consigliato per te

  • in

    Napoli, Milik verso l'addio

    Arkadiusz Milik comincia ad essere impaziente ed ha capito che è stato un atto di ingiustizia verso se stesso aver fatto saltare le trattative dell’ultima sessione di mercato: la presenza del suo manager a Castel Volturno ha un significato ben preciso, fare in modo che si arrivi ad una soluzione nel prossimo gennaio. Il procuratore di Milik è stato accolto da De Laurentiis e da Giuntoli e la chiacchierata è servita per rimuovere quel filo (spesso) di tensione che ha caratterizzato il rapporto tra il centravanti polacco e il club azzurro. Milik non aspetterà giugno per svincolarsi a parametro zero, vuole giocare per non perdere gli Europei. LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, Insigne respira: lieve contrattura

    Lorenzo Insigne tira un sospirone di sollievo: l’infortunio a San Sebastian si è rivelato meno serio del previsto e lo scugnizzo può fronteggiare serenamente questa “lieve contrattura alla coscia sinistra”. Sicuramente salterà la gara con il Sassuolo di domenica ed è presumibile almeno per ora che per Insigne debba rinunciare anche alla gara di Europa League di giovedì prossimo e a quella di campionato con il Bologna. Il precedente non consiglia di rischiare neanche con la Nazionale, Dunque, ipotesi probabile per il rientro, la sfida con il Milan, dopo la sosta. Per ora. LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, Insigne si ferma: lieve contrattura alla coscia sinistra

    NAPOLI – I tifosi del Napoli e Rino Gattuso incrociano le dita: Lorenzo Insigne ha riportato una lieve contrattura alla coscia sinistra dopo la gara contro la Real Sociedad, come evidenziato dal report azzurro. Il capitano partenopeo è dunque a rischio per la sfida contro il Sassuolo: “Lorenzo Insigne si è sottoposto ad accertamenti diagnostici che hanno evidenziato una lieve contrattura alla coscia sinistra. La sua situazione verrà valutata di giorno in giorno”.
    Maradona compie 60 anni, dal Napoli a Cannavaro e Batistuta: gli auguri di sportivi e vip LEGGI TUTTO

  • in

    Gattuso: “Insigne si è fermato in tempo. Grande Napoli, ma voglio di più”

    SAN SEBASTIAN (Spagna) – “Ci giocavamo più del 50% del passaggio del turno, un cammino che abbiamo complicato con l’Az Alkmaar. Non era facile venire a giocare qua, ci hanno messo in difficoltà, sono una squadra forte”. Gennaro Gattuso commenta ai microfoni di Sky Sport la vittoria di misura del suo Napoli a San Sebastian con la Real Sociedad, nel match valido per la seconda giornata della fase a gironi di Europa League: “A me il Napoli è piaciuto, soprattutto tatticamente, abbiamo fatto una grande partita, da rivedere solo qualcosa a livello qualitativo. Dopo 25′ abbiamo cambiato, non siamo più andati a prenderli, ma li abbiamo aspettati, ci siamo abbassati perché era giusto farlo, con Lobotka trequartista, così abbiamo preso meno imbucate. Insigne? Si è fermato in tempo, domani lo valutiamo, ma non ha sentito la stessa fitta che ha sentito con il Genoa”.
    Real Sociedad-Napoli 0-1, la cronaca
    Tabellino e statistiche
    Gattuso: “Alleno una squadra forte”
    “Non so se siamo una squadra da Scudetto, ma ho la consapevolezza di allenare una squadra forte che mi dà tanta sicurezza. Per la qualità che abbiamo, però, mi piacerebbe venire in questi campi e giocarmela in maniera differente. La squadra mi è piaciuta, però abbiamo fatto una grande partita a livello tattico, meno a livello qualitativo. Vorrei che, anche cambiando 7 giocatori, non cambiasse la mentalità. Se saremo da Scudetto lo vedremo strada facendo. Stiamo vivendo un momento particolare, ogni mattina bisogna farsi il segno della croce sperando che non ci siano calciatori contagiati. Dobbiamo lavorare e fare una vita sana. C’è una base perché sono calciatori forti. Io sono pane al pane e vino al vino, sono disposto a dare tutto ai calciatori, ma voglio vedere serietà. Questa squadra la sento mia per come lavoro, mi aspetto di più perché so che può farlo. Quando proponiamo qualcosa di nuovo, l’applicazione è massima. So che c’è qualità, ripeto, è per questo che voglio di più. È bello lavorare con questi giocatori. Lozano? Al Psv me lo ricordo bene, Giuntoli non è pazzo che spende 40 milioni per un calciatore che non è forte. Aveva problemi, cadeva quando calciava, va allenato in una certa maniera, al 100%, ma i meriti sono suoi, non miei. Voglio fare gli auguri a Maradona per i 60 anni che farà domani. L’incontro con De Laurentiis per il contratto? Ciao a tutti…”.
    Politano, che abbraccio con Mertens dopo il gol alla Real Sociedad LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, Giuntoli: “Gattuso, a breve il rinnovo”

    SAN SEBASTIAN – “Quando c’è la volontà delle parti di restare insieme, problemi non ce ne saranno e credo che a breve possa esserci una fumata bianca”. Cristiano Giuntoli, intervenuto ai microfoni di Sky Sport, si è mostrato ottimista sul rinnovo del tecnico Gattuso, in occasione del match degli azzurri contro la Real Sociedad: “Firma la fine del 2020? Può essere, perché no” ha aggiunto Giuntoli. “Un campionato così buono può distrarre il Napoli dall’Europa League? Sì, lo può fare, però, noi abbiamo una rosa ampia di bravi giocatori – ha concluso il ds – abbiamo il dovere di fare il massimo in tutte le competizioni e in tutte le gare”. LEGGI TUTTO