consigliato per te

  • in

    A Rotterdam il prof della Roma pronto a tutto: “Se vinciamo lezione in maglia giallorossa”

    Robert Visscher, giornalista olandese e docente universitario, ha lanciato la sua sfida agli studenti, fan del Feyenoord: “Tutti sanno per chi tifo, studiavo nella Capitale ed è stato un colpo di fulmine. La finale? Punto tutto su Abraham” Un maxischermo in pieno centro, decine di bandiere a colorare gli ultimi giorni di attesa. Che sia nei bar oppure negli uffici, al supermercato o semplicemente per strada, a Rotterdam – da una settimana – non si parla d’altro. La finale di Conference League tra Roma e Feyenoord è ormai sulla bocca di tutti. Sulle sponde della Nuova Mosa è rinato il sogno di un trionfo europeo, vent’anni dopo l’ultimo successo del club in campo internazionale. LEGGI TUTTO

  • in

    Roma e il caso della Barcaccia: con il Feyenoord non sarà la solita finale

    Nel 2015 in occasione dei sedicesimi di Europa League i tifosi olandesi devastarono il centro della capitale: il simbolo dei danni fu la storica fontana del Bernini, gravemente danneggiata Roma-Feyenoord non sarà solo una partita da vincere solo perché è una finale e c’è in palio la prima Conference League della storia dell’Uefa. No, c’è anche dell’altro, e affonda le radici in un’altra storia, quella della Capitale italiana. E nel suo orgoglio cittadino, nel rispetto delle tradizioni di una città e di un patrimonio storico che non ha eguali al mondo. C’è una Barcaccia da vendicare, sportivamente parlando ovviamente, un oltraggio alla storia di Roma che nessuno mai da questa parti ha dimenticato. LEGGI TUTTO

  • in

    Così Mourinho ha risvegliato un popolo. E in finale Tirana diventerà… Tiroma

    Il club giallorosso torna in una finale europea dopo 31 anni ed è la prima volta di una squadra italiana dal 2010. Il merito? In primis di José. Ecco perchè… In una meravigliosa bolgia giallorossa, la Roma trascinata da 70 mila tifosi al suo fianco e grazie ad Abraham, il suo giocatore più forte, conquista la prima finale di Conference Cup a Tirana contro il Feyenoord. I nostri club non vincono in Europa dalla Champions dell’Inter del 2010 e in panchina quel giorno c’era lo stesso uomo che proverà ad alzare questa coppa: Josè Mourinho. Con una semifinale di Champions (2018), una semifinale Uefa (2021) e la finale di Conference (2022) la Roma è la società italiana che meglio ha fatto in Europa negli ultimi quattro anni. LEGGI TUTTO

  • in

    Ranieri vota Roma: “Scusa Leicester ma qui è casa mia. E con Mou si vince”

    Il tecnico ha guidato due volte i giallorossi e vinto la Premier League con gli inglesi. “Siamo favoriti. Se si passa volo a Tirana” È stato il fantasma gentile della partita d’andata. Le immagini di Claudio Ranieri, l’allenatore romano e romanista, scorrevano sui maxischermi del King Power di Leicester come quelle del figlio prediletto – Coppa al cielo – capace di raccontare la favola più bella che il calcio recente ha consegnato ai posteri. LEGGI TUTTO