consigliato per te

  • in

    Udinese, male il test col Venezia: Bocalon lancia i lagunari

    CORCOVADO – Cade l’Udinese: la formazione allenata da Luca Gotti perde 0-1 contro un buon Venezia in amichevole. Nonostante i lagunari partano fortissimo, la prima chance della partita è però bianconera, con Coulibaly che manda fuori di poco dopo una percussione centrale. Nestorovski costringe Lezzerini a una grande parata pochi minuti dopo, al 13′, poco prima che a De Maio venga annullato un gol per fallo su Ceccaroni. Nel Venezia il più guizzante è Di Mariano, che prima innesca Aramu (poco attento nello stop), poi tenta la conclusione, alta di un soffio. Dopo il cooling break, ecco un’occasione da gol per parte: per l’Udinese Bajic di testa, per gli arancioneroverdi una bella palla in area di Aramu, su cui Bocalon non arriva. L’ex attaccante dell’Alessandria tuttavia si rifà al 39′, sbloccando il risultato: grave errore di Matos, che butta un pallone poi recuperato e trasformato in assist da Di Mariano. Poco prima dell’intervallo, i friulani avrebbero una chance colossale per pareggiarla: Modolo atterra Nestorovski in area, è rigore netto ma il macedone tira pianissimo e Lezzerini para.
    L’ingresso di Forestieri non porta al pareggio
    Nella ripresa, Gotti rifà il look alla squadra, inserendo il nuovo acquisto Forestieri e aumentando i chili e i centimetri in mezzo al campo. Anche Zanetti schiera nuovi interpreti, tra cui il regista Taugourdeau, arrivato dal Trapani, oltre all’esterno Johnsen e al difensore Svoboda. La frazione, se si esclude un affondo di Maleh e un tiro secco di Baràk, è meno piacevole della precedente. Per un pelo il Venezia non fa harakiri con un retropassaggio centrale: Forestieri era appostato come un falco prima che Pomini spazzasse via. I lagunari spaventano e non poco i bianconeri a 13′ dalla fine, quando Palumbo perde palla a centrocampo, Capello si lancia in contropiede ma sbecca la traversa. L’Udinese nel blando assalto finale non capitalizza la punizione di Palumbo, con Nuytinck che si ritrova il pallone addosso senza riuscire a indirizzarlo in porta. LEGGI TUTTO

  • in

    Udinese ko col Venezia: Bocalon punisce i friulani

    CORCOVADO – L’Udinese stecca in amichevole contro il Venezia, vincitrice 1-0 contro l’imballata squadra di Gotti. Nonostante i lagunari partano fortissimo, la prima chance della partita è però bianconera, con Coulibaly che manda fuori di poco dopo una percussione centrale. Nestorovski costringe Lezzerini a una grande parata pochi minuti dopo, al 13′, poco prima che a De Maio venga annullato un gol per fallo su Ceccaroni. Nel Venezia il più guizzante è Di Mariano, che prima innesca Aramu (poco attento nello stop), poi tenta la conclusione, alta di un soffio. Dopo il cooling break, ecco un’occasione da gol per parte: per l’Udinese Bajic di testa, per gli arancioneroverdi una bella palla in area di Aramu, su cui Bocalon non arriva. L’ex attaccante dell’Alessandria tuttavia si rifà al 39′, sbloccando il risultato: grave errore di Matos, che butta un pallone poi recuperato e trasformato in assist da Di Mariano. Poco prima dell’intervallo, i friulani avrebbero una chance colossale per pareggiarla: Modolo atterra Nestorovski in area, è rigore netto ma il macedone tira pianissimo e Lezzerini para.
    Forestieri in campo, ma gol non arriva. Traversa di Capello
    Nella ripresa, Gotti rifà il look alla squadra, inserendo il nuovo acquisto Forestieri e aumentando i chili e i centimetri in mezzo al campo. Anche Zanetti schiera nuovi interpreti, tra cui il regista Taugourdeau, arrivato dal Trapani, oltre all’esterno Johnsen e al difensore Svoboda. La frazione, se si esclude un affondo di Maleh e un tiro secco di Baràk, è meno piacevole della precedente. Per un pelo il Venezia non fa harakiri con un retropassaggio centrale: Forestieri era appostato come un falco prima che Pomini spazzasse via. I lagunari spaventano e non poco i bianconeri a 13′ dalla fine, quando Palumbo perde palla a centrocampo, Capello si lancia in contropiede ma sbecca la traversa. L’Udinese nel blando assalto finale non capitalizza la punizione di Palumbo, con Nuytinck che si ritrova il pallone addosso senza riuscire a indirizzarlo in porta. LEGGI TUTTO

  • in

    Udinese, senti Di Natale: “De Paul? Spero rimanga, ha onorato la 10”

    UDINE – Dopo aver fatto gioire per anni i tifosi dell’Udinese con gol e magie a raffica, Totò Di Natale è tornato a far visita al club della sua vita, e ha parlato della rosa bianconera al sito ufficiale del club: “È una squadra molto giovane, Gotti ha fatto un buon lavoro specialmente nel girone di ritorno. Ci sono tanti giocatori bravi. Adesso si riparte subito per fare il meglio possibile”. Il campione partenopeo dice la sua anche su Rodrigo De Paul, il talentuoso argentino che ha ereditato la sua numero 10: “Ha onorato la maglia, facendo, un grandissimo campionato. È un ragazzo che negli anni a Udine è migliorato molto. È un giocatore molto importante per la società. Speriamo rimanga, merita una grande”.

    Un commento anche sulla nuova divisa dell’Udinese: “È una bellissima maglia, pesa molto. Chi viene a giocare qui a Udine deve capire che viene per vincere, per farla sudare. Bisogna dare il massimo”. LEGGI TUTTO

  • in

    Udinese, De Maio: “Finito un campionato, tra un mese ne inizia un altro”

    UDINE – Il centrale dell’Udinese Sebastien De Maio ha commentato il design della nuova maglia friulana, di cui è stato testimonial, ai microfoni ufficiali del club: “Anche noi giocatori siamo sempre curiosi di scoprire con che maglia andremo in campo. È molto bella ed è un pezzo importante di storia per l’Udinese. Siamo onorati di poterla indossare”. Si avvicina la prossima stagione di Serie A, e mai come quest’anno il nuovo torneo sarà vicino al precedente: “Da quando abbiamo ripreso è tutto molto strano. Due settimane fa abbiamo chiuso un campionato e tra un mese dobbiamo iniziarne un altro. Ci dobbiamo preparare molto bene e ricaricare le forze mentali e fisiche. L’obiettivo è sempre quello di fare qualcosa in più dell’anno precedente, ci focalizzeremo su questo. I tifosi ci mancano molto, ma in campo ce la metteremo tutta”. LEGGI TUTTO

  • in

    Udinese, svelata la nuova maglia: richiama quella di Zico

    LIGNANO SABBIADORO – Richiama quella indossata da Zico nella stagione 1984-1985, dove il tradizionale bianconero era costituito da bande diagonali, la nuova maglia “Home” che Udinese Calcio e Macron hanno presentato oggi a Lignano Sabbiadoro (Udine) e Grado (Gorizia). La nuova prima maglia è a girocollo con bordo bianco. I polsi delle maniche sono di colori opposti: destro bianco, sinistro nero. Sulla manica destra è inoltre inserito l’anno di fondazione del club friulano, il 1896. La grafica che contraddistingue il kit casalingo 2020-2021 è la striscia diagonale bianca ad altezza petto a contrasto con il nero del resto della maglia. Il backneck è personalizzato con etichetta a bande bianconere, sulla quale appare lo stemma e la scritta “I primi bianconeri d’Italia”. Gli shorts sono bianchi con coulisse bianca e i calzettoni bianchi con due righe nere orizzontali sul bordo superiore oppure neri con bordo superiore bianco.  LEGGI TUTTO

  • in

    Udinese, tre amichevoli in programma nel precampionato

    UDINE – L’Udinese ha resto noto, attraverso il proprio sito web, il programma delle amichevoli precampionato. Il primo test dei friulani è in programma sabato 29 agosto, alle ore 19, contro il Vicenza neopromosso in Serie B. La preparazione precampionato prevede altre due gare: giovedì 3 settembre, sempre con calcio d’inizio alle ore 19, i bianconeri affronteranno il Legnago. Il 13 settembre, alle 19, l’avversaria sarà il Venezia. Tutte le gare, in osservanza dei protocolli in vigore, si disputeranno a porte chiuse.

    Il calendario
    Udinese-Vicenza sabato 29 agosto ore 19Udinese-Legnago giovedì 3 settembre ore 19Udinese-Venezia domenica 13 settembre ore 19 LEGGI TUTTO

  • in

    Udinese, riconfermato Gotti: firma fino al 2021

    UDINESE – L’Udinese, tramie un comunicato ufficiale, ha reso noto “il rinnovo di contratto con l’allenatore Luca Gotti fino al 30 giugno 2021. La Società formula al mister i migliori auguri di buon lavoro”. Il tecnico classe 1967 è l’allenatore dei friulani dal novembre 2019 quando è subentrato all’esonerato Tudor, di cui Gotti era il secondo. LEGGI TUTTO

  • in

    Udinese, Gotti: “Il mio futuro? Ne parleremo in tranquillità”

    CAGLIARI – L’Udinese vince ancora, 1-0 in casa del Cagliari, nonostante una salvezza matematica già acquisita dopo la sconfitta del Lecce: “Qualche minuto prima del fischio d’inizio abbiamo saputo della nostra salvezza grazie alla sconfitta del Lecce. Ho fatto i complimenti ai ragazzi, li vedevo comunque pronti per questa partita. Nel primo tempo ci ha dato soddisfazione, nel secondo meno a causa della stanchezza. Con rose così ristrette le difficoltà sono tante”. Sul futuro: “Intanto sappiamo che il club viene prima dei singoli che lo compongono, due minuti prima della gara non sapevamo nulla, giocheremo le ultime due gare e poi troveremo il modo di parlarne. Ora mi sto godendo i pro e le soddisfazioni, in primis quella di vedere le idee accumulate in campo, poi essere primo allenatore… per me continua ad essere abbastanza relativo. Dispiace per la retrocessione del Watford (club di proprietà della famiglia Pozzo, ndr), ci sono tanti ragazzi che conosco: era inaspettato fino a qualche settimana fa. Non so adesso cambierà il ‘peso’ tra le due squadre. La ‘carta’ diceva così, ma ci sono presupposti fisici e mentali. Giocare ogni tre giorni è una cosa a cui bisogna abituarsi, nella nostra rosa non c’era questa abitudine. Abbiamo lottato per il nostro obiettivo con up and down mentali che ti prosciugano. La vera bravura di questi ragazzi è stato il salto dal punto di vista della mentalità”.
    CAGLIARI-UDINESE 0-1: LA CRONACA LEGGI TUTTO