consigliato per te

  • in

    Flachi, stoccata a Iachini: “Ha perso credibilità nello spogliatoio della Fiorentina”

    Prestazione sconcertante? Ci può stare. Nella mia carriera da calciatore una rimonta del genere mi è capitata una volta sola, ma contro l’Inter (da 0-2 a 3-2 in cinque minuti n.d.r) e non lo Spezia. Iachini? Nonostante la buona risalita il livello di gioco non ha mai entusiasmato, quest’anno sembravamo partiti col piede giusto mentre nelle ultime due partite c’è stata un’involuzione preoccupante. Gli errori difensivi sono stati banali, una squadra che vince 2-0 dopo pochi minuti e si fa rimontare così non ha scusanti. C’è stato un calo di tensione, pensando ad uno Spezia sotto di due gol ed in difficoltà per le tante assenze la partita andava chiusa: peccato che la Fiorentina dopo 20 minuti non ha più tirato in porta. Amrabat? Ci aspettavamo un altro giocatore, deve essere colui che va a strappare la palla agli avversari per passarla al regista. Ieri non mi ha fatto impazzire, ma è ilclassico giocatore che prende 6 sia che giochi bene o che giochi male. Castrovilli? Deve imparare a gestirsi meglio e ad essere imprevedibile, ormai lo conoscono e deve sfruttare gli inserimenti da dietro. Sulle fasce invece andiamo tutto sommato bene: prima c’era Chiesa, adesso Biraghi è uno dei migliori, purtroppo siamo prevedibili in avanti e l’allenatore deve trovare la forza di riuscire a far penetrare la squadra per vie centrali. Lo Spezia, al contrario dei viola, ieri lo ha fatto, si sono mossi tutti da squadra conoscendo il compito che ognuno aveva. Noi invece viviamo di individualità, dipendiamo da Ribery e Castrovilli, abbiamo difficoltà a creare gioco e la squadra non sa come fare quando va in difficoltà. In più c’è troppa distanza tra difesa/centrocampo e attacco. Iachini? Vedendo il gioco e la scelta della fascia a Chiesa ha perso credibilità all’interno dello spogliatoio, la squadra gioca con superficialità. Mi chiedo a questo punto: se questo allenatore non ha portato qualcosa di nuovo in un anno si vede che non è adeguato”

    VALCAREGGI TIFA MAZZARRI: “E’ COME PRENDERE UN ATTACCANTE DA 20 GOL”

    CESENA, ITALY – OCTOBER 18: Franck Ribery and Giuseppe Iachini head coach of ACF Fiorentina during the Serie A match between Spezia Calcio and ACF Fiorentina at Dino Manuzzi Stadium on October 18, 2020 in Cesena, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images) LEGGI TUTTO

  • in

    Fiorentina, ricordi Bismark? Dal campo a… pastore gospel e fattorino!

    Bismark Ekye ha 39 anni ed è una persona come tante, ad un primo colpo d’occhio: lavora come fattorino per i ristoranti, fa il pastore in una chiesa gospel, si occupa dei suoi quattro figli. Solo che quasi vent’anni fa Bismark lanciava la Fiorentina (allora Florentia Viola) in testa al girone di C2 con un gol splendido a Rimini, mandando in visibilio la tifoseria, che infatti ancora oggi lo riconosce con affetto. Dagli inizi nel Torneo di Viareggio al bel rapporto con l’ultimo Max Allegri calciatore all’Aglianese, il Corriere Fiorentino ripercorre la sua carriera, fino all’intesa con Riganò in viola: “Tu chiudi gli occhi e metti in mezzo, io ci sono sempre”, gli diceva il bomber. Poi la doppia promozione gli toglie spazio, arrivano Fantini e Vryzas e lui inizia un lento declino, aggravato da due infortuni in momenti cruciali, prima delle Olimpiadi 2004 e dei Mondiali 2006. Era nel giro della Nazionale ghanese. Nel 2010 Bismark, nome dovuto al nome di un tedesco conosciuto dal nonno, decide di smettere e di cominciare una nuova vita. E adesso è amico di molti tifosi ai quali consegna il cibo…

    LA FIORENTINA INTANTO PIANGE: L’ANALISI DEL NOSTRO DIRETTORE LEGGI TUTTO

  • in

    Fiorentina, Pradè: “In vantaggio di due gol la partita va portata a casa”

    CESENA – Contro lo Spezia la Fiorentina trova solamente un pareggio: la squadra di Iachini si fa recuperare due gol e chiude 2-2. Ecco le parole di un amareggiato Daniele Pradé nel post partita: “La proprietà è dispiaciuta dopo il pareggio di oggi. Commisso è rammaricato per per i tifosi, lo siamo tutti, ma ciò ci deve far ripartire, non dobbiamo mollare – afferma il ds viola a Radio Bruno Toscana – E’ solo il quarto turno di Serie A e abbiamo una rosa potenzialmente molto forte. Dobbiamo imporci sul campo, quando siamo due gol sopra dobbiamo fare un altro tipo di gioco e portare a casa i tre punti”.

    Pradè poi spende parole di elogio per gli aquilotti: “Faccio loro i complimenti perché hanno dimostrato carattere, identità e voglia di non mollare mai. Noi adesso dobbiamo lavorare, impegnarci e comprendere in cosa dobbiamo crescere. Sono molto soddisfatto del rendimento di alcuni nostri giocatori. Per esempio Amrabat ha giocato una gara sontuosa, ma questo non è sifficiente in serie A, perché tutte le sfide sono difficili ed ognuna è una cosa a sé”. Il ds gigliato chiude con un commento sulla prossima gara con l’Udinese: “Ora ogni partita per noi diventa un esame decisivo. Non mi aspettavo di avere un avvio di stagione del genere, e adesso dobbiamo metterci sotto il più possibile per venire fuori il prima possibile da questo brutto momento”. LEGGI TUTTO

  • in

    Fiorentina, Iachini: “A molti manca la miglior condizione fisica”

    CESENA – “I ragazzi lavorano, ma in certi momenti capita che si possa raccogliere il giusto”. Questa l’opinione di Beppe Iachini, allenatore di una Fiorentina che, in casa dello Spezia, ha buttato due punti nonostante il doppio vantaggio ottenuto nei primi 4′ di gioco, fino al pareggio dei liguri in rimonta. Ci sono alcuni giocatori nuovi che lavorano con noi solamente da pochi giorni e che dobbiamo portare nella giusta condizione fisica – ha spiegato nel post gara a Sky -. Lavorando e spingendo questa squadra ha margini per fare bene qualcosa di importante”. 
    SPEZIA-FIORENTINA 2-2: LA CRONACA LEGGI TUTTO

  • in

    Iachini: “Abbiamo tanti ragazzi nuovi e grandi margini di crescita”

    GERMOGLI PH: 12 SETTEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI AMICHEVOLE FIORENTINA VS REGGIANA NELLA FOTO MISTER IACHINI

    Il tecnico della Fiorentina, Giuseppe Iachini, ha commentato a Sky Sport il pari contro lo Spezia:

    Abbiamo modo e tempo di recuperare. I ragazzi spingono e giocano. Nel calcio, in alcuni momenti, raccogli un po’ meno. Dobbiamo continuare a lavorare. Abbiamo dei ragazzi nuovi che dobbiamo portare alla giusta condizione. Abbiamo margini importanti per poter far bene, ne sono convinto.

    PAGELLE VN: La Fiorentina dura cinque minuti, che errori Caceres e Castrovilli

    GERMOGLI PH: 8 LUGLIO 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS CAGLIARI NELLA FOTO IACHINI LEGGI TUTTO

  • in

    Frosinone, una positività al coronavirus nello staff

    FROSINONE – Il Frosinone alza un poco il suo livello di allerta: il club ciociaro ha riscontrato un caso di covid nel suo staff. “Il Frosinone Calcio comunica che l’ultima serie di esami ha evidenziato un caso di positività al Sars-Cov-2 relativamente a un membro dello staff. Lo stesso è stato prontamente isolato secondo le direttive federali e ministeriali. La Società comunica, inoltre, di aver attivato tutte le procedure previste dal protocollo soft”. LEGGI TUTTO

  • in

    Fiorentina, Barreca: “Jovetic mi ha consigliato subito di venire qua”

    FIRENZE – Antonio Barreca, preso dalla Fiorentina a fine mercato, si è presentato oggi in conferenza stampa: “Sono molto felice di essere qui, ringrazio il direttore Antognoni e la società per aver creduto in me. La concorrenza con Biraghi? Lui è un ottimo giocatore, non è un caso che stia in nazionale, io mi devo allenare bene e farmi trovare pronto alla prima occasione”. Negli ultimi anni l’ex ragazzo della Primavera del Torino ha vestito le maglie di Monaco, Newcastle e Genoa, con alterne fortune: “Per me arrivare in viola significa rilanciarmi, ho fatto qualche esperienza all’estero, abbastanza buona, ma ora sono qui”. Quando aveva vent’anni il suo idolo era Marcelo: “All’epoca ero uno ragazzino, nulla da dire a Marcelo che è un campione, ovviamente uno spera di arrivare a quei livelli”. A Firenze Antonio ritrova Kouamé, avuto come compagno al Genoa: “Mi fece una bella impressione, è giovane ma è un grande attaccante e può migliorare molto, ha avuto un brutto infortunio ma l’ho visto carico”.

    Sull’esperienza al Monaco: “E’ stata un’avventura partita bene, poi ci sono stati alti e bassi, è cambiato spesso l’allenatore e ci sono stati dei casini in società che non mi hanno aiutato molto, ma è stata una bella esperienza, mi ha fatto crescere sotto vari aspetti. Il Toro? Sono cresciuto lì e ci tengo molto. Anche io come ogni giovane speravo di fare tanti anni nella squadra in cui ero cresciuto, questo non è successo per vari motivi ma sono contento di quello che ho fatto”. Barreca spiega quali sono i suoi obiettivi: “Giocare con continuità, ritagliarmi il mio spazio, e dimostrare il mio valore che magari qualcuno non si ricorda più”. Sulle diversità tra Serie A, Ligue 1 e Premier League: “All’estero si lavora in maniera diversa, devi stare sempre sul pezzo. sprattutto in inghilterra dove il calcio è molto più veloce”. Un’ex gloria della Fiorentina ha avuto una parte nella scelta di Barreca di vestire il viola: “Jovetic: l’ho ribeccato a Monaco e mi ha consigliato subito di venire qua”. LEGGI TUTTO

  • in

    Lorenzo Amoruso: prima l’anello e poi l’annuncio! Presto le nozze con Manila

    Uno dei motivi che l’aveva spinta ad accettare di partecipare a Temptation Island insieme al compagno era capire se la loro storia poteva evolversi o meno. L’ex Miss Italia Manila Nazzaro è la compagna dell’ex giocatore della Fiorentina, Lorenzo Amoruso. Dopo aver postato sui social la foto dell’anello che lui le ha regalato in occasione del suo compleanno, arriva l’annuncio sulle nozze direttamente dalla copertina del settimanale italiano Gente.

    Come sui social, anche sulla prima pagina del giornale lei mostra orgogliosa l’anello ricevuto in regalo. In tv non aveva nascosto di desiderare questo nuovo passo e i due avevano fatto sognare tantissimi telespettatori. LEGGI TUTTO