consigliato per te

  • in

    Torino, Juric e i dubbi in vista del Sassuolo: “Ha avuto la febbre a 39,5”

    “Noi abbiamo già svoltato come carattere e come stare in campo. A volte andiamo oltre e altre un po’ meno come con la Salernitana, ma tante cose stanno andando bene. Dobbiamo continuare così ed essere positivi, trasformiamo l’energia positiva in risultati per creare una mentalità vincente. Quando vinciamo, lo meritiamo alla grande; altre gare, giocando meno bene, dovresti portarle a casa. È questo che ci manca per completare un percorso positivo”.

    Può esserci una difesa tutta nuova?

    “Le perdite di Schuurs e Buongiorno sono pesanti, sono pezzi da novanta e ce li siamo costruiti. Mancano entrambi, Rodriguez ha fatto quasi tutta la settimana a parte e vediamo se riusciamo a utilizzarlo. Lovato ha fatto tante presenze a Verona e a Salerno, a volte bene e a volte male, ma è un ragazzo che può crescere: è un’opzione”.

    Torino, senti Lovato: “Per me Juric è l’ideale per crescere”

    Sugli infortunati?

    “Linetty ha avuto l’influenza tutta la settimana con febbre alta a 39,5, vediamo come sta. Anche Pellegri è stato influenzato”.

    Che Sassuolo sarà?

    “Quando sei nella loro situazione, a livello di carattere dai qualcosa in più e meno tranquillità. Mi aspetto il solito Sassuolo: si chiudono, ma sanno ciò che fanno e lavorano bene in entrambe le fasi”.

    Sta pensando qualcosa di nuovo per l’attacco?

    “A volte riusciamo a creare tanto e altre in cui con la stessa disposizione in campo creiamo meno. Non solo in questa settimana, ma negli ultimi mesi lavoriamo molto di più sull’attacco e su come fare gol. Speriamo di migliorare, anche sui calci piazzati che sono fondamentali: le grandi squadre sbloccano le gare sui calci d’angolo, dobbiamo crescere”.

    Laurienté è la chiave della partita?

    “È un giocatore forte e veloce, riesce a determinare. All’andata ha fatto bene anche Tameze su di lui, ma ne hanno anche altri come Volpato e Pinamonti. Hanno diverse soluzioni, Laurienté è quello che dà qualcosa in più e spacca la partita. Ora vediamo se sarà Djidji o Tameze a prenderlo”.

    Cosa ci dice di Kabic? Può finire in Primavera?

    “Lo vogliamo conoscere. Ha una posizione alla Miranchuk e alla Seck, ha fatto un paio di allenamento e vediamo nelle prossime settimane a che livelli siamo”.

    Zapata per l’Europa e il Sassuolo nel destino: il Toro cerca i gol decisivi LEGGI TUTTO

  • in

    Juric, Torino-Salernitana: “Bene Masina e Lovato. Il mercato di Cairo…”

    Ivan Juric ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine della sfida casalinga contro la Salernitana. I granata hanno ottenuto solo uno 0-0, un risultato che rallenta la rincorsa all’Europa. Nonostante l’occasione persa, sale comunque a quattro il numero di risultati utili consecutivi del Torino.
    Torino, Juric: “Cairo non ha voluto investire”
    L’allenatore ha analizzato così la prestazione dei suoi: “La squadra ha fatto il suo, ha attaccato e dominato. Ci è mancato il guizzo per colpa degli spazi stretti che ci ha concesso la Salernitana. I nuovi arrivati? Masina è entrato molto bene, quest’anno non ha giocato praticamente mai. Nei due allenamenti che ha fatto con noi ha dimostrato voglia di esserci. Anche Lovato mi è piaciuto. Sono ragazzi che possono darci una mano”. Poi un commento sul mercato: “La situazione era chiara, il presidente non voleva fare altri investimenti. Abbiamo preso giocatori in prestito e in queste condizioni abbiamo lavorato bene. Siamo soddisfatti di chi è arrivato. Buongiorno e Schuurs sono con noi da anni, per essere la prima partita di Sazonov devo dire che ha fatto una buona prestazione. Crescendo può fare meglio”. LEGGI TUTTO

  • in

    Torino, ecco il rinforzo in attacco: in arrivo Okereke!

    TORINO – Operazione indirizzata. Dopo Masina, terzino sinistro in uscita gratis dall’Udinese in prestito con diritto, con la stessa formula il Torino prenderà ora Okereke, centravanti della Cremonese, nigeriano, 2 gol in 17 presenze in questo campionato. L’operazione è in fase di definizione. La fumata bianca sembra ormai dietro l’angolo. La Cremonese ha aperto al prestito con diritto, di qui la svolta mentre invece Rafa Mir, prima scelta per l’attacco,  ribadiva il suo no al Torino, in mattinata. LEGGI TUTTO

  • in

    Juric esalta Zapata e scarica Radonjic: “Secondo lui ha mal di schiena…”

    Una sola sconfitta nelle ultime sette gare disputate e il Torino non ha nessuna intenzione di volersi fermare. Nell’anticipo di venerdì della Serie A i granata voleranno in Sardegna per affrontare un Cagliari affranto dalla scomparsa di Gigi Riva ma con la voglia di ricordarlo e dedicargli una vittoria all’Unipol Domus, là dove martedì è arrivato l’ultimo saluto alla Leggenda rossoblù. “La spinta del pubblico è impressionante, hanno grande attaccamento alla squadra e ora l’ambiente sarà ancor più teso e infuocato dopo quanto successo” ha avvisato Juric in conferenza stampa. Il tecnico ha parlato alla vigilia della gara contro i sardi. 
    Cagliari-Torino, conferenza Juric
    Ivan Juric ha presentato la prossima gara contro il Cagliari: “La sosta è andata bene sotto certi punti di vista. Domani sarà una battaglia e dobbiamo dare il massimo”. Il tecnico ha poi parlato delle assenze: “Djidji non è al massimo e non voglio rischiarlo. Ilic non sarà convocato per problemi alla schiena. Mancheranno anche Soppy e Karamoh”. Su Radonjic: “Non sarà convocato. Secondo lui aveva mal di schiena, ora sta facendo con il preparatore. Non si è allenato tutta la settimana”. Poi gli elogi a Zapata: “Quello scatto di 70 metri fatto a Genova ha dimostrato di avere uno spirito allucinante”. Su Ricci: “Prima dell’infortunio era a un livello molto alto, poi dopo ha fatto fatica. Ha avuto bisogno di alcune partite per rimettersi in carreggiata”.
    L’allenatore ha poi parlato del mercato: “Dipende dalle uscite. Se qualcuno vuole andare via dovremo sostituirli. Vediamo cosa succede”. In chiusura ha parlato della situazione del Torino e della formazione: “Stiamo andando bene in attacco ma dobbiamo migliorare certe situazioni perché a volte segniamo tre gol e altre volte facciamo fatica. Al posto di Djidji potrebbe giocare Sazonov, ma valuterò dopo l’allenamento. Ambizioni? Ogni partita è complicata. Abbiamo vinto contro Napoli e Atalanta poi abbiamo avuto difficoltà con squadre del nostro livello”. Intanto il Cagliari ha fatto richiesta per indossare una maglia speciale… LEGGI TUTTO

  • in

    Torino, è tempo di riposo: Juric concede tre giorni liberi, ecco perché

    In casa Torino è tempo di recuperare le forze. Dopo il pareggio contro il Genoa, Juric ha deciso di dare tre giorni di riposo alla squadra, che si ritroverà  al Filadelfia per la mattinata di mercoledì per la ripresa degli allenamenti. Il motivo? I granata non giocheranno la prossima partita di Serie A contro la Lazio, perché i biancocelesti saranno impegnati nella Supercoppa italiana in Arabia Saudita e il recupero è stato programmato per il 22 febbraio. Buongiorno e compagni torneranno in campo direttamente il 26 gennaio contro il Cagliari.
    Torino, i prossimi impegni in Serie A
    Juric avrà a disposizione più giorni per preparare la delicata trasferta a Cagliari. Sicuramente un vantaggio per una squadra che sogna il settimo posto e l’Europa, al momento alla portata. I granata avranno un calendario più agevole nei prossimi turni, che vedranno il Torino contro la formazione di Ranieri e poi in casa contro la Salernitana. Più complicata la sfida successiva contro il Sassuolo, alla ricerca di punti importanti per staccarsi dalla zona salvezza. Subito dopo all’Olimpico arriverà il Lecce. Al contrario gli ultimi giorni di febbraio e i primi di marzo, saranno più complicati con il recupero contro la Lazio, la Roma, la Fiorentina e il Napoli in programma. Ma ci sarà tempo per pensarci, adesso la squadra si gode il riposo. LEGGI TUTTO

  • in

    Toro, in dubbio Linetty per il Genoa. Karamoh resta a casa

    TORINO – Domani Genoa-Torino: in dubbio Linetty. Si vedrà dopo l’allenamento di oggi pomeriggio, ha detto Juric nella conferenza mattutina allo stadio Grande Torino. Il polacco lamenta una sofferenza al polpaccio, come già settimane fa. In ogni caso, Juric è intenzionato a confermare la squadra che ha dominato il Napoli: con Ricci e Ilic in mediana, dunque. Karamoh non convocato, problema a un alluce: in settimana non si è allenato. Nei giorni scorsi ha chiesto di essere ceduto. Torna invece a disposizione Radonjic, che sarà di nuovo convocato. Ma resta sul mercato, insiste per andare a Monza. LEGGI TUTTO

  • in

    Juric: “Abbiamo dominato, sconfitta sarebbe stata una beffa”. Su Ricci e Ilic…

    TORINO – “Siamo stati bene in campo, abbiamo messo attenzione a non subire contropiedi contro una squadra veloce. Siamo andati sempre meglio, abbiamo dominato, sarebbe stata una beffa perdere ma ci è andata bene. Ci è mancato l’ultimo passaggio e il tiro, poi dobbiamo battere meglio i corner”. Sono le parole del tecnico del Torino Ivan Juric in conferenza stampa al termine del match pareggiato 1-1 in casa con l’Udinese: “C’è dispiacere per non aver sfruttato l’energia positiva? Abbiamo fatto un’ottima gara con spirito e concentrazione. Quando fai una gara del genere e non vinci è un’occasione mancata”.

    Su Radonjic, Pellegri, Linetty, Ricci e Ilic

    “Radonjic può essere il vice Vlasic? Poteva fare meglio: sono tutti giocatori del Toro. E io cerco di usarli al meglio, quando penso possano dare qualcosa alla causa. È un concetto semplice che vale per tutti. Come mai non ho inserito Pellegri? Ho messo Karamoh e Radonjic con Sanabria e Zapata, bastava e avanzava. Si è sentita la mancanza di Linetty? No, sono rimasto soddisfatto da Ricci e Ilic. Linetty ha qualità che loro non hanno ancora, non sentono il gioco per 95 minuti. Ma entrambi hanno fatto bene, sono contento delle loro prove”. In chiusura, a Juric viene chiesto chi è la favorita per lo scudetto, chi è la squadra rivelazione e chi è il miglior giocatore: “Inter, Bologna, Zirkzee”. LEGGI TUTTO

  • in

    Zapata, doppietta e lacrime per Juric che commenta così dopo Torino-Atalanta

    TORINO – “Oggi era importante questa vittoria. Abbiamo segnato noi attaccanti, era importante per prendere fiducia. Questa partita ce la meritavamo perchè magari contro Monza e Bologna abbiamo fatto buone partite ma non siamo stati ripagati dai punti sempre per errori nostri. Ripartiamo da questa partite per proseguire l’anno nella miglior maniera”. Sono le parole di Duvan Zapata, ex della sfida e autore di una doppietta, ai microfoni di Dazn al termine del match vinto 3-0 contro l’Atalanta di Gasperini.
    La commozione di Zapata
    “Quello di questa sera è il Toro che abbiamo in testa? Anche quello di prima lo era. Abbiamo accettato l’uno contro uno nel campo oggi, sapevamo che la partita era questa. Abbiamo fatto tutti bene, complimenti ai ragazzi perchè l’Atalanta è una grandissima squadra. Questa vittoria è meritata. È una partita che può far scoccare la scintilla? Ripartiamo da questa partita. Piano piano costruiamo il campionato che vogliamo fare. Oggi ci siamo trovati molto bene in campo ma nei momenti di sofferenza lo abbiamo fatto tutti insieme. L’abbraccio con Juric? Sto ripagando l’amore che mi ha dato da quando sono arrivato. So che ha molta fiducia in me. Sto ripagando a tutti quanti l’amore che mi hanno dato”, le parole di Zapata, visibilmente commosso. Ai microfoni di Dazn, poi, è arrivato anche Ivan Juric… LEGGI TUTTO