consigliato per te

  • in

    Toro, per Belotti il rinnovo non può più attendere

    TORINO – Partiamo dai numeri, che raramente mentono e sono molto significativi: 104 gol realizzati in maglia granata tra campionato e coppe (adesso insegue il 7º posto di Graziani, a quota 122 nella speciale classifica dei cannonieri granata di tutti i tempi); 91 reti con la maglia del Toro in campionato. Sabato sera ha segnato all’Udinese per la terza partita consecutiva (già 7 i centri contro i friulani, uno dei suoibersagli preferiti), interrompendo un digiuno di oltre due mesi e regalando finalmente una vittoria al Toro in questo campionato firmata da un suo gol, per quanto su rigore. Naturalmente stiamo parlando di Andrea Belotti, il Capitano, l’uomo che tiene sempre e comunque su i granata e che, da quando indossa questa maglia, ha raggiunto la doppia cifra in ogni stagione. Ci sarebbe da essere contenti per il presente e per il futuro se non ci fosse un grande e grosso, preoccupante, punto interrogativo.Guarda la galleryTorino, Belotti torna al gol: vittoria in casa dell’Udinese
    Rinnovo Belotti, non c’è ottimismo
    Tra un anno, precisamente ll 30 giugno del 2022, il suo contratto con il Toro arriverà alla conclusione e sino ad oggi non c’è stato nessun segnale di ottimismo affinché venga prolungato, malgrado qualche timida promessa di Cairo e rassicurazione da parte di Vagnati. Senza il Gallo il Toro perderebbe non solo un giocatore importante ma anche carisma e prestigio. Lo stesso Roberto Cravero, ex capitano granata in tempi migliori di questi, attuale commentatore Dazn, alla fine di Udinese-Torino da lui seguita ha detto quello che pensa tutto il popolo granata. «Venderlo sarebbe un segno di debolezza, di ambizioni ridimensionate. Il presidente Cairo se vuole costruire un Toro competitivo non può prescindere dalla conferma del Gallo». E qui riemergono perplessità e timori. Il giocatore, punto fermo anche della Nazionale di Roberto Mancini, ha come unico palcoscenico internazionale garantito l’Europeo della prossima estate. Già parecchi club gli hanno messo gli occhi addosso, sia in Italia sia in Europa: Milan (secondo radio mercato più avanti degli altri), Roma e Napoli. Poi Chelsea ed Everton e in Spagna l’Atletico Madrid di Simeone […]
    Tutti gli approfondimenti sull’edizione di Tuttosport LEGGI TUTTO

  • in

    Diretta Udinese-Torino ore 20.45: probabili formazioni, dove vederla in tv e streaming

    UDINE – L’una sconfitta di misura dall’Atalanta, l’altra raggiunta in extremis dalla Juve: nell’anticipo della 30ª giornata di Serie A Udinese e Torino si affronteranno per la 75ª volta nella storia (in totale equilibrio i precedenti, con 26 successi per parte e 22 pareggi) nel massimo campionato italiano a caccia di fondamentali punti salvezza: i friulani si trovano infatti al 12° posto a quota 33, a -7 dai fatidici 40, i granata sono invece quart’utlimi, con due lunghezze di margine sul Cagliari e una gara ancora da recuperare.
    SEGUI UDINESE-TORINO LIVE SUL NOSTRO SITO
    Udinese-Torino, dove vederla in tv e streaming
    Il match fra Udinese e Torino, in programma alla Dacia Arena alle ore 20.45, sarà trasmesso in diretta esclusiva su Dazn e sarà disponibile anche sul canale DAZN1 al 209 del decoder Sky per i clienti che hanno sottoscritto l’offerta. In alternativa, sarà possibile seguire la cronaca testuale dell’incontro live sul nostro sito.
    Le probabili formazioni di Udinese-Torino
    UDINESE (3-5-1-1): Musso; Becao, Bonifazi, Samir; N. Molina, De Paul, Arslan, Pereyra, Stryger Larsen; Forestieri; Llorente. All. Gotti. A disp. Scuffet, Gasparini, De Maio, Nuytinck, Makengo, Walace, Ouwejan, Zeegelaar, Micin, Braaf, Okaka, Nestorovski. Indisponibili: Jajalo, Pussetto, Deulofeu.
    TORINO (3-4-1-2): V. Milinkovic-Savic; Izzo, Bremer, Buongiorno; Vojvoda, Rincon, Mandragora, Ansaldi; Verdi; Belotti, Sanabria. All. Nicola. A disp. Ujkani, Nkoulou, Ferigra, Rodriguez, Murru, Linetty, Lukic, Baselli, Gojak, Bonazzoli, Zaza. Indisponibili: Sirigu, Lyanco, Singo.
    Arbitro: Doveri di Roma.Assistenti: Liberti e Galetto.IV uomo: Pasqua.Var: Irrati.Avar: Bindoni. LEGGI TUTTO

  • in

    Positivo al Coronavirus un giocatore del Torino

    TORINO – Il Torino ha comunicato una positività al Coronavirus per un suo calciatore, senza rivelarne il nome: “Il Torino Football Club – si legge in una nota ufficiale del club granata – comunica che, nel corso dei costanti esami previsti dal protocollo in vigore, è emersa la positività al Covid-19 di un calciatore della prima squadra. Il tesserato, in accordo con le Autorità sanitarie, è già stato posto in isolamento fiduciario sotto la supervisione dello staff medico”. Il resto della squadra granata potrà continuare regolarmente l’attività sportiva. 
    Il positivo sarebbe Sirigu
    Il club di via Arcivescovado, come da politica societaria, non comunica i nomi dei calciatori positivi per motivi di privacy, ma secondo quanto si apprende ad aver contratto il Covid sarebbe il portiere Salvatore Sirigu. Il giocatore è già stato posto in isolamento, ora si attenderà la sua guarigione mentre il resto della squadra potrà continuare le attività. Nell’allenamento di oggi, in casa granata, i portieri di riserva Samir Ujkani e Vanja Milinkovic-Savic hanno lavorato in prospettiva di un ballottaggio per essere tra i pali, sabato, prossimo, contro l’Udinese.  LEGGI TUTTO

  • in

    Pirlo 'striglia' la Juve: “Deconcentrati e prevedibili, c'è da lavorare”

    TORINO – È un Andrea Pirlo inevitabilmente insoddisfatto quello che si presenta ai microfoni nel post partita del derby pareggiato (peraltro in rimonta) sul campo del Torino. “Quando non vinci non puoi essere contento – dice il tecnico bianconero -, anche se purtroppo ci complichiamo le partite da soli. Abbiamo iniziato bene e sbloccato il risultato, la cosa più difficile quando affronti squadre che si chiudono. Ci siamo fatti riprendere e pensavamo poi di fare un altro secondo tempo, ma siamo andati subito sotto e la partita è diventata difficile”.
    Torino-Juventus: tabellino e statistiche
    “Mancata la concentrazione”
    Costati caro anche stavolta, come successo col Porto in Champions League e in alcune gare di campionato, alcuni ‘blackout’ mentali: “Sul loro secondo gol abbiamo commesso un errore simile a quello fatto con la Lazio – spiega Pirlo – e purtroppo sta accadendo troppo spesso. Dobbiamo capire che non si può perdere la concentrazione nemmeno per pochi secondi. È vero che abbiamo giocato tante partite e che tanti calciatori tornavano dalle nazionali, ma non ce lo possiamo permettere”.
    Serie A, la classifica
    “Siamo troppo prevedibili”
    Piccola consolazione la reazione avuta dalla squadra: “Dopo lo svantaggio abbiamo ripreso in mano la partita, preso un palo (con Bentancur, ndr) e avuto alcune occasioni con Cristiano. Stiamo perdendo per strada tanti punti e ora dobbiamo lavorare per migliorare, in alcuni principi di gioco e nell’occupazione delle posizioni – conclude Pirlo – per non giocare troppo in orizzontale e non essere prevedibili come ora”.
    Serie A, calendario e risultati
    Guarda la galleryTorino-Juve 2-2: Sanabria non basta, Ronaldo rimonta LEGGI TUTTO

  • in

    Diretta Torino-Juve ore 18: probabili formazioni, come vederla in tv e streaming

    TORINO – Il Torino è reduce da 3 ko nelle ultime 4, la Juventus dal clamoroso tonfo interno con il Benevento, che potrebbe aver pregiudicato definitivamente il sogno 10° Scudetto consecutivo. È una sfida da dentro o fuori il Derby della Mole, match clou della 29ª giornata di Serie A, con i granata di Davide Nicola a caccia di fondamentali punti salvezza e i bianconeri di Andrea Pirlo coinvolti nella bagarre per un posto nella prossima Champions League ed alle prese con le positività al Coronavirus di Bonucci e Demiral e con le polemiche per il festino che ha visto protagonisti Arthur, Dybala e McKennie, messi fuori squadra dal tecnico a tempo indeterminato.
    SEGUI TORINO-JUVENTUS LIVE SUL NOSTRO SITO
    Dove vedere in tv e streaming Torino-Juve
    Il match tra Torino e Juventus sarà trasmesso in diretta da Dazn e sarà disponibile anche sul canale satellitare Dazn1 per i clienti che hanno aderito all’offerta Sky-Dazn. Gli utenti in possesso di un abbonamento Sky potranno assistere al derby sull’app presente sul decoder Sky Q. In alternativa, sarà possibile seguire la cronaca testuale della sfida live sul nostro sito.
    Torino-Juve, le probabili formazioni
    TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, Bremer, Buongiorno; Lukic, Gojak, Mandragora, Linetty, Ansaldi; Sanabria, Belotti. Allenatore: Nicola. A disposizione: Ujkani, V. Milinkovic-Savic, Rodriguez, Nkoulou, Lyanco, Murru, Vojvoda, Baselli, Rincon, Verdi, Zaza, Bonazzoli. Indisponibili: Singo. 
    JUVENTUS: (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, De Ligt, Chiellini, Danilo S.; Ramsey, Bentancur, Rabiot, Chiesa; Morata, Cristiano Ronaldo. Allenatore: Pirlo. A disposizione: Pinsoglio, Israel, Frabotta, Alex Sandro, Dragusin, Di Pardo, Fagioli, Bernardeschi, Kulusevski, Felix Correia. Indisponibili: Demiral, Bonucci, Arthur, McKennie, Dybala. Squalificati: Buffon.
    Arbitro: Fabbri di Ravenna.Assistenti: Melli e AlassioIV uomo: SacchiVar: MazzoleniAvar: Paganessi LEGGI TUTTO

  • in

    Torino in campo verso il Crotone: solo terapie per Izzo

    TORINO – Sessione di lavoro pomeridiano per il Torino che, al Filadelfia, ha proseguito la preparazione in vista della trasferta di Crotone in programma domenica pomeriggio (ore 15 all’Ezio Scida). Dopo la consueta attivazione muscolare Davide Nicola ha diretto una sessione tecnica con esercitazioni a tema, lavoro sul possesso palla e infine ha fatto svolgere una partita a ranghi misti, con tempo e campo ridotti. Sul fronte dei singoli Armando Izzo ha svolto solo terapie a causa di una fastidiosa lombalgia: le condizioni del difensore verranno valutate nuovamente domani, quando in mattinata i granata svolgeranno la rifinitura prima della partenza nel pomeriggio per il ritiro di Crotone. LEGGI TUTTO

  • in

    Marchisio sindaco di Torino, la smentita: “Che assurdità!”

    TORINO – Claudio Marchisio rispedisce al mittente le indiscrezioni circa una sua candidatura a sindaco di Torino con il Partito Democratico. L’ex centrocampista della Juventus e della Nazionale lo ha fatto attraverso un post sul suo account ufficiale Twitter: “Quello che trovo incredibile è che debba anche rispondere a queste assurdità. La politica è una cosa seria. Allora per favore facciamo i seri”, ha scritto Marchisio molto impegnato nel sociale dopo il ritiro da calciatore. LEGGI TUTTO