consigliato per te

  • in

    Juventus-Lione, tutto quello che c'è da sapere sulla partita degli ottavi di Champions

    I bianconeri saranno chiamati a ribaltare il risultato di svantaggio dell’andata, un’impresa che gli è riuscita 5 volte su 11. Contro troveranno i francesci che mancano una vittoria in trasferta nella fase a eliminazione diretta della Champions League da 10 partite. Squadre in campo venerdì alle ore 21, diretta su Sky Sport Uno e Sky Sport 252
    CHAMPIONS LEAGUE ED EUROPA LEAGUE, REGOLE NUOVE

    Quando e a che ora si gioca Juventus-Lione?
    La partita fra Juventus e Lione si giocherà venerdì 7 agosto alle ore 21 all’Allianz Stadium di Torino.

    Dove è possibile guardare Juventus-Lione?
    Il match fra Juventus e Lione verrà trasmesso in esclusiva da Sky sui canali Sky Sport Uno (satellite, digitale terrestre e fibra) e Sky Sport 252 (satellite e fibra). Telecronaca di Maurizio Compagnoni, commento di Luca Marchegiani, a bordocampo Paolo Aghemo e Giovanni Guardalà. Diretta Gol Andrea Marinozzi.

    Quali sono i precedenti fra le due squadre?
    Sorride Sarri, dal momento che la Juventus è imbattuta nelle due gare interne disputate in sfide ufficiali contro il Lione: entrambi i risultati però questa volta non sarebbero sufficienti a ribaltare l’1-0 in favore dei francesi dell’andata. Nell’aprile del 2014, infatti, la Juve vinse 2-1 in Europa League, mentre la gara di Champions del novembre 2016 si concluse sul punteggio di 1-1. Inoltre, il club francese ha perso quattro delle ultime cinque trasferte in Italia in competizioni europee: l’ultimo successo risale al novembre 2008, quando il Lione si impose in Champions League sul campo della Fiorentina per 2-1.

    Qual è lo stato di forma delle due squadre?

    Ritorna la Champions, come stanno le squadre?

    La Juventus è reduce dalla vittoria dello scudetto, anche se le ultime uscite non sono state del tutto positive per gli uomini di Maurizio Sarri: una sola vittoria nelle ultime 4 giornate di campionato (quella che ha regalato il titolo contro la Sampdoria) e, allargando il periodo, 2 successi nelle ultime 8 partite. Grande punto interrogativo, invece, sulle condizioni fisiche del Lione che di fatto ha giocato soltanto una partita ufficiale negli ultimi cinque mesi: si tratta della finale di Coppa di Lega contro il Paris Saint-Germain dello scorso 31 luglio. La formazione allenata da Rudi Garcia è stata sconfitta soltanto ai calci di rigore, dopo aver concluso i tempi supplementari sul risultato di 0-0.

    Curiosità

    Garcia: “Juve-Lione? 50% di chance di passare”

    Entrambe le squadre cercheranno di sfatare alcuni precedenti negativi: la Juventus infatti ha perso due delle ultime tre partite interne a eliminazione diretta in Champions League (Real Madrid 2018 e Ajax 2019), mentre il Lione addirittura non ha trovato nessuna vittoria nelle ultime 10 trasferte nella fase finale della massima competizione europea. A rinfrancare gli uomini di Sarri c’è però la statistica che ricorda come la Juventus abbia superato il turno, partendo da una situazione di svantaggio, quasi nel 50% delle occasioni (5 volte su 11). L’ultima volta è stata proprio nella scorsa stagione, con la tripletta di Cristiano Ronaldo e il 3-0 inflitto all’Atletico Madrid che ribaltarono il 2-0 in favore degli spagnoli della gara d’andata. Inoltre, il club francese ha ottenuto un solo pareggio, a fronte di nove sconfitte, nelle ultime 10 partite di ritorno nella fase a eliminazione diretta della Champions League.

    Quali giocatori possono essere protagonisti?

    Dybala, ottimismo in vista di Juve-Lione

    La Juventus si affida inevitabilmente a Cristiano Ronaldo, autore di 18 reti nelle ultime 12 partite casalinghe nella fase a eliminazione diretta della Champions League. Non solo, perchè in questo periodo di gare ha messo a segno ben quattro triplette: l’ultima è quella che ha regalato il passaggio del turno ai bianconeri negli ottavi della scorsa edizione, eliminando l’Atletico Madrid. Sulla sua strada troverà Memphis Depay, recuperato da Garcia e uomo decisivo per le sorti dell’Olympique Lione: dall’inizio della scorsa stagione a oggi è infatti entrato in 10 reti realizzate dal club francese in Champions League, nessuno ha fatto meglio di lui. Un altro possibile protagonista della sfida è Houssem Aouar. Il 22enne terzino francese ha realizzato tra l’edizione scorsa e quella attuale della Champions League un totale di 6 assist: lo stesso numero realizzato, tanto per dire un nome, da Lionel Messi.

    TAG: LEGGI TUTTO

  • in

    Barcellona-Napoli, stabilito il numero di persone che saranno al Camp Nou

    BARCELLONA (Spagna) – Arrivano rassicurazioni dalla Spagna riguardo lo svolgimento del match di Champions League tra Barcellona e Napoli in programma questo sabato alle 21. Mentre vanno avanti le polemiche a distanza tra presidenti, infatti, la “Conselleria de Sanitat” ha informato la Uefa del fatto che non esista nessun rischio in riferimento alla normale disputa dell’incontro. Ci saranno però delle norme inderogabili da rispettare per salvaguardare la salute di tutti.

    Barcellona-Napoli, quanti al Camp Nou?
    Proprio per questo motivo è stato stabilito che solo 380 persone potranno assistere (o prendere parte) alla sfida. Un numero estremamente ridotto, come da prassi degli ultimi mesi, in cui sono compresi giocatori, allenatori, dirigenti, giornalisti, cameramen e servizio di sicurezza. La sfida sarà quindi (ovviamente) a porte chiuse. In questo palcoscenico le due squadre si giocheranno l’accesso alle “Final Eight” in Portogallo. La partita dell’andata al San Paolo (con 60mila spettatori) si era chiusa sull’1-1. LEGGI TUTTO

  • in

    Juventus-Lione, Garcia: “Abbiamo il 50% di possibilità di passare, non ci difenderemo”

    L’allenatore francese analizza la sfida contro i bianconeri, a pochi giorni dal ritorno degli ottavi di Champions League: “Vogliamo andare a Lisbona, ma per farlo dovremo segnare un gol a Torino: la Juve è strafavorita, ma di solito chi all’andata vince 1-0 ha più chance. Chiesa al centro del villaggio? Meglio che resti a Lione…”
    CHAMPIONS LEAGUE ED EUROPA LEAGUE, NUOVE REGOLE

    Mancano ormai due giorni alla sfida che, per Juventus e Lione, potrebbe valere un’intera stagione: venerdì 7 agosto alle ore 21.00, all’Allianz Stadium, si ripartirà dall’1-0 in favore dei francesi nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League. L’obiettivo, dichiarato da entrambe le squadre, è quello di strappare il biglietto per la Final Eight di Lisbona. Ci crede anche Rudi Garcia, allenatore del Lione intervistato dalla Gazzetta dello Sport, rinfrancato dalla finale di Coppa di Lega che ha visto la sua squadra perdere soltanto ai calci di rigore contro il Paris Saint-Germain (0-0 al termine dei supplementari): “Vogliamo andare a Lisbona per la Final Eight, sarebbe un exploit ma siamo in vantaggio 1-0 e di solito chi parte da questo risultato ha più chance di passare. Possiamo dire che abbiamo il 50% di possibilità, perchè sappiamo contro chi giocheremo. Non ci difenderemo per tutta la partita e se riuscissimo a fare un gol a quel punto sarebbe difficile eliminarci. Noi siamo un outsider e la Juve è strafavorita, ma contro il PSG abbiamo dimostrato una solidità difensiva interessante. Riportare la chiesa al centro del villaggio? Per questa partita è meglio che resti a Lione”.

    “Non capisco le critiche a Sarri, ha vinto”

    Juve, lista Champions: ci sono Dybala e D.Costa

    Garcia ha poi analizzato il proprio avversario nella gara di ritorno degli ottavi, complimentandosi con Maurizio Sarri per il lavoro svolto, nonostante alcune critiche ricevute: “Non mi spiego il motivo. Si dice che la Juve non giochi bene, ma ha vinto il campionato in 36 giornate e ancora una volta ha dimostrato di essere la squadra migliore in Italia. Questa società ha la vittoria nel dna e ogni allenatore deve essere bravo a coltivarlo: Sarri lo ha fatto e ha vinto. Se toglierei Ronaldo alla Juventus? Mi basta sapere che non ci sarà Douglas Costa e forse nemmeno Dybala. Comunque ci sarà Higuain e temo anche i francesi, Matuidi e Rabiot”.

    “Il calcio in Francia si è fermato troppo presto”

    Ritorna la Champions, come stanno le squadre?

    Infine, l’allenatore francese ha spiegato il proprio punto di vista sull’emergenza coronavirus, con il campionato della sua nazione che è stato sospeso prima della conclusione e sulle possibili conseguenze che questo lungo stop potrà portare sulle prestazioni dei club in Europa: “Chi ha giocato si è stancato e chi non lo ha fatto ha perso il ritmo. In realtà tutti hanno ripreso tranne noi e questo significa che si è deciso troppo in fretta. Occorreva più scambio d’informazioni tra le Leghe e la Uefa. La cosa incredibile è che tutti i Paesi hanno continuato la stagione a porte chiuse, mentre noi ci siamo fermati e poi siamo scesi in campo in Coppa di Lega davanti a cinquemila persone allo stadio”.

    TAG: LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, Insigne punta il Barcellona: lavoro personalizzato e terapie

    NAPOLI – Nella gara più importante della stagione contro il Barcellona, il Napoli di Gattuso vuole farsi trovare pronto, e anche stamattina la squadra ha sudato a Castelvolturno. In vista degli ottavi di ritorno di Champions League (si gioca sabato al Camp Nou alle 21), gli azzurri si sono allenati sul campo 3, iniziando la seduta con una serie di torelli, per poi svolgere esercitazioni tecnico-tattiche con l’ultilizzo di porte piccole. Per concludere, partitella a campo ridotto. Capitolo Insigne: il funambolo partenopeo, infortunatosi all’adduttore contro la Lazio, ha fatto un piccolo passo verso il recupero, affiancando alle terapie anche del lavoro personalizzato in palestra e in campo. LEGGI TUTTO