consigliato per te

  • in

    Psg-Juve: ufficiale la multa ai bianconeri per cori razzisti

    Le sanzioni
    Queste sono state le sanzioni ufficiali al club bianconero: multa di 15 mila euro e chiusura parziale dello Juventus Stadium, che dovrà essere composto da almeno 1.000 posti, durante la successiva partita cui la Juventus giocherà come società ospitante, per comportamento razzista di suoi sostenitori. Tale chiusura parziale dello stadio è sospesa per un periodo di prova di un anno, a decorrere dalla data della presente decisione. Inoltre divieto di vendere i biglietti ai suoi tifosi per la prossima partita in trasferta, divieto della validità di un anno. LEGGI TUTTO

  • in

    Nazionali, club, infortuni che scompaiono e riappaiono. Chi paga?

    TORINO – (e.e.) E’ sempre più difficile capirci qualcosa. Arriva la chiamata della Nazionale, ed ecco il fuggi fuggi. Sì, anche degli infortunati. Insomma, già la sirena del Mondiale mette il freno, magari emotivo, ora anche la sosta per le prove generali ha il potere di far sbraitare i dirigenti e gli allenatori dei club. Ci sono malesseri che scompaiono, altri che riappaiono. E certo, anche guai reali con gente che non parte o ritorna subito dopo la visita fiscale. Ma insomma, il caos è caos. E vedere Dybala sorridente che pedala a fianco di Messi, Di Maria e soci a Miami fa sbraitare i romanisti, ad esempio. Loro non hanno potuto applaudire la Joya nel match perso contro l’Atalanta: stava in tribuna. Che dire di Roberto Mancini? Marco Verratti, che dovrebbe essere il perno e il leader dell’Italia, continua il suo rapporto ondivago: è l’ennesimo forfait del cemntrocampista del Psg. Sfortuna… Poi c’è chi in Nazionale ritrova il sorriso (Bremer, ma non solo: quasi tutti quelli della Juventus) e chi ne approfitta per rigenerarsi. Insomma, il campionato quasi finisce per essere una parentesi. Ma chi passa lo stipendio?Iscriviti al Fantacampionato Tuttosport League e vinci fantastici premi! LEGGI TUTTO

  • in

    Il Psg non fa sconti al Maccabi, Chelsea bloccato sul pari. Tre punti per Real e City

    TORINO – Il Psg batte 3-1 in rimonta fuori casa gli israeliani del Maccabi Haifa e si porta a punteggio pieno nel girone della Juve: sono Messi, Mbappé e Neymar a regalare i tre punti a Galtier dopo il momentaneo vantaggio isrealiano firmato Chery. Il Chelsea non va invece oltre il pareggio nella prima panchina europea del nuovo allenatore Potter: nel match valido per il gruppo E di Champions League contro il Salisburgo i Blues vanno in vantaggio grazie al gol di Sterling ma vengono raggiunti nel finale dalla rete di Okafor, col Milan primo in classifica che tiene dunque a distanza di tre punti i londinesi (avversari dei rossoneri nel prossimo turno). Successo anche per il Psg che batte 3-1 in rimonta fuori casa gli israeliani del Maccabi Haifa e si porta a punteggio pieno nel girone della Juve: sono Messi, Mbappé e Neymar a regalare i tre punti a Galtier. Vince anche il Real Madrid di Carlo Ancelotti che supera 2-0 il Lipsia del nuovo allenatore Rose grazie ai gol di Valverde all’80’ e di Asensio al 91′. Vince anche il Manchester City di Guardiola: è l’ex di giornata Haaland a decidere il match contro il Borussia Dortmund, dopo che Stones aveva pareggiato all’80’ il vantaggio iniziale dei tedeschi firmato Bellingham. Un punto ciascuno infine nei match fra Shakthar Donetsk e Celtic (1-1) e fra Copenaghen e Siviglia (0-0). 
    Champions League, le classifiche dei gironi
    Champions League, il calendario
    Psg, Messi, Mbappé e Neymar guidano la rimonta
    Vittoria in rimonta in Isreale per il Psg, che si conferma al primo posto nel girone della Juve: Messi e compagni battono 3-1 il Maccabi Haifa e salgono a quota sei punti in classifica. Al 24′ sono i padroni di casa però a passare in vantaggio nonostante il dominio parigino: è Chery a freddare Donnarumma con un sinistro al volo su cross di Haziza. Dieci minuti dopo è solo un fuorigioco millimetrico a negare agli israeliani il raddoppio di Pierrot. Al 37′ però i fenomeni di Galtier rimettono la partita in piedi: scatto di Mbappé sulla sinistra che fa fuori un avversario, mette forte al centro e Messi devìa in gol da pochi passi. Nel secondo tempo è proprio l’attaccante francese a ribaltare il match: lui e la Pulce si invertono di ruolo, con l’argentino che con un filtrante pesca in area il numero 7, bravo a coordinarsi e a battere Cohen. All’88’ è infine Neymar a chiudere i conti sfruttando un assist di Verratti e battendo di sinistro il portiere: finisce 3-1.
    Maccabi Haifa-Psg 1-3, tabellino e statistiche
    Chelsea, Potter fa 1-1 col Salisburgo alla ‘prima’ in Champions
    Il Chelsea non riesce a rilanciarsi dopo il ko contro la Dinamo Zagabria che è costato la panchina a Tuchel e, nella prima europea del nuovo allenatore Potter, pareggia 1-1 contro il Salisburgo a Stamford Bridge. A portare in vantaggio i Blues è Sterling al 48′: bravo l’esterno ex City a freddare Kohn con un destro a girare dal limite dell’area. Al 77′ però il Salisburgo pareggia: buco di Thiago Silva su Adamu, che va via sulla destra e mette in area un cross rasoterra su cui è lesto ad arrivare Okafor che batte da pochi passi Kepa. Per i Blues è il primo punto nel girone E, che vede ancora il Milan in testa a quota quattro punti. Secondo pareggio di fila invece, dopo quello coi rossoneri alla prima giornata, per gli austriaci.
    Chelsea-Salisburgo 1-1, tabellino e statistiche
    Sorride Ancelotti: 2-0 del Real Madrid contro il Lipsia
    Il Real Madrid si prende la vetta solitaria del gruppo F battendo 2-0 il Lipsia al Santiago Bernabeu: la squadra di Carlo Ancelotti va in vantaggio grazie al gol di Valverde al’80’: bravo l’uruguaiano a controllare un pallone di Vinicius Jr, mettersi la palla sul sinistro e battere il portiere con un sinistro a rientrare. Al primo minuto di recupero, dopo essere entrato in campo sommerso dai fischi, è Asensio a raddoppiare per i Blancos con un bel sinistro incrociato su assist di Kroos.Termina invece 1-1 l’altro match del girone fra Shakhtar Donetsk e Celtic sul neutro di Varsavia: gli scozzesi dell’ex Toro Joe Hart passano in vantaggio grazie ad una sfortunata deviazione di Bondarenko sul tiro di Hatate al 10′, ma alla mezz’ora gli ucraini padroni di casa trovano il gol del pari grazie a Mudryk, che riceve in profondità da Sudakov e con grande rapidità si presenta davanti al portiere e lo batte con un sinistro sotto la traversa. Primo punto per la squadra di Glasgow, mentre sono invece quattro quelli dei ragazzi di Jovicevic.
    Real Madrid-Lipsia 2-0, tabellino e statistiche
    Shakhtar Donetsk-Celtic Glasgow 1-1, tabellino e statistiche
    Haaland condanna la sua ex squadra: 2-1 del City al Dortmund
    Nel gruppo G Haaland regala un dispiacere alla sua ex squadra e decide all’84’ il match fra Manchester City e Borussia Dortmund: la squadra di Guardiola centra un importante successo in rimonta, dopo che la squadra di Terzic era passata in vantaggio al 55′ con Bellingham: l’inglese classe 2003 è bravo a correggere in rete di testa un tiro-cross insidioso di Reus. A dieci minuti dal termine, però, Stones si inventa una gran giocata da lontano e con un destro fortissimo batte il portiere sul suo palo, firmando l’1-1. A sei minuti dalla fine il norvegese completa la rimonta: preciso cross di Cancelo in area con il numero 9 di Guardiola che in acrobazia batte ancora Meyer e fa esplodere l’Etihad. Nell’altro match del girone, con Lamela titolare dal 1′ e con Suso ed il Papu Gomez che partono dalla panchina, il Siviglia del ds Monchi pareggia invece 0-0 fuori casa contro il Copenaghen dell’ex Lazio Vavro. In classifica comanda dunque il City a punteggio pieno, segue il Dortmund con tre punti. Appaiate ad un punto Siviglia e Copenaghen. 
    Manchester City-Borussia Dortmund 2-1, tabellino e statistiche
    Copenaghen-Siviglia 0-0, tabellino e statistiche LEGGI TUTTO

  • in

    Il Chelsea frena ancora: 1-1 col Salisburgo. Psg a punteggio pieno, ok City e Real

    Champions League, le classifiche dei gironi
    Champions League, il calendario
    Chelsea, 1-1 col Salisburgo alla ‘prima’ europea di Potter
    Il Chelsea non riesce a rilanciarsi dopo il ko contro la Dinamo Zagabria che è costato la panchina a Tuchel e, nella prima europea del nuovo allenatore Potter, pareggia 1-1 contro il Salisburgo a Stamford Bridge. A portare in vantaggio i Blues è Sterling al 48′: bravo l’esterno ex City a freddare Kohn con un destro a girare dal limite dell’area. Al 77′ però il Salisburgo pareggia: buco di Thiago Silva su Adamu, che va via sulla destra e mette in area un cross rasoterra su cui è lesto ad arrivare Okafor che batte da pochi passi Kepa. Per i Blues è il primo punto nel girone E, che vede ancora il Milan in testa a quota quattro punti. Secondo pareggio di fila invece, dopo quello coi rossoneri alla prima giornata, per gli austriaci.
    Chelsea-Salisburgo 1-1, tabellino e statistiche
    Psg, successo in rimonta firmato Messi-Mbappé-Neymar
    Vittoria in rimonta in Isreale per il Psg, che si conferma al primo posto nel girone della Juve: Messi e compagni battono 3-1 il Maccabi Haifa e salgono a quota sei punti in classifica. Al 24′ sono i padroni di casa però a passare in vantaggio nonostante il dominio parigino: è Chery a freddare Donnarumma con un sinistro al volo su cross di Haziza. Dieci minuti dopo è solo un fuorigioco millimetrico a negare agli israeliani il raddoppio di Pierrot. Al 37′ però i fenomeni di Galtier rimettono la partita in piedi: scatto di Mbappé sulla sinistra che fa fuori un avversario, mette forte al centro e Messi devìa in gol da pochi passi. Nel secondo tempo è proprio l’attaccante francese a ribaltare il match: lui e la Pulce si invertono di ruolo, con l’argentino che con un filtrante pesca in area il numero 7, bravo a coordinarsi e a battere Cohen. All’88’ è infine Neymar a chiudere i conti sfruttando un assist di Verratti e battendo di sinistro il portiere: finisce 3-1.
    Maccabi Haifa-Psg 1-3, tabellino e statistiche
    Real Madrid al comando del gruppo F: 2-0 al Lipsia
    Il Real Madrid si prende la vetta solitaria del gruppo F battendo 2-0 il Lipsia al Santiago Bernabeu: la squadra di Carlo Ancelotti va in vantaggio grazie al gol di Valverde al’80’: bravo l’uruguaiano a controllare un pallone di Vinicius Jr, mettersi la palla sul sinistro e battere il portiere con un sinistro a rientrare. Al primo minuto di recupero, dopo essere entrato in campo sommerso dai fischi, è Asensio a raddoppiare per i Blancos con un bel sinistro incrociato su assist di Kroos. Finisce invece 1-1 l’altra sfida del gruppo sul neutro di Varsavia fra Shakhtar Donetsk e Celtic: gli scozzesi passano in vantaggio grazie ad una sfortunata deviazione di Bondarenko sul tiro di Hatate al 10′, ma alla mezz’ora gli ucraini padroni di casa trovano il gol del pari grazie a Mudryk, che riceve in profondità da Sudakov e con grande rapidità si presenta davanti al portiere e lo batte con un sinistro sotto la traversa. La squadra di Jovicevic sale così a quota quattro in classifica, due lunghezze dietro il Real, mentre per Joe Hart e compagni è il primo punto nel girone. 
    Real Madrid-Lipsia 2-0, tabellino e statistiche
    Shakhtar Donetsk-Celtic Glasgow 1-1, tabellino e statistiche
    Haaland e la legge dell’ex: 2-1 del City contro il Dortmund
    Nel gruppo G Haaland regala un dispiacere alla sua ex squadra e decide all’84’ il match fra Manchester City e Borussia Dortmund: la squadra di Guardiola centra un importante successo in rimonta, dopo che la squadra di Terzic era passata in vantaggio al 55′ con Bellingham: l’inglese classe 2003 è bravo a correggere in rete di testa un tiro-cross insidioso di Reus. A dieci minuti dal termine, però, Stones si inventa una gran giocata da lontano e con un destro fortissimo batte il portiere sul suo palo, firmando l’1-1. A sei minuti dalla fine il norvegese completa la rimonta: preciso cross di Cancelo in area con il numero 9 di Guardiola che in acrobazia batte ancora Meyer e fa esplodere l’Etihad. Nell’altro match del girone, con Lamela titolare dal 1′ e con Suso ed il Papu Gomez che partono dalla panchina, il Siviglia del ds Monchi pareggia invece 0-0 fuori casa contro il Copenaghen dell’ex Lazio Vavro. In classifica comanda dunque il City a punteggio pieno, segue il Dortmund con tre punti. Appaiate ad un punto Siviglia e Copenaghen. 
    Manchester City-Borussia Dortmund 2-1, tabellino e statistiche
    Copenaghen-Siviglia 0-0, tabellino e statistiche LEGGI TUTTO

  • in

    Psg, Kimpembe out per infortunio: a rischio la sfida con la Juve

    TORINO – Il Paris Saint-Germain e il tecnico Christophe Galtier perdono Presnel Kimpembe per infortunio. Secondo quanto si apprende da una nota ufficiale pubblicata dal club parigino sul proprio sito web il difensore francese ha subito “un infortunio al tendine del ginocchio sinistro e sarà indisponibile per circa 6 settimane”. Il club di Nasser Al-Khelaifi ha inoltre comunicato che il giocatore si sottoporrà a nuovi esami medici tra 8 giorni. Il difensore è dunque in forte dubbio per la gara di ritorno di Champions League contro la Juventus, che si terrà all’Allianz Stadium di Torino il 2 novembre. LEGGI TUTTO

  • in

    L'Equipe: “Mbappé, il rinnovo è solo fino al 2024”

    PARIGI (Francia) – Kylian Mbappé ha rinnovato fino al 30 giugno 2025 con il Paris-Saint Germain ma situazione potrebbe cambiare. Il quotidiano francese L’Equipe riporta che l’attaccante dei parigini avrebbe infatti firmato per due stagioni (fino al 2024) con la terza in opzione che verrebbe esercitata solamente con il consenso del giocatore, quella che nello sport americano viene chiamata “Player Option”. Questo contratto 2+1 garantirebbe a Mbappé di avere più controllo sulla dirigenza del Psg.
    Il Real in agguato?
    Con Mbappè che potrebbe liberarsi nell’estate del 2024 lo scenario del mercato potrebbe essere stravolto visto che il Real Madrid potrebbe tornare in corsa per ingaggiare il fuoriclasse francese in poco tempo. A partire dalla prossima estate il Psg si ritroverebbe nella stessa situazione del 2021, con un calciatore che potrebbe uscire libero nel 2024. LEGGI TUTTO

  • in

    “Mbappé potrebbe liberarsi nel 2024”

    PARIGI (Francia) – Il 21 maggio 2022 il Paris Saint-Germain annunciava il rinnovo del contratto di Kylian Mbappé fino al 30 giugno 2025 ma situazione potrebbe cambiare radicalmente. Il quotidiano francese L’Equipe riporta che l’attaccante della nazionale avrebbe infatti firmato per due stagioni (fino al 2024) con la terza in opzione che verrebbe esercitata solamente con il consenso del giocatore. Il meccanismo di questo 2+1 garantirebbe a Mbappé uno strumento in più per fare pressione sui suoi dirigenti del club parigino.
    Lo scenario
    Questo cambia completamente la situazione, visto che il Real Madrid potrebbe tornare in corsa per ingaggiare il fuoriclasse francese in poco tempo. A partire dalla prossima estate il Psg si ritroverebbe nella stessa situazione del 2021, con un calciatore che potrebbe uscire libero nel 2024. LEGGI TUTTO

  • in

    Psg, Galtier: “Donnarumma? L'errore con la Juve non deve condizionarlo”

    PARIGI – Gianluigi Donnarumma non è in discussione. È quanto si è capito dalle parole di Christophe Galtier alla vigilia della gara col Brest. Il tecnico del Psg ha risposto così alle critiche subite dall’ex portiere del Milan per il gol subito con la Juve in Champions: “Non faremo turnover in porta, non sono quel tipo di allenatore. A volte dimentichiamo che Gigio è giovane. Ha commesso un errore ma ha anche fatto due parate decisive. Ne abbiamo comunque parlato, lui ha tecnica, fisico e altezza e io voglio un portiere che esca sui calci piazzati, questo errore non deve condizionarlo”.
    “Neymar e Mbappé? Sono grandi amici”
    Galtier però farà turnover in altre zone del campo: “Non sarà lo stesso undici che ha giocato con la Juve, nè quello che giocherà col Maccabi. C’è bisogno di freschezza e che tutti siano concentrati”. Infine sul rapporto fra Neymar e Mbappé: “È molto buono, in allenamento spesso fanno gli esercizi insieme. Se giocheranno domani loro due e Messi? È possibile che uno di loro riposi”. LEGGI TUTTO