consigliato per te

  • in

    Parma-Faggiano, ufficiale la risoluzione consensuale

    PARMA – Dopo quattro anni ricchi di soddisfazioni, Daniele Faggiano chiude la sua storia professionale col Parma. Questa mattina il club ducale ha ufficializzato la risoluzione consensuale del contratto del direttore sportivo. Arrivato il 7 dicembre 2016, l’ormai ex ds emiliano ha segnato in profondità la storia recente del Parma, risultando tra gli artefici di due promozioni e due salvezze.  “Le nostre strade prendono cammini differenti – ha dichiarato Pietro Pizzarotti, Presidente del Parma Calcio 1913 – ma l’affetto e l’amicizia resteranno per sempre”.

    “Ho dato tutto me stesso, necessito una nuova sfida”
    Emozionato anche Faggiano nel momento dell’addio ai colori gialloblù: “Questa società, dalla proprietà a tutti i dipendenti, rappresenta per me una famiglia. Per questo non è stata una scelta facile, ma dopo un’attenta riflessione ho ritenuto fosse la più corretta nei confronti di me stesso e delle persone con cui ho condiviso questi anni lavorativi. Dopo quattro anni intensissimi ho capito che avevo bisogno di una nuova sfida perché sento di aver dato tutto me stesso, e non riuscirei a trovare dentro di me quel qualcosa in più che ritengo necessario per svolgere al meglio il mio lavoro”. Ora il direttore sportivo firmerà per il Genoa, che lo ha scelto per la prossima rifondazione. LEGGI TUTTO

  • in

    D'Aversa su Kulusevski: “Impressionante, farà la differenza anche alla Juve”

    PARMA – Al Parma non basta la perla di Kulusevski, l’Atalanta vince in rimonta 2-1. Roberto D’Aversa, tecnico gialloblù, ha commentato così a Sky la sconfitta dei suoi al Tardini: “L’Atalanta di solito concede poco? Invece la mia squadra ha creato tanto. Il loro primo gol è frutto di una nostra ingenuità visto che la palla è passata in mezzo alla barriera – ha spiegato -. Ci sarebbe stato stretto un pareggio, invece ci ritroviamo qui a commentare una sconfitta”. Sulla gara di Dejan Kulusevski che, oltre ad aver siglato il gol del vantaggio, è stato il migliore dei suoi per distacco: “Impressionare nel campionato Primavera è diverso, ma lo ha fatto anche qui al suo arrivo. Ha quantità perchè corre 12 km, ma anche qualità. Può migliorare tanto, ma se capisce che quando arriva vicino all’area il difensore non interviene per non rischiare di causare il rigore… può fare ancora di più. È un giocatore ‘mentalizzato’, perchè quando cresci nell’Atalanta hai una marcia in più – è la rivelazione di D’Aversa – .Potrà fare la differenza anche alla Juve”.
    PARMA-ATALANTA 1-2: LA CRONACA LEGGI TUTTO

  • in

    D'Aversa: “Kulusevski? Chi cresce nell'Atalanta ha una marcia in più”

    PARMA – “L’Atalanta di solito concede poco? Invece la mia squadra ha creato tanto”. È questo il pensiero di Roberto D’Aversa dopo il ko casalingo subito in rimonta dal suo Parma contro i nerazzurri. “Il loro primo gol è frutto di una nostra ingenuità visto che la palla è passata in mezzo alla barriera – ha spiegato l’allenatore ducale ai microfoni di Sky Sport -. Ci sarebbe stato stretto un pareggio, invece ci ritroviamo qui a commentare una sconfitta”. Sulla gara di Dejan Kulusevski che, oltre ad aver siglato il gol del vantaggio, è stato il migliore dei suoi per distacco: “Impressionare nel campionato Primavera è diverso, ma lo ha fatto anche qui al suo arrivo. Ha quantità perchè corre 12 km, ma anche qualità. Può migliorare tanto, ma se capisce che quando arriva vicino all’area il difensore non interviene per non rischiare di causare il rigore… può fare ancora di più. È un giocatore ‘mentalizzato’ – ha rivelato D’Aversa – perchè quando cresci nell’Atalanta hai una marcia in più. Potrà fare la differenza anche alla Juve”.
    PARMA-ATALANTA 1-2: LA CRONACA
    Atalanta, Malinovskyi e Gomez ‘ribaltano’ il Parma LEGGI TUTTO

  • in

    Parma, D'Aversa: “Kulusevski? Ci mancherà”

    BRESCIA – “Kulusevski? Ci mancherà ma cercheremo di sostituirlo nel modo migliore. Ragioniamo sul presente, poi parleremo di questo con la società. Al momento penso a recuperare molti giocatori importanti, come Cornelius, Inglese, Grassi, Kucka, anche se Dejan è un giocatore che è migliorato molto”. Il tecnico del Parma, Roberto D’Aversa, ha parlato così ai microfoni di Sky dopo il successo sul Brescia: “Sono soddisfatto, considerando le condizioni climatiche e il caldo, che hanno influito sull’intensità. Poteva costarci cara qualche disattenzione, ma è un risultato meritato, diciamo che anche nel primo tempo potevamo sfruttare meglio alcune situazioni. Mancano ancora due partite. Giocheremo contro l’Atalanta e deve esserci la volontà di far bene contro una squadra così forte. Dopo il lockdown è una delle squadre che ha fatto meglio, insieme al Milan. Sicuramente c’è la volontà di far bene Vogliamo arrivare il più in alto possibile”.  LEGGI TUTTO

  • in

    Parma, D'Aversa: “La mia squadra merita solo elogi”

    PARMA – Giornata di vigilia per il Parma e Roberto D’Aversa, reduci dalla vittoria con il Napoli dopo un lungo digiuno: “E’ una vigilia diversa per l’aspetto mentale, perché veniamo da una vittoria e quando ci sono dei risultati positivi l’aspetto mentale è totalmente diverso. Questo comunque non deve togliere nulla su come noi dobbiamo andare ad affrontare la partita di domani perché è vero che abbiamo ottenuto il risultato ma è anche vero che in queste ultime partite, iniziando dalla sfida di domani, dobbiamo cercare di recuperare quello che si è perso in questi giorni – ha spiegato il tecnico ai canali ufficiali del club gialloblù -“. Ora il Brescia già retrocesso: “Noi abbiamo raggiunto il nostro obiettivo a livello aritmetico, ma dovremo stare attenti al Brescia, una squadra che ha sempre fatto il suo campionato. Sono già in B, ma proprio queste partite sono quelle che nascondono più insidie. Non sarà un impegno semplice”. Il Parma ha finalmente ritrovato la vittoria nell’ultimo turno di campionato contro il Napoli e D’Aversa si ritiene fortunato di “avere a disposizione un gruppo come quello che ho io quest’anno e che ho avuto anche negli anni passati: un gruppo con qualità morali importanti abbinate a qualità tecniche. Penso che non tutte le squadre avrebbero potuto fare un percorso del genere considerate le problematiche di infortuni – in particolar modo nei due centravanti di ruolo -, di assenze. Oppure a non farsi influenzare da quanto successo nel momento clou del campionato, vedi le partite con Inter, Hellas Verona, Roma, Fiorentina, dove tutti sanno cosa è successo”.

    “Senza crearsi alibi e continuando a lavorare siamo stati bravi, nel momento di difficoltà di risultati visto che le prestazioni ci sono sempre state, ad andare in campo senza farci influenzare da niente e lavorando solo per portare a casa il risultato – ha spiegato il tecnico ducale -. Come gli altri anni passati, anche quest’anno a questo gruppo non si può rimproverare nulla. L’obiettivo è stato raggiunto tra mille difficoltà, non ultima il fatto che siamo l’unica squadra ad essere in quarantena: penso che sia un protocollo sul quale iniziare a ragionare e sul quale iniziare a fare qualche modifica perché penso non sia possibile iniziare il prossimo campionato con questo protocollo e parlo per esperienza personale visto che la stiamo vivendo. Questo gruppo va soltanto elogiato“. Sugli obiettivi delle ultime tre gare: “Lavoriamo dal primo giorno di ritiro per fare il meglio possibile, senza farci influenzare dai risultati. Ora penseremo a fare una gara importante a Brescia, poi penseremo alle altre due partite. Vogliamo arrivare più in alto possibile, ma questa ambizione l’abbiamo avuta anche guardo perdevamo qualche gara” ha concluso D’Aversa. LEGGI TUTTO

  • in

    Parma, Gagliolo stop: distrazione muscolare

    PARMA – Il Parma è tornato oggi ad allenarsi a Collecchio. Nella mattinata il tecnico D’Aversa ha diviso i giocatori a disposizione in due gruppi: i crociati scesi in campo ieri contro la Sampdoria hanno svolto un lavoro defaticante. Per il resto del gruppo, invece, lavori di attivazione seguiti da torellini e da un’esercitazione tecnica. L’allenamento è stato concluso da una partita in porzione ridotta del campo. Riccardo Gagliolo si è sottoposto ad esami strumentali che hanno evidenziato una distrazione muscolare all’ileopsoas sinistro. Per la giornata di domani è in programma una seduta mattutina.  LEGGI TUTTO