima giornata di , la squadra allenata da Quique Setien non riesce a riprendersi la testa della classifica in attesa del match dei Blancos contro il Getafe e rischia di esporsi al tentativo di fuga degli storici rivali che possono volare a + 4 dai balugrana. Illusorio il vantaggio iniziale del Barcellona, che approfitta del primo quarto d’ora shock di Diego Costa. Il centravanti dei colchoneros prima devia goffamente nella propria porta il calcio d’angolo battuto da Messi all’11’, poi sbaglia il calcio di rigore cinque minuti piu’ tardi. Il Var lo grazia, Ter Stegen non aveva entrambi i piedi sulla linea al momento della battuta e nella ripetizione viene freddato da Saul. L’arbitro Hernandez Hernandez è costretto agli straordinari anche nel secondo tempo. Al 50′ concede un giro dagli undici metri a Messi, l’argentino sigla con un delizioso cucchiaio il gol numero 700 in carriera, ma il nuovo vantaggio blaugrana dura una decina di minuti. Al 62′ l’Atletico si procura un altro rigore ed è ancora Saul ad aggiudicarsi il duello con Ter Stegen, che intuisce la direzione ma non riesce a respingere il pallone fuori dallo specchio. Il pressing finale del Barcellona non produce la terza rete e la gara si chiude sul 2-2. Nemmeno un minuto per il nuovo acquisto della Juventus , rimasto in panchina ad osservare i compagni.

Il Siviglia consolida il quarto posto

Successo esterno del Siviglia sul campo del Leganes che permette a Lopetegui di consolidare il quarto posto, alle spalle di Atletico, Barcellona e Real Madrid. Un 3-0 maturato nel primo tempo e condito nella ripresa che lancia la squadra dell’ex ds giallorosso Monchi a qupta 57 punti e che condanna la squadra di casa, ora distante dalla salvezza ben 9 punti. Partono forte gli ospiti che sfiorano il vantaggio all’8′ e passano al 23′ con Oliver Torres, bravo nel sorprendere Cuellar all’angolino basso di sinsitra. Al 35′ è ancora il centrocampista spagnolo a sfruttare alla perfezione l’assist di Jesus Navas per il raddoppio. Nel secondo tempo gli andalusi sono bravi a gestire il doppio vantaggio, senza rischiare mai, trovando il tris all’82’ grazie ad El Haddadi. Sotto tono la prestazione di Suso, sostiuito al 62′ dall’ex Inter Banega.

Il Maiorca stende il Celta

Crolla in casa del Maiorca il Celta Vigo, dopo il clamoroso pareggio di sabato con il Barcellona, con un sonoro 5-1 che ridisegna le distanze in fondo alla classifica. Scontro salvezza che si aggiudicano gli uomini di Moreno riaprendo così il discorso retrocessione, che ora vede le due squadre, al 18esimo e 17esimo posto, distanti solo 5 punti a 5 gare dal termine. I padroni di casa partono forte e chiudono il discorso già nel primo tempo con il rigore di Budimir (13′), e le reti di Hernandez e Pozo (27′ e 40′). Ad inizio ripresa gli ospiti accorciano le distanze con il solito Iago Aspas (50′), penalty anche per lui, ma il tentativo di rimonta viene immediatamente fermato dalla seconda rete personale dell’ attaccante ex Crotone e dalla prodezza di Sevilla (52′ e 60′) che completa la manita chiudendo definitivamente l’incontro.


Fonte: http://www.tuttosport.com/rss/calcio/calcio-estero

Torino-Lazio 1-2: Immobile e Parolo firmano l'ennesima rimonta

Messi nella leggenda: 700 gol in carriera. Arthur non gioca e il Barcellona pareggia