consigliato per te

  • in

    Okereke si gioca il Torino: “Ecco cosa mi dice Juric”

    TORINO – «In questa stagione a Cremona in B sono partito col piede sbagliato. Ma qui, fin da quando sono arrivato, tutti mi hanno accolto a braccia aperte e in panchina contro il Sassuolo mi sono detto: Davide, qui devi dare il massimo per ripagare tutti. Ho cercato di farlo, quando poi sono entrato. E così farò anche nei prossimi mesi». David Okereke, seconda punta preso a gennaio, ha anche rivelato cosa vuole da lui Juric: «In allenamento stiamo lavorando tanto affinché io diventi sempre più incisivo nell’uno contro uno contro gli avversari. Sono uno che deve dare fastidio ai difensori in zone diverse dl campo».

    Okereke, c’è Toro-Lecce per… segnare

    Sette reti con il Venezia in Serie A, altrettanti con la Cremonese nel ’22-23, l’anno dopo. Anche a lui Juric si aggrappa per aumentare la prolificità offensiva. E lui deve convincere il Torino a riscattarlo, a fine stagione. Ce la farà? Costa circa 4 milioni. Ogni partita, a cominciare da quella di venerdì sera in casa con il Lecce: orariodi inizio alle 19. LEGGI TUTTO

  • in

    Verona-Juve, arbitra Di Bello: tutti i precedenti con i bianconeri

    TORINO-LECCE, arbitro Ayroldi (Venerdì 16/02 ore 19:00)
    INTER-SALERNITANA, arbitro Piccinini (Venerdì 16/02 ore 21.00)
    NAPOLI-GENOA, arbitro Sacchi (Sabato 17/02 ore 15.00)
    VERONA-JUVENTUS, arbitro Di Bello (Sabato 17/02 ore 18.00)
    ATALANTA-SASSUOLO, arbitro Prontera (Sabato 17/02 ore 20.45)
    LAZIO-BOLOGNA, arbtiro Maresca (Domenica 18/02 ore 12.30)
    EMPOLI-FIORENTINA, aribtro Pairetto (Domenica 18/02 ore 15.00)
    UDINESE-CAGLIARI, arbitro Mariani (Domenica 18/02 ore 15.00)
    FROSINONE-ROMA, arbitro Giua (Domenica 18/02 ore 18.00)
    MONZA-MILAN, arbitro Colombo (Domenica 18/02 ore 20.45) LEGGI TUTTO

  • in

    Allegri dopo Juve-Udinese, conferenza stampa e interviste: rivivi la diretta

    23:55
    Cambiaso a DAZN: “I fischi non mi sorprendono”
    Cambiaso ha aggiunto e concluso: “Siamo la Juventus, oneri e onori. Qui se pareggi sembra una tragedia. Abbiamo fatto un punto in tre partite, abbiamo abituato la gente a un certo tipo di risultati. Oggi è andata così e non mi sorprendono i fischi. Ci stanno. L’Inter è più esperta, ha giocato partite più importanti. Dobbiamo rimanere uniti ma non ho dubbi, il gruppo è fantastico”.

    23:50
    Cambiaso a DAZN: “Ora niente panico”
    Cambiaso a DAZN: “Nessuno si aspettava una gara del genere nel risultato. Ci è mancata cattiveria là davanti per fare gol. Nel secondo tempo siamo stati lenti e loro si sono chiusi bene, dovevamo muovere la palla più velocemente. Noi lavoriamo per il nostro percorso, cioè per centrare la Champions. Ci siamo ritrovati a lottare con l’Inter, ma ora continuiamo con serenità il nostro percorso senza farci prendere dal panico perché  abbiamo sbagliato tre partite. Con serenità e lucidità bisogna lavorare. Mi sento a mio agio in tutte le zone del campo. Mi piace giocare con la palla, cerco di coprire le posizione giuste e dare il massimo”.

    23:43
    Cambiaso a Sky: “Calo evidente”
    Cambiaso a Sky: “Ci è mancata un po’ di cattiveria là davanti e un po’ di fortuna. Nel secondo tempo loro si sono chiusi bene, dovevamo girare la palla più veloce. Abbiamo un percorso da fare. Abbiamo portato a casa 53 punti finoora e dobbiamo continuare stando sereni come ha detto il mister. Ora dobbiamo reagire e continuare a lavore, serve avere fiducia. Il calo è evidente, un punto in tre partite è poco, penso però che sia una questione di episodi. Ho a che fare con con compagni e staff importanti, non ho un ruolo preferito”.

    23:40
    Cioffi a DAZN: “Prova di grande forza mentale”
    Cioffi a DAZN: “Questa serata è un premio per la determinazione che i ragazzi ci hanno messo nel credere nelle mie idee e nel mio modo di lavorare. I ragazzi hanno sofferto in maniera incredibile, sono stati bravissimi tutti, chi è partito dall’inizio e chi è entrato dalla panchina. Giannetti ha portato equilibrio, letture, esperienza. I ragazzi hanno sempre mantenuto un atteggiamento propositivo, il lavoro non è mai mancato. Oggi hanno avuto una grande forza mentale. L’aspetto fisico è predominante avendo tanto giocatori giovani e di talento, sono felice per loro. Ripartire dopo un 2-2 e un 2-3 nel recupero non è facile. Okoye? Non è stato una sorpresa vederlo giocare con personalità. Ho la fortuna di avere 3 portieri forti”.

    23:37
    Allegri sull’assenza di Vlahovic
    In conferenza stampa Allegri ha aggiunto e concluso: “Le assenze non si sentono, finora la squadra ha giocato e fatto punti con e senza Vlahovic, Danilo e Chiesa”.

    23:36
    Allegri in conferenza stampa su Chiesa e Locatelli
    Allegri in conferenza stampa sui cambi di Chiesa e Locatelli: “Federico aveva fatto una buona partita, mi sono detto metto dentro Iling e poi Cerri così magari viene fuori qualcosa da un cross. Nicolussi è un calciante l’ho messo per qualche situazione da palla inattiva. Comunque ora arriva il difficile perché finché vinci è tutto facile”.

    23:34
    Allegri in conferenza stampa: “In linea con gli obiettivi della stagione”
    Allegri ha aggiunto in conferenza stampa: “Fare chiacchiere in questo momento non serve a niente, è un momento in cui bisogona resettare, arrivare velocemente alla quota Champions. Siamo in linea con gli obiettivi della stagione, il di più era stare attaccati a una squadra costruita per vincere. Abbiamo tentato di stare addosso all’Inter, adesso non è tutto perso”.

    23:30
    Allegri in conferenza stampa: “Sconfitta non è figlia del ko a Milano”
    Allegri in conferenza stampa: “Questa sconfitta non è figlia di quella a Milano contro l’Inter. L’Udinese è una squadra fisica che rallenta, una volta che vai sotto è difficile. Abbiamo perso due partite di fila ma non deve cambiare la visione attorno alla squadra. Da domani bisogna pensare alla partita di sabato contro il Verona. Dobbiamo tornare a fare punti”.

    23:26
    Cioffi a Sky: “Bravi ai ragazzi, Giannetti leader silente”
    Cioffi a Sky: “I ragazzi sono stati bravi, abbiamo passato dei momenti difficili mentalmente ma non hanno mai mollato. Piano partita eseguito con grande fatica perché loro sono campioni. Chi è entrato ha fatto benissimo. Lautaro Giannetti è un leader silente. Parla poco e picchia tanto. Ci ha portato tanto in spogliatoio a livello di calma e serenità. Sono le cose che ci sono mancate perché siamo una squadra abbastanza giovane non facendo rimpiangere due assenze improtanti come quelle di Pereyra e Deuloefeu. Un altro step è stata la convizione e la frustrazione di non accettare quello che dicevano i dati. Poi abbiamo continuato a lavorare, siamo consapevoli di essere vicini all’obiettivo ma non vicinissimi”.

    23:18
    Allegri a DAZN sul mancato impiego di Alcaraz
    Allegri ha concluso a DAZN: “Nelle ultime tre settimane quelli che non giocano sono quelli che devo far entrare. Col senno di poi non si va da nessuna parte. Alcaraz? Ho preferito mettere altri ragazzi per come si era messa la partita. A tutti piace vincere. Ci sarebbe piaciuto rimanere in scia all’Inter ma se siamo a -7 con una partita in più bisogna essere realisti”.

    23:16
    Allegri a DAZN: “I giovani hanno bisogno di crescere”
    Allegri ha continuato la sua analisi a DAZN spiegando: “I giovani hanno bisogno di crescere, me ne sono passati tanti per le mani dai tempi del Milan e lo so bene. Questo contro l’Udinese è un incidente di percorso. Questo momento può diventare molto pericoloso. Non dobbiamo guardare la classifica. L’Inter l’anno scorso ha giocato una finale di Champions, è cresciuta in autostima e bisogna fargli solo i complimenti, ma io faccio i complimenti ai miei ragazzi perché stanno facendo un campionato altrettanto importante”.

    23:15
    Allegri a DAZN: “Complimenti all’Inter e a Inzaghi”
    Allegri a DAZN ha proseguito: “Quando la Juve ha vinto nove scudetti è perché era la squadra più forte. Così come per l’Inter adesso. Vince la squadra più forte, è normale. Fare 60 punti con una partita in meno è un risultato straordinario e vanno fatti i complimenti a Inzaghi. Avevo detto che il Milan sarebbe rientrato ed è accaduto. Il momento di down è arrivato, 53 punti sono tanti ma dobbiamo riprendere a macinare”.

    23:14
    Allegri a DAZN: “Dispiace per la prima sconfitta in casa”
    Ancora Allegri a DAZN: “Gli inserimenti sono stati pochi e abbiamo crossato troppo dalla trequarti. Non abbiamo sbloccato la partita e abbiamo preso gol su una punizione. I numeri dell’Udinese in trasferta non vanno comunque sottovalutati. Dispiace per la prima sconfitta in casa. Dobbiamo continuare a lavorare. Stare dietro all’Inter era un’ambizione importante, ma ho sempre detto che loro sono stati costruiti per essere a questo punto dall’epoca Conte. L’anno scorso eravamo arrivati in Champions, sappiamo cosa è successo e ora vogliamo tornarci a tutti gli effetti”.

    23:11
    Allegri a DAZN: “L’Udinese difende bene”
    Allegri ha aggiunto a DAZN: “Nel primo tempo abbiamo fatto una buona partita tecnicamente. L’Udinese è una squadra che difende bene e quando hai l’occasione deve far gol”.

    23:09
    Allegri a DAZN: “Preso un gol balordo”
    Allegri a DAZN: “Stiamo attraversando un momento particolare, abbiamo fatto un punto nelle ultime tre partite, ma non dobbiamo perdere di vista l’obiettivo stagionale che è la Champions. Dobbiamo raggiungere quanto prima possibile la quota Champions. Abbiamo preso un gol balordo. Attraverso questi momenti si cresce”.

    23:09
    Allegri a Sky: “Ora serve essere più spensierati”
    Allegri ha aggiunto a Sky: “C’è stata la bella occasione di Yildiz ma è inutile stare a recriminare. Sono dispiaciuto perché non risuciamo a vincere da tre partita ma abbiamo fatto un buon primo tempo: è stata una partita lenta anche per l’Udinese. Nel secondo tempo abbiamo fatto più fatica a creare occasioni. Ora bisogna reagire. Un punto in tre partite? Nessuno se lo sarebbe aspettato ma bisogna accettarlo. Il calcio va preso per quello che è. Chiesa? Federico ha fatto una buona partita dopo due settimane in cui non si è allenato a pieno, ci si aspetta sempre cose importanti da lui. Ho passato momenti peggiori nel calcio, ora serve essere più spensierati”.

    23:09
    Allegri a Sky: “Resettare tutti e ripartire da Verona”
    Allegri ai microfoni di Sky: “Durante l’annata ci sono questi momenti, nel primo non siamo riusciti a fare gol e lo abbiamo subito. L’Udinese è una squadra tecnica e fisica, non facile da affrontare. Dobbiamo fare ancora molti punti per arrivare in Champions, resettarci e ricominciare da Verona. Questa squadra è stata costruita con giocatori di poca esperienza per vincere il campionato, dispiace ma reagiremo. Essere nervosi ora non serve, dobbiamo pensare a lavorare”.

    23:06
    Allegri sta per arrivare ai microfoni di DAZN
    Allegri sta per arrivare ai microfoni di DAZN: tra un paio di minuti interverrà in diretta.

    22:56
    Samardzic a DAZN: “Mercato? Felice di essere rimasto all’Udinese”
    In attesa dell’arrivo di Allegri, Samardzic ha parlato anche a DAZN: “Sappiamo che vincere a Torino contro la Juve è molto difficile. Abbiamo dato tutto e siamo felici. Volevamo dare il cento per cento in tutti i reparti. Cioffi ha parlato tanto con noi perché tutti parlavano di me in merito al mercato, mi ha chiesto di restare concentrati e di dare il massimo in allenamento. Per fortuna ora è finito e sono felice di essere rimasto all’Udinese”.

    22:52
    Samardzic a Sky: “Mi piace giocare contro le grandi”
    In attesa dell’arrivo di Allegri, a Sky ha parlato Samardzic: “Sappiamo tutti che contro la Juventus in casa è difficile ma abbiamo dato tutto e vinto. Il gol di Giannetti? Abbiamo studiato quella situazione ed è venuta perfetta. Abbiamo difeso come bestie, siamo felici. Vincere porta sempre una fiducia incredibile. Mercato? Non voglio sentire niente, penso solo all’Udinese. Mi piace giocare contro le grandi”

    22:50
    Chi è Lautaro Giannetti, match-winner di Juve-Udinese
    Chi è Lautaro Giannetti, che ha deciso Juve-Udinese (Leggi tutto)

    22:40
    Juve-Udinese 0-1
    All’Allianz Stadium l’Udinese ha vinto grazie a un gol di Giannetti al 25′. Seconda sconfitta consecutiva e prima casalinga stagionale per gli uomini di Allegri che, dopo aver perso lo scontro diretto, scivolano a -7 dalla capolista Inter (una partita in meno).

    Allianz Stadium – Torino LEGGI TUTTO

  • in

    Allegri e il gesto dopo il gol dell’Udinese: sulla panchina Juve spunta una tv

    Allegri rivede in presa diretta il gol di Giannetti
    Neppure il tempo che il pallone finisse in rete e Allegri è corso in panchina per analizzare attraverso l’ausilio di un monitor la dinamica dell’azione che ha portato Giannetti a girare in rete un pallone respinto con affanno da Alex Sandro sugli sviluppi di una punizione dalla destra, calciata da Samardzic. Un replay in presa diretta, osservato con grande attenzione, per valutare le responsabilità e fugare ogni possibile dubbio in merito alle responsabilità.
    Allegri e il monitor: il precedente con Vlahovic
    Visibilmente contrariato, Allegri ha subito dato indicazioni in campo ai suoi uomini. Per quanto riguarda il monitor dell’Allianz Stadium utilizzato da Allegri non si tratta, però, di un inedito: celebre la smorfia per l’errore di Vlahovic in occasione del match interno con il Napoli. LEGGI TUTTO

  • in

    Juve-Udinese diretta: segui LIVE la partita di oggi

    22:03
    60′ – Gol annullato a Milik. Dentro Yildiz.
    Milik supera Okyo di testa su un azione da corner ma Abisso annulla il gol: sull’angolo battuto da Chiesa il pallone era uscito. Allegri butta dentro Yildiz al posto di Weah.

    22:00
    56′ – Incursione di Rabiot, Milik chiede il tocco di mano
    Accelerata di Rabiot verso l’area di rigore dell’Udinese e cross in mezzo verso Milik, che tira di destro su cui c’è un doppio tocco di mano di Perez e Giannetti: in entrambi i casi sono braccia in appoggio al terreno e quindi non punibili con un calcio di rigore.

    21:53
    50′ – Fallo su Chiesa, Cambiaso batte male
    Fallo su Chiesa sullo “spigolo” dell’area di rigore. Cambiaso si incarica della battuta ma il pallone è troppo basso. Nel frattempo comincia ad aumentare i giri nel riscaldamento Yildiz.

    21:50
    47′ – Espulso un collaboratore di Allegri
    Abisso sventola un rosso verso la panchina della Juventus: esce dal campio Simone Folletti, preparatore atletico di Allegri.

    21:49
    46′ – Inizia il secondo tempo
    Riprende il match tra Juventus e Udinese. Chiesa sgasa subito sulla fascia sinistro ma il suo cross finisce tra le mani di Okoye. La Juventus sembra essere passata ad una difesa a quattro con Alex Sandro e Weah terzini.

    21:38

    Dominio bianconero allo Stadium ma finora il risultato condanna la squadra di Allegri. Ecco tutti i dati

    21:32
    45+2′ – Fine primo tempo, Juventus-Udinese 0-1
    Le squadre tornano negli spogliatoi per l’intervallo sul risultato di 0-1. Al momento decisivo il gol di Giannetti al 25′ di Giannetti.

    21:28
    42′ – Colpo di testa di Milik, salva Okoye
    Milik gira di testa a colpo sicuro un altro cross di Cambiaso verso la porta: riflesso in angolo di Okoye.

    21:25
    38′ – Giallo per Bremer: punizione alta di Thauvin
    Fallo di Bremer su Samardzic. Il brasiliano, ammonito in diffida, salterà il prossimo match contro il Verona. Sulla punizione dai venti metri il pallone da Thauvin finisce altro

    21:18
    33′ – Mancino di Rabiot, Okoye respinge
    Ancora un tiro dalla distanza, stavolta è Rabiot: mancino forte ma centrale. Okoye respinge.

    21:16
    31′ – A terra Ehizibue
    Ehizibue colpito allo sterno in un contrasto di gioco con Cambiaso. Soccorso dallo staff medico, è uscito dolorante.

    21:14
    29′ – Inziativa di Cambiaso, Milik spreca
    Cambiaso entra in area e mette in mezzo un cross potente su cui Milik arriva senza riuscire a indirizzare verso la porta.

    21:13
    28′ – Destro potente di Gatti
    Nuovo tentativo di Gatti: destro potente, Okoye blocca.

    21:10
    25′ – Udinese avanti, gol di Giannetti
    1-0 per l’Udinese con Giannetti. Il difensore argentino è bravo a fiondarsi sul pallone in area piccola dopo un rinvio non riuscito di Alex Sandro sulla battuta di un calcio da fermo. (vedi QUI la reazione di Allegri)

    21:07
    22′- Okoye esce a valanga su Milik
    Contatto tra Milik e Okoye in area di rigore: il portiere colpisce con i pugni in uscita l’attaccnte. Per Abisso nulla da segnalare.

    21:05
    19′ – Ci prova anche Gatti
    Ci prova anche Gatti da fuori: tiro troppo schiacciato che finisce largo di molto

    20:54
    9′ – Ammonito Ehizibue
    Fallo di Ehizibue su Chiesa: Abisso sventola il cartellino giallo all’esterno di Cioffi.

    20:52
    7′ – Occasione per Cambiaso
    Chance per Cambiaso: Okoye esce e blocca il tiro successivo di Chiesa da fuori area.

    20:47
    2′ – Subito un fallo di Rabiot
    Rabiot abbatte Lovric nella metà campo dell’Udinese dopo un tentativo di pressing.

    20:45
    1′ – Partiti, è iniziata Juventus-Udinese
    1′ – Partiti, è iniziata Juventus-Udinese: cominciato il posticipo della ventiquattresima giornata di Serie A.

    20:35
    Vlahovic premiato. Ci sono anche Camoranesi e Pepe
    Sebbene non possa prendere parte alla gara, Vlahovic è stato premiato dalla Lega Serie A come miglior attaccante del mese di gennaio. Sul prato di gennaio si sono visti anche gli ex Juve Camoranesi e Pepe per un saluto ai tifosi. (QUI LE FOTO).
    20:30

    Ai microfoni di Sky Sport ha parlato invece Giuntoli: “Vogliamo raggiungere il prima possibile il quarto posto, stasera abbiamo una partita difficile contro un’Udinese che non ha i punti che merita. Allegri? Siamo felicissimi di lavorare con lui. Ha dimostrato di essere un grandissimo allenatore e ha un anno e mezzo di contratto: vogliamo proseguire con lui. Alla fine della stagione avremo tempo di metterci a sedere e programmare il futuro con lui. Scudetto l’anno prossimo? Ci sono da mettere a posto delle cose e vedremo strada facendo quello che sarà il nostro obiettivo, dobbiamo fare un passettino per volta. Se faremo le coppe  aumenteremo il numero dei calciatori. Sicuramente saranno di qualità, ma adesso non possiamo fare altri progetti che non siano su stasera”

    20:23
    Lovric: “Sappiamo che la situazione non è facile”
    Nel pre-partita è intervenuto anche Lovric: “Dobbiamo essere tranquilli nella testa, sappiamo che la situazione non è facile ma dobbiamo prendere la pressione in modo positivo per uscirne”.

    20:20
    Allegri come Lippi: premiato nel pre-partita
    Allegri è stato dal presidente Ferrero per il raggiungimento delle 405 panchine con la Juventus in tutte le competizioni. Eguagliato Marcello Lippi al secondo posto.

    20:15
    Cambiaso: “Su Chiesa e Alcaraz…”
    Cambiaso ha parlato ai microfoni “Noi lavoriamo ogni giorno per dare il meglio di noi stessi. Sappiamo che abbiamo fatto un punto in una settimana e dobbiamo reagire. Mi sento cresciuto e penso di poterlo fare ancora molto, devo ringraziare i compagni, il mister e lo staff perché non mi aspettavo una cresciata esponenziale. Chiesa lavora sempre bene, questa settimana è sembrato carico. Alcaraz è una ragazzo genuino e ha molta voglia di allenarsi e migliorare”.

    20:00
    Juventus, assente Vlahovic
    Dusan Vlahovic sarà costretto a seguire la partita dalla tribuna: l’attaccante serbo non è stato convocato da Massimiliano Allegri per un piccolo risentimento muscolare.

    19:50
    Le formazioni ufficiali di Juventus-Udinese
    JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Gatti, Bremer, Alex Sandro; Weah, McKennie, Locatelli, Rabiot, Cambiaso; Milik, Chiesa. Allenatore: Massimiliano Allegri
    A disposizione: Pinsoglio, Scaglia, Rugani, Djalo, Kostic, Miretti, Nicolussi C., Alcaraz, Nonge, Yildiz, Iling-Jr., Cerri.
    UDINESE (3-5-1-1): Okoye; Pérez, Giannetti, Thiesson Kristensen; Ehizibue, Lovric, Walace, Samardzic, Zemura; Thauvin; Lucca. Allenatore: Gabriele Cioffi
    A disposizione: Silvestri, Padelli, Ebosele, Zarraga, Success, Davis, Kamara, Joao Ferreira, Tikvic, Brenner, Kabasele, Payero.
    Arbitro: Rosario Abisso

    19:45
    Tra poco comincerà Juventus-Udinese
    Juventus e Udinese si affronteranno nell’ultimo match del ventiquattresimo turno di campionato. Squadre in campo per il  riscaldamento.

    Allianz Stadium – Torino, Italia LEGGI TUTTO

  • in

    Caso Acerbi, la Procura Figc apre un’inchiesta dopo il dito medio ai tifosi della Roma

    La procura della Federcalcio ha aperto un procedimento nei confronti di Francesco Acerbi per il dito medio nei confronti dei tifosi della Roma durante la partita di ieri pomeriggio all’Olimpico. Dopo il controllo al Var successivo al primo gol dei nerazzurri, il difensore ha rivolto il gestaccio verso la Tribuna Montemario: un’immagine sfuggita nell’immediato sia alla diretta televisiva sia agli ispettori della procura – erano in 4 – presenti a bordo campo, complice anche il diluvio e la concitazione di quei momenti.

    Caso Acerbi dopo Roma-Inter: aperta un’indagine

    Le immagini però hanno fatto oggi il giro dei social e sono finite sul tavolo del procuratore federale Giuseppe Chiné, il quale ha immediatamente aperto un’indagine. Acerbi sarà ascoltato nei prossimi giorni in Via Campania e, nel caso in cui non dovesse patteggiare, andrebbe incontro a una squalifica. Molto più probabile, visti i precedenti (c’è quello di Zaniolo in un derby a settembre 2021), che ammettendo le proprie responsabilità il difensore dell’Inter possa invece cavarsela con una multa pesante. LEGGI TUTTO

  • in

    Fiorentina show, cinque reti al Frosinone: gol Belotti alla prima al Franchi

    FIRENZE – Il Gallo canta all’alba, e il panorama è subito meraviglioso. Andrea Belotti avvia il rotondo successo casalingo della Fiorentina che batte il Frosinone per 5-1 e torna al sesto posto. La formazione di Italiano mette alle corde i ciociari sin dalle prime battute. Il vantaggio arriva dopo sedici minuti con Belotti rapido ad anticipare tutti sul primo palo dopo un cross dalla destra di Ikone. Il raddoppio arriva tre minuti dopo grazie all’attaccante francese che batte a rete trovando una deviazione che inganna il portiere Turati. La sfida è un monologo fiorentino, la squadra di Italiano piazza il terzo acuto a ridosso dell’intervallo con Martinez Quarta che – sugli sviluppi di un corner – stacca di testa mettendo il pallone alle spalle del portiere del Frosinone.

    Fiorentina-Frosinone, la ripresa

    Quando tornano in campo dopo l’intervallo, i padroni di casa hanno già in tasca i tre punti. La gestione della partita diventa scolastica, ordinaria, soprattutto dopo il quarto gol firmato da Nico Gonzalez che sfrutta un assist di Duncan. Al 66’ il Frosinone riduce il divario grazie a un calcio di punizione del proprio capitano Mazzitelli che non lascia scampo al portiere viola Terracciano. A ridosso del novantesimo arriva il quinto gol della Fiorentina grazie a Barak che sfrutta una corta respinta di Turati per infilare a porta sguarnita. LEGGI TUTTO

  • in

    Fiorentina-Frosinone, ore 12:30: dove vederla in tv, streaming e formazioni

    Fiorentina-Frosinone sarà trasmessa in diretta streaming per gli abbonati di Sky sull’app SkyGo e sarà fruibile anche su NOW.
    La probabile formazione di Italiano
    FIORENTINA (4-2-3-1): Terracciano; Kayode, Milenkovic, Quarta, Biraghi; Maxime Lopez, Mandragora; Nico Gonzalez, Beltran, Bonaventura; Belotti. A disposizione: Martinelli, Faraoni, Comuzzo, Arthur, Duncan, Infantino, Barak, Sottil, Ikoné, Nzola, Vannucchi.
    Indisponibili: Castrovilli, Christensen, Dodo, Kouame, Parisi. Squalificati: Ranieri. Diffidati: Bonaventura, Quarta. Allenatore: Italiano.
    La probabile formazione di Di Francesco
    FROSINONE (4-3-3): Turati; Gelli, Okoli, Monterisi, Valeri; Mazzotelli, Barrenechea, Brescianini; Soulé, Cheddira, Seck. A disposizione: Cerofolini, Frattali, Romagnoli, Harroui, Ibrahimovic, Reinier, Caso, Lirola, Baez, Kvernadze, Kaio Jorge, Garritano.
    Indisponibili: Kalay, Marchizza, Oyono, Bonifazi, Lusuardi, Zortea, Ghedjemis, Cuni. Squalificati: -. Diffidati: Oyono, Romagnoli. Allenatore: Di Francesco. LEGGI TUTTO