consigliato per te

  • in

    Napoli, cuore e batticuore

    Il cuore e poi il batticuore: il Napoli vince la sua undicesima partita consecutiva in un sabato surreale, dopo aver dominato per 78′ minuti e aver dato l’impressione di averla chiusa, ha dovuto soffrire sino all’ultimo secondo: l’Udinese, indomabile, l’ha fatto tremare ma alla fine il «Maradona» urla: «La capolista se ne va». Partita a tratti meravigliosa, spaccata subito da Osimhen, quasi archiviata da un capolavoro di Zielinski, impacchettata da un’azione da manuale conclusa da Elmas (13′ st) e poi, ops, spalancata da Nestorovski e Samardzic, in 4′, dal 33′ al 37′. I dodici finali, recupero incluso, sono stato da battito cardiaco accelerato. Ma Napoli ora sogna, con il Maradona che lo dice: “Noi ci crediamo”.Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP LEGGI TUTTO

  • in

    Diretta Spezia-Udinese ore 18.30: dove vederla in tv, in streaming e probabili formazioni

    LA SPEZIA – Dopo il ko allo di San Siro, terzo consecutivo, lo Spezia riparte dal match casalingo contro l’Udinese per tornare a cercare i tre punti in campionato. Gotti affronta il suo passato in un incontro delicatissimo in chiave salvezza per i liguri. Dall’altra parte, l’Udinese di Sottil vuole riconquistare un successo che, dopo l’ottima partenza, manca da ben 5 giornate. Insomma una battaglia senza esclusione di colpi con il tecnico dei padroni di casa che avverte: “Giochiamo bene, ma poi ci sono momenti i n cui ci perdiamo”, l’allenatore dei friulani spera invece di recuperare tutti al 100% in vista del fischio d’inizio.
    SEGUI SPEZIA-UDINESE IN DIRETTA SUL NOSTRO SITO
    Spezia-Udinese: diretta tv e streaming
    Spezia-Udinese, anticipo del turno infrasettimanale valido per la 14ª giornata del campionato di Serie A, è in programma alle ore 18.30 allo stadio Picco di La Spezia e sarà visibile in esclusiva in diretta su DAZN (Sky Zona DAZN 215). 
    Segui Spezia-Udinese su DAZN. Attiva ora
    Le probabili formazioni di Spezia-Udinese
    SPEZIA (3-5-2): Dragowski, Ampadu, Nikolau, Kiwior; Holm, Bourabia, Ekdal, Agudelo, Reca; Nzola, Strelec. Allenatore: Gotti.
    A disposizione: Zoet, Zovko, Hristov, Amian, Caldara, Ferrer, Sala, Beck, Ellertsson, Sher, Nguiamba, Verde, Maldini, Bastoni, Sanca. Indisponibili: Kovalenko
    UDINESE (3-5-2): Silvestri, Ebosse, Perez, Bijol; Ehizibue, Samrdzic, Walace, Arslan, Pereyra; Deulofeu, Success. Allenatore: Sottil.
    A disposizione: Padell. Piana, Nuytinck, Ebosele, Abankwah, Buta, Lovric, Jajalo, Guessand, Makengo, Nestorovski, Beto, Semedo, Pafundi. Indisponibili: Becao, Masina, Udogie
    ARBITRO: Piccinini di Forlì
    ASSISTENTI: Scarpa-Ceccon
    IV UOMO: Gualtieri
    VAR: Marini
    ASS. VAR: Muto
    Guarda tutta la Serie A TIM su DAZN. Attiva ora  LEGGI TUTTO

  • in

    Udinese, svaligiata casa Walace: bottino da 200 mila euro

    UDINE – Serata non facile per l’Udinese e per Walace, la squadra ha pareggiato in casa 1-1 contro il Lecce nell’anticipo del venerdì della 13ª giornata di campionato e, nel mentre, la casa del calciatore è stata svaligiata. Infatti, mentre Walace era impegnato in campo, i ladri hanno fatto incursione nella sua abitazione a Pasian di Prato (Udine). Sono stati rubati gioielli, orologi e abiti griffati per un bottino da 200 mila euro. Il brasiliano non era in casa al momento dell’azione dei malviventi, collocata temporalmente tra il pomeriggio e la mezzanotte di ieri. Indagano i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Udine. LEGGI TUTTO

  • in

    Fantacalcio Udinese, le parole di Sottil dopo la Cremonese

    CREMONA – L’Udinese pareggia allo Zini contro la Cremonese (0-0), queste le parole post-partita del tecnico dei biaconeri Andrea Sottil, ai microfoni di Dazn. “Ho visto una partita tambureggiante, con ritmo, eravamo padroni del campo. Ci è mancata la stoccata per andare avanti. Queste sono partite insidiose, siamo stati molto equilibrati, pure con le preventive. Abbiamo avuto tantissime occasioni. La Cremonese ha fatto poco. Nella ripresa c’è stata una fase di stallo, nel finale potevamo vincerla ma porto a casa la prestazione. Qualcosa da recriminare? Abbiamo dominato ma c’è mancato il gol. Sono soddisfatto della prestazione, ma dovevamo essere più cinici, ma questo è il calcio. Con questa intensità torneremo presto a riprenderci i tre punti. La Cremonese? E’ in fondo alla classifica ma ha grandi qualità. Sono contento, ho visto più predominio nostro, i dati parlano. Ma nelle gare in equilibrio la difesa è un fattore, col Torino abbiamo preso gol. Dobbiamo migliorare in fase realizzativa”.Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi! LEGGI TUTTO

  • in

    Torino, Juric carica Pellegri per l'Udinese e su Sottil: “È un esempio”

    TORINO – Il Torino di Ivan Juric sarà impegnato domenica alle 12:30 ad Udine contro l’Udinese con i granata, al completo, che vogliono proseguire il trend in trasferta (6 punti): “Sanabria recuperato, ci siamo tutti, penso. Domani affrontiamo una squadra particolarmente in forma. Siamo una squadra da trasferta? Non penso questo”.
    Juric e la fiducia in Pellegri
    “Lui ha potenza giusta per giocare attaccante, è un attaccante moderno con i movimenti giusti. Ha un sacco di cose da imparare perchè la sua esperienza calcistica è quasi pari a zero ma vuole imparare tanto: mi auguro che possa trovare continuità fisica. L’altro giorno ha fatto gol e i movimenti giusti, speriamo continui. Domani giocherà dall’inizio, mi auguro faccia una bella partita, sia per lui sia per noi”.
    Juric sulla partita che si aspetta e sulla chance di Ricci
    “Spesso si dice che siamo una squadra fisica, ma noi siamo tutto tranne che una squadra fisica. Ci piace rubare palla e andare in anticipo, questo sì, ma non siamo una squadra fisica, assolutamente. Loro hanno forza, accelerazioni, qualità di giocatori come Deulofeu, Pereyra, Success, Beto. E sono fortissimi sui calci piazzati, se non sbaglio hanno fatto nove gol su palla inattiva. Spesso si sottovaluta questo aspetto, che può cambiare una stagione – aggiunge – (Ricci) Potrebbe giocare dall’inizio. In Coppa l’ho visto in difficoltà, ma nell’allenamento di ieri l’ho visto correre più sciolto. È stato ammalato per 4-5 giorni ma ora sta tornando forte. Ieri mi sembrava bello vivace e potrei giocare con lui in mezzo”.
    Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi! LEGGI TUTTO

  • in

    De Paul e un rapporto speciale: “Per Scaloni do più del massimo, ha realizzato il mio sogno”

    TORINO – In quattro anni ne ha fatta di strada: dal debutto in Albiceleste a ottobre del 2018 fino a prendersi completamente le chiavi del centrocampo dell’Argentina. La parabola in Nazionale di Rodrigo Javier de Paul è impressionante: l’ex Udinese ora all’Atletico Madrid, oggetto del desiderio di moltissimi top club europei, è realmente “il motore della Scaloneta”. E’ stato decisivo nel trionfo nella Copa América 2021 in Brasile e ora sogna di poter dire la sua anche nel Mondiale che partirà in Qatar tra meno di un mese. De Paul è legato al 10, al Goat, al miglior giocatore in attività, a Lionel Messi insomma, da un rapporto che non è solo professionale ma anche di amicizia: «A volte lo chiamo El Pequeño, il piccolo. Lio è una persona normale e gli piace molto che tu lo tratti così, pure se lo sfotti. Ama sentirsi in un gruppo dove può permettersi di essere solo Lionel, mica Messi».

    Sveglia presto e matecito Non solo: de Paul ha rivelato anche altri gustosissimi aneddoti sulla banda Albiceleste, sui ritiri con i compagni di Nazionale. «La mattina ci alziamo molto presto e beviamo sempre mate. Anche se qualcun altro tra i nazionali si alza presto, non può venire subito da noi: è un’usanza. Cominciamo Lio, Papu Gómez ed io. Poi si aggiungono il Fide (Di María), poi Leo (Paredes), Gio (Lo Celso) e, per ultimo, Nico Otamendi. Dev’essere questo l’ordine: non si può transigere. Se ti svegli e ti alzi alle 8 del mattino perché non riesci a dormire, beh, fai qualcos’altro. C’è un rigoroso ordine di arrivo nella stanza del mate, va rispettato assolutamente», racconta il centrocampista cresciuto nel Racing Club.

    Fiducia reciproca Particolarissimo anche il rapporto che lega de Paul a Lionel Scaloni, il ct: da quando, nel 2018, ha assunto la guida della Nazionale, l’asso ex Udinese non è mai mancato. «I miei compagni dell’Argentina mi sfottono un sacco per questo. Mi chiamano “Rodrigo Scaloni”, sono sfacciati – e ride -! Ma c’è una realtà dietro tutto questo e no, non mi vergogno a confessarla: il ct sa che ogni volta indosso la maglia Albiceleste darò più del mio massimo. Per l’Argentina, ovvio, ma anche per lui. Scaloni infatti, mi ha fatto realizzare il sogno più grande della mia vita. Proprio come lui sa che darò più di quello che ho, ugualmente io confido ciecamente nel ct. A volte gli dico “Dai però, te la prendi sempre con me!” e lui mi risponde “Bene, boludo, allora fai le cose nel modo giusto!”. Tutto questo sempre con rispetto, lui è il ct, quello che comanda, il capo. So da che parte sta e lui sa che che da me avrà sempre estrema correttezza e fiducia. Tutta quella fiducia che ha riposto in me posso restituirgliela e questo fa bene alla Nazionale». Il motore della Scaloneta è già caldissimo, Rodri de Paul vuol lasciare ancora il segno. Le rivali Mundial sono avvisate. 
    Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi! LEGGI TUTTO

  • in

    Torino, Schuurs verso l'esame Beto. Così l'olandese si prepara al duello

    TORINO – Perr Schuurs non è mai stato un difensore-goleador: di reti ne ha messa a segno qualcuna, ma prima di confrontarsi ad alti livelli con l’Ajax. Con il Fortuna Sittard nel 2017-18 aveva realizzato 8 gol, ma la categoria era la B olandese. Con l’Ajax ha invece infilato due reti in campionato (59 gare) e una in Coppa d’Olanda (13 presenze). In Italia il suo primo acuto è arrivato contro il Cittadella, a firmare il tris di una prova che Zima avrebbe chiuso sul 4-0. Se il ceco contro l’Udinese dovrebbe tornare in panchina – favoriti per giocare dall’inizio ai lati sono Djidji e Rodriguez – l’olandese in Friuli avrà nuovamente una maglia da titolare. Avversario di alto livello: Schuurs se la vedrà con Beto – del quale al Fila sta studiando ogni mossa -: con 5 reti è il vicecapocannoniere del campionato (come lui Dybala e Kvaratskhelia, a quota 6 ci sono Arnautovic, Vlahovic e Immobile).

    Ora è lui il titolare

    Per Schhurs, ormai caposaldo della difesa granata, si tratterà della settima partita in campionato: in sei è stato titolare, subentrando soltanto con il Napoli. Dopo avergli preferito Buongiorno potendo anche contare sulla crescente affidabilità del prodotto del settore giovanile granata, ora Juric ha dato la maglia da riferimento della retroguardia a Schuurs. E l’olandese lo sta ripagando con prestazioni per lo più convincenti.
    Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi! LEGGI TUTTO

  • in

    Serie A, classifica a confronto dopo 10 giornate: l’Udinese vola! Juve e Toro…

    Al termine della decima giornata di campionato è possibile confrontare la classifica di quest’anno con quella della passata stagione dopo 900 minuti di gioco. Sono molte le sorprese che si possono osservare nel confronto tra le due graduatorie. Sicuramente la squadra che sta facendo meglio, rispetto al 2021-2022, è l’Udinese di Andrea Sottil che in quasi 365 giorni ha fatto registrare un +10 in classifica. Al momento i friulani sono a quota 21 punti (insieme alla Lazio) a sole 5 lunghezze dal Napoli capolista. Gli azzurri al momento comandano la Serie A ma hanno addirittura due punti in meno rispetto a un anno fa quando nelle prime dieci ottennero nove successi e un solo pari (proprio contro la Roma, prossimo avversario del Napoli). LEGGI TUTTO