consigliato per te

  • in

    Demiral all’Atalanta, Gasperini ha detto sì. Brunori la Samp ci prova

    Merih Demiral (24) è stato riscattato dall’Atalanta per 20 milioni (già versati 2,5 per il prestito). Sono andati a buon fine i colloqui tra i bergamaschi e la Juventus, ripartiti nei giorni scorsi dopo una fase di stallo e di valutazioni approfondite da parte dei nerazzurri. Ieri è stata una giornata di svolta nei ragionamenti portati avanti in casa nerazzurra per arrivare a decidere di tenere il difensore turco: decisiva la volontà di Gian Piero Gasperini (64) di trattenere il giocatore che, però, non resta indifferente al corteggiamento delle società della Premier League. L’intenzione del club, sollecitato dall’allenatore, è invece quella di tenerlo a meno che non arrivi una offerta davvero irrinunciabile. Anche Willy Gnonto (18) può giocare all’estero. L’entourage del talento della Nazionale è in contatto con l’Hoffenheim e il Friburgo, segnalato sulla corsia di sorpasso, che hanno deciso di muovere passi concreti anche con lo Zurigo, proprietario del cartellino. Ovviamente il prezzo dell’attaccante è schizzato dopo la vetrina azzurra, tanto che il club elvetico non appare disposto a scendere dalla richiesta di 12 milioni di euro. Pure il Sassuolo si era interessato alle prestazioni di Gnonto. Sassuolo che ieri ha ufficializzato Agustin Alvarez (21), mentre su Gianluca Scamacca (23) al Psg ogni giorni ci sono piccoli passi nella direzione del via libera. C’è una trattativa impostata con i francesi sui 40 milioni di euro più 10 di bonus, mentre per l’ex Genoa è pronto un contratto sui 3,5 milioni di euro a stagione per i prossimi 5 anni.  

    Firme bianconere

    Giorni di rinnovi alla Juventus. Dopo quello del centrocampista Filippo Ranocchia (21), è attesa la firma di Nicolò Fagioli (21). Quest’ultimo farà, intanto, il ritiro con i bianconeri mentre il primo partirà subito in prestito: è conteso da Samp, Verona, Udinese e Cremonese. Sempre i grigiorossi attendono una risposta dal portiere dell’Inter Ionut Radu (25), già nel mirino dell’Empoli e monitorato dalla Lazio, mentre per l’attacco non considerano Mattia Destro (31). Sulla punta marchigiana restano i riflettori di Spezia, Salernitana e Lecce. Trattativa per Tommaso Milanese (19) della Roma, ma la società lombarda deve battere la concorrenza di Udinese, Empoli, Sampdoria, molti club di B e anche qualche offerta dall’estero. Non scompare poi dai radar Vlad Chiriches (32), che è in uscita dal Sassuolo. Capitolo su Matteo Brunori (27): accostato alla Cremonese, l’attaccante di proprietà della Juventus ha ricevuto un’offerta dal Cagliari e un sondaggio dalla Sampdoria, che però ha la necessità di vendere prima di comprare. La permanenza a Palermo, con un rinnovo importante, resta in ogni caso di stretta attualità. A proposito di goleador, è ufficiale il riscatto di Giovanni Simeone (26) da parte del Verona. Il Cholito ha mercato in Premier e se alla fine dovesse partire per rimpiazzarlo i gialloblù penserebbero anche al francese del Venezia, Thomas Henry (27). 

    Annunci

    Keita Balde (27) saluta a zero il Cagliari grazie ad una clausola inserita nel suo contratto. È stato sondato da due club turchi e dalla Sampdoria. Sebastiano Esposito (19), accostato all’Empoli, cerca una sistemazione a titolo definitivo. Bloccato dal Torino, Gabriel (29) deve invece definire l’intesa con i granata sulla base di un contratto biennale con opzione. Le parti si incontreranno la prossima settimana. Gianluca Frabotta (22) è pronto ad iniziare la nuova avventura al Lecce. Il ds dei pugliesi Pantaleo Corvino ha raggiunto un accordo con la Juventus sulla base di un prestito con riscatto e controriscatto. Non solo: ai salentini interessa anche Radu Dragusin (20). In uscita c’è Massimo Coda (33) sul taccuino del Cagliari, e a Gabriel Strefezza (25) che tanto piace al Torino. Sempre i granata restano a caccia di un nuovo attaccante dopo l’addio di Andrea Belotti (28). La punta della Nazionale non ha ancora abbandonato il sogno di indossare la maglia di una milanese. Tornando all’Atalanta, attese novità riguardo l’esterno Nuno Tavares (22) dell’Arsenal e il centrocampista del Verona Ivan Ilic (21) che piace molto anche al tecnico della Lazio, Maurizio Sarri (63). LEGGI TUTTO

  • in

    Atalanta, Malinovskyi suona la carica: “Obiettivi falliti ma ci rifaremo”

    La fondazione capitanata da Ruslan Malinovskyi ha messo all’asta maglie e cimeli sportivi per raccogliere fondi in favore del popolo ucraino. Una serata di beneficenza per aiutare un Paese alle prese con la guerra contro i russi. A margine della Malinovskyi Charity Night, il fantasista della Dea ha voluto manifestare, ancora una volta, la vicinanza ai propri connazionali: “Abbiamo questa associazione con i nostri amici e ringrazio tutte le persone che ci hanno aiutato. Vogliamo dare un contributo a tutte le persone che hanno perso casa e anche ai bambini. Anche per i giocatori ucraini non è facile, il campionato dovrebbe ripartire ma tutto può succedere. In Nazionale molti di loro hanno giocato con grande coraggio e ad alto livello nonostante non disputassero una gara ufficiale da mesi. Le maglie più gettonate? Quella di De Bruyne ma quella di Fernandinho, che ha giocato l’ultima stagione al City, è la più interessante”. LEGGI TUTTO

  • in

    Atalanta, Malinovskyi carico: “Ci rifaremo. Gasperini importante per me”

    Impegnato in prima linea per aiutare il popolo ucraino, Ruslan Malinovskyi ha organizzato con la sua fondazione una serata di beneficenza per raccogliere fondi che serviranno per sostenere il suo Paese, alle prese con la guerra contro la Russia. Nella Malinovskyi Charity Night sono stati messi all’asta maglie e cimeli sportivi: “Abbiamo questa associazione con i nostri amici e ringrazio tutte le persone che ci hanno aiutato – commenta il calciatore dell’Atalanta -.Vogliamo dare un contributo a tutte le persone che hanno perso casa e anche ai bambini. Anche per i giocatori ucraini non è facile, il campionato dovrebbe ripartire ma tutto può succedere. In Nazionale molti di loro hanno giocato con grande coraggio e ad alto livello nonostante non disputassero una gara ufficiale da mesi. Le maglie più gettonate? Quella di De Bruyne ma quella di Fernandinho, che ha giocato l’ultima stagione al City, è la più interessante”. LEGGI TUTTO

  • in

    Lazio, intervento ok per Carnesecchi: il comunicato dell'Atalanta

    BERGAMO – “Il calciatore Marco Carnesecchi, in data odierna, è stato sottoposto ad artroscopia di spalla sinistra per capsuloplastica. L’intervento è perfettamente riuscito ed il calciatore inizierà da subito il percorso riabilitativo”. Lo rende noto l’Atalanta sul suo sito ufficiale. Il portiere si era infortunato con l’Under 21, preoccupando sia la Dea sia la Lazio, in pole sul giocatore per rimpiazzare Strakosha. Per Sarri è il prescelto, nonostante il lungo stop che si prospetta. La notizia positiva comunque è che l’operazione non ha avuto ostacoli, ora sta alla Lazio affondare sul calciatore per regalarlo al tecnico biancoceleste. In attesa che recuperi presto (si parla di quattro mesi). LEGGI TUTTO

  • in

    L'Atalanta: “Carnesecchi operato, intervento riuscito”

    BERGAMO – Con un comunicato ufficiale l’Atalanta ha reso noto che “il calciatore Marco Carnesecchi, in data odierna, è stato sottoposto ad artroscopia di spalla sinistra per capsuloplastica. L’intervento è perfettamente riuscito ed il calciatore inizierà da subito il percorso riabilitativo”. Una buona notizia per il portiere, per la Dea, propietaria del cartellino, e per la Lazio che da tempo ha messo gli occhi sul calciatore per regalarlo a Sarri e che attendeva l’esito dell’operazione per capire se affondare il colpo oppure no. Per il tecnico biancoceleste rimane la prima scelta nonostante il ko (il recupero è stimato intorno ai quattro mesi), vedremo se la Lazio andrà fino in fondo o virerà su un altro obiettivo (Cragno e Vicario gli altri nomi).Guarda la gallerySerie A, Allegri tra i tecnici con più presenze: ecco la top10 LEGGI TUTTO

  • in

    Marca: “Clamoroso, l'Atalanta vuole Luis Suarez”

    MADRID (Spagna) – Marca lancia una clamorosa indiscrezione: l’Atalanta sarebbe interessata ad ingaggiare Luis Suarez, che a fine mese saluterà l’Atletico Madrid alla scadenza del suo contratto. Per assicurarsi le prestazioni del 35enne uruguaiano, però, i bergamaschi dovrebbero battere la concorrenza, fra gli altri, anche di Inter Miami, River Plate e di diversi altri club europei. 
    Atalanta, tanti giovani di talento per Gasperini
    Gasperini: “Niente addio all’Atalanta”
    “Atalanta su Suarez, l’ interesse è reale”
    L’interesse dei bergamaschi, secondo Marca, sarebbe reale: ciò non significa però che le parti siano vicine o che l’Atalanta possa realmente arrivare alle cifre richieste dall’uruguaiano. Stephen Pagliuca, co-proprietario dei Boston Celtics (protagonisti delle finali NBA di quest’anno) e a capo degli investitori statunitensi che hanno acquistato parte della partecipazione azionaria del club, potrebbe però favorire l’acquisto dell’ex Colchoneros con un’iniezione-extra di fondi per il mercato in modo da dare un “appeal” ancora più internazionale al club orobico.  LEGGI TUTTO

  • in

    Daily Star: “West Ham, non solo Eriksen: piace Maehle dell'Atalanta”

    LONDRA (INGHILTERRA) – Il West Ham ha puntato i riflettori su Eriksen e l’atalantino Maehle. Secondo quanto rivelato dagli inglesi del Daily Star, gli Hammers avrebbero mandato alcuni osservatori a Vienna per assistere al match tra Austria e Danimarca di lunedì scorso. Sotto la lente d’ingrandimento l’ex Inter, rilanciatosi al Brentford nella seconda parte dell’ultima stagione e ora svincolato, seguito in Premier League anche da Manchester United e Tottenham, e l’atalantino Joakim Maehle.
    Atalanta, Maehle nel mirino del West Ham
    L’esterno danese, 25 anni appena compiuti (20 maggio), è arrivato nel gennaio 2021 a Bergamo e sotto la guida del tecnico della Dea Gian Piero Gasperini è migliorato molto anche in fase difensiva. Dotato di ottimi piedi e di grande corsa, può giocare anche sull’out di sinistra e con l’Atalanta ha anche maturato una certa esperienza in campo europeo avendo disputato la Champions League (5 presenze) e l’Europa League (3 presenze e una rete, quella in Grecia contro l’Olympiakos).  LEGGI TUTTO

  • in

    Atalanta fuori dall'Europa, vince l'Empoli. Lazio quinta: 3-3 con il Verona

    Termina con una sconfitta la stagione dell’Atalanta che nel 38° turno di Serie A viene sconfitta dall’Empoli per 1-0. Al Gewiss Stadium Andreazzoli batte Gasperini che per la prima volta da quando è sulla panchina della Dea non riesce a qualificarsi alle competizioni europee. I nerazzurri chiudono all’8° posto, alle spalle della Fiorentina che riesce a battere la Juve. Chiude al 5° posto in classifica la Lazio di Sarri che ribalta il 2-0 iniziale del Verona per poi farsi raggiungere sul 3-3 nel finale regalando un pareggio spettacolare ai 55.000 presenti all’Olimpico.
    Serie A, la classifica
    Atalanta fuori dall’Europa: vince l’Empoli
    Per la prima volta sotto la gestione Gasperini, l’Atalanta fallisce la qualificazione in Europa cadendo in casa per 1-0 contro l’Empoli. I primi due spunti sono dei toscani, ma le due chiare occasioni iniziali sono per Zapata che prima da fuori area e poi di testa impegna Vicario che risponde con due super interventi. Al 21′ ci prova anche Boga con un destro piazzato, ma il portiere avversario è ancora una volta plastico e devia in angolo, stessa sorte per il sinistro di Koopmeiners che porta al corner sul quale anche Djimsiti sfiora il vantaggio. All’intervallo saranno 22 i tiri tentati dalla Dea. Nella ripresa non cambia lo spartito, Boga conclude dal limite e questa volta viene fermato dalla traversa. Il forcing dei nerazzurri aumenta, ma è l’Empoli al 70′ a rendersi pericolo con un contropiede che libera Cutrone, è bravo Musso a farsi trovare pronto. Passano 9′ ed è Stulac a trovare il vantaggio ospite con un destro splendido dal limite che finisce all’incrocio dei pali. Sarà il gol che deciderà il match, ma nel finale c’è spazio per il ritorno di Josip Ilicic davanti ad un Gewiss emozionato.
    Guarda la galleryAtalanta ko e fuori dall’Europa: l’Empoli passa con Stulac, ritorna Ilicic
    Atalanta-Empoli, tabellino e statistiche
    Lazio quinta, pari show con il Verona
    Lazio quinta, il punto utile per chiudere sopra la Roma arriva contro il Verona in una partita ricca di gol e emozioni. Olimpico pieno in una serata utile per festeggiare l’accesso in Europa League già matematica dalla scorsa giornata. Applausi per Leiva, andrà via a scadenza come Luiz Felipe e Strakosha, all’ultima partita con l’aquila sul petto. Simeone subito in gol al 6’, bravo a sfruttare un cross di Lazovic. Raddoppia poco dopo Lasagna con un bel tiro mancino. È appena passato un quarto d’ora e la Lazio è sotto di due reti. La reazione c’è con Cabral che accorcia le distanze al 16’, pareggia i conti Felipe Anderson alla mezz’ora. Gol, emozioni e tanta foga. L’Olimpico spinge, sono circa 50mila i tifosi biancocelesti, ma il primo tempo si chiude in perfetta parità. Nella ripresa entra Pedro ed è subito decisivo, lesto a ribattere in rete un tiro di Felipe Anderson deviato da Berardi. Emozioni infinite, Hongla al 76’ fa 3-3. Colpo su colpo, non accade più nulla. Un punto a testa e sipario sulla stagione.
    Lazio-Verona, tabellino e statistiche
    Guarda la galleryLazio-Verona, è 3-3: pari spettacolo all’Olimpico LEGGI TUTTO