consigliato per te

  • in

    Napoli, la decima di fila è pura sostanza

    Con la decima vittoria consecutiva, il Napoli lancia un altro messaggio al campionato: a questo giro non si lasciano per strada nemmeno le partite poco glamour, quelle che nel passato anche recente hanno inceppato il cammino degli azzurri. Stavolta, invece, anche l’Empoli si è dovuto inchinare alla squadra di Spalletti che, però, per sbloccare la gara ha dovuto aspettare un “rigorino” fischiato da Pairetto per un tocchettino su Osimhen (comunque ancora determinante nell’indirizzare l’inerzia della gara) in uscita dall’area. Episodio borderline che comunque non può mettere in discussione la totale supremazia del Napoli, sancita da un possesso palla debordante (75% contro il 25% dei toscani) e da una sostanziale inoperosità di Meret. Qualche perplessità, casomai, l’ha suscitata una minore brillantezza del Napoli che non ha aggredito la gara come ci aveva abituato fino ad ora: ritmo blando, circolazione di palla precisa ma scolastica. La causa? Una stanchezza figlia delle due battaglie contro Liverpool e Atalanta, più i cambi decisi (proprio per questo) da Spalletti.

    I cambi cambiano

    Non che il Napoli abbia perso identità e misure, ma innegabilmente è mancata un poco di imprevedibilità e di aggressività nella fase finale della manovra. Tanto è vero che gli ingressi di Lozano, Elmas e Zielinski hanno permesso di chiudere una partita che dopo il rigore il Napoli aveva comunque già installato nel modo giusto. La sensazione, però, è che a Udine servirà maggiore fisicità e che la sosta stia arrivando al momento giusto per consentire di caricare energie fisiche e mentali. E a conferma di come Spalletti, finora, non abbia sbagliato in nulla la propria strategia.

    Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi! LEGGI TUTTO

  • in

    L’ossessione di Satriano: “Se non segno non dormo. Torno all'Inter per giocare”

    Il centravanti dell’Empoli: “Vorrei essere come il mio idolo Suarez, ma ho ancora tanto da imparare” Breve storia triste. “Quando non segno, la sera non chiudo occhio. Sto lì a letto, supino, al buio, con gli occhi aperti verso il soffitto, e rivedo mentalmente tutti i novanta minuti. Azione dopo azione. Ricordo ogni giocata, ogni mezza occasione che mi è capitata sui piedi”. LEGGI TUTTO

  • in

    Scommesse Juve-Empoli, Vlahovic in gol? Cosa dicono le quote

    Martedì la Juve di Allegri si gioca la sopravvivenza in Champions col Benfica ma l’impegno di campionato contro l’Empoli non va trascurato. La sfida dello Stadium inaugura l’11ª giornata di Serie A, ecco alcune statistiche del match che danno la possibilità di mettere in luce alcuni esiti legati alle scommesse.

    Gollo Predictor: gratis su Telegram!

    Juve in vantaggio al riposo, scopri la quota

    La Juve deve vincere per avvicinarsi alla zona Champions, l’Empoli proverà a fare la sua parte allo Stadium dopo aver incamerato tre punti preziosi a spese del Monza.

    I toscani hanno pareggiato 5 partite su 10 in Serie A, conteggio di segni X che sale a 6 con riferimento al risultato relativo ai primi tempi fin qui giocati da Bandinelli e compagni. Occhio alla statistica: solo all’esordio l’Empoli (0-1 con lo Spezia) è andato in svantaggio al riposo.

    La Juve questa gara deve farla sua, indirizzandola magari già nella prima frazione. Occhi puntati dunque sull’1 primo tempo, per una quota che tocca il raddoppio.

    La Vecchia Signora contro il muro, alias Guglielmo Vicario. Un ostacolo in più per Allegri sulla strada che porta ai tre punti. Quante reti segneranno Vlahovic e compagni? L’opzione Multigol Casa 2-4 si trova a 1.65, a 2 invece il premio corrisposto dal Multigol Casa 2-3, quindi range di reti fissato tra due e tre.

    Vlahovic marcatore nei 90′, ecco quanto vale un sigillo del serbo

    Dusan Vlahovic ha segnato 6 reti come Arnautovic e Ciro Immobile, che resterà tuttavia ai box causa infortunio. Il bomber bianconero ha l’occasione di incrementare il suo bottino contro l’Empoli, a patto di superare la guardia dell’ottimo Guglielmo Vicario.

    Impossibile non lasciarsi intrigare dalla quota assegnata ad un gol di Vlahovic all’Empoli in qualsiasi momento del match: vale un ottimo raddoppio.

    Premio che sale a 3.35 per un eventuale gol di Vlahovic nel primo tempo, a 3.25 invece se il serbo esulterà per un gol segnato dopo il riposo.

    Vuoi rimanere aggiornato in tempo reale sui pronostici? Iscriviti Gratis al Gruppo Telegram di GOLLO, il predictor del Tuttosport LEGGI TUTTO

  • in

    De Winter su Juventus-Empoli: “Vlahovic, sono pronto!”

    INVIATO A EMPOLI – La Juventus, Koni De Winter, la definisce «La tua… non ex squadra… la tua squadra che ti manda in prestito» e quella precisione nell’evitare il termine ex, assieme al sorriso con cui dice «Vediamo…» di fronte alla prospettiva di tornare nella prossima stagione in bianconero, la dicono lunga sui suoi obiettivi a lungo termine. A breve termine, però, cioè domani sera, è determinato a vincere con l’Empoli nello stadio in cui l’8 dicembre aveva esordito da titolare in Champions League.

    De Winter, che sensazione prova al pensiero di tornare a giocare all’Allianz Stadium?  «Bella. E’ sempre bello giocare contro la tua… non ex squadra… la tua squadra che ti manda in prestito. E’ una partita molto importante e voglio fare bene. Quando è uscito il calendario una delle prime cose che ho fatto è stato controllare quando avremmo giocato contro la Juve».  In dieci giornate ha giocato quattro partite da titolare, tra cui le ultime tre: come si sente da giocatore di Serie A? «Bene. Ho cambiato squadra e livello, più alto della Serie C fatta con la Juve Under 23, ma mi trovo bene. In queste ultime partite poi ho preso fiducia, mi sento a mio agio in campo: è il momento perfetto per questa partita».  L’ Empoli è decimo, sorpreso? «No. Durante la preparazione mi ero accorto che siamo un gruppo forte. Poi non conoscevo il livello della Serie A e quindi non potevo fare confronti, ma sapevo che noi siamo forti».  Guardate più le squadre davanti a voi o quelle alle vostre spalle? «Guardiamo quella che affrontiamo, partita per partita».  Qual è il segreto dell’Empoli? «Penso il fatto che siamo un gruppo davvero molto unito, in cui tutti vogliono fare bene, lavorare e dare tutto per tutti. Questa è la nostra forza più grande». Non è sorpreso dall’ottimo avvio dell’Empoli. Da quello difficile della Juve? «Sì, non mi aspettavo queste difficoltà, perché è una squadra forte»

    Come la affronterete?  «Dovremo dare tutto e giocarcela, provando a vincere. Di sicuro ci vorrà molta personalità. A livello tattico ci penserà il mister ad aiutarci dicendoci quello che dobbiamo fare, noi dovremo solo seguire le sue indicazioni».  A lei in particolare cosa chiede Zanetti durante la settimana?  «Di migliorare in tutto. E lo fa dandomi la possibilità di sbagliare, crescendo anche attraverso gli errori».  Sullo stesso argomentoJuve, De Winter in prestito all’Empoli: ora è ufficialeCalciomercato EmpoliIscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi! LEGGI TUTTO