consigliato per te

  • in

    Allegri prima di Torino-Juve: “Elkann ha sottolineato il nostro lavoro”, rivivi la diretta

    14:55
    Allegri ritrova il Torino
    Quella di domani sarà la 23esimo sfida tra Massimiliano Allegri e il Torino: 16 vittorie per il livornese, 5 pareggi e una sola sconfitta, arrivata quando era sulla panchina della Juventus con il gol decisivo di Quagliarella.

    14:40
    Serie A, anche la quinta in Champions
    Restando in tema qualificazione in Champions, il ranking della Serie A potrebbe venire in “soccorso” a Massimiliano Allegri: lo scenario.

    14:25
    Allegri, i dubbi di formazione
    Allegri ha concluso la conferenza parlando dei due dubbi di formazione: “Ballottaggio a sinistra tra Kostic e Iling-Junior, mentre a destra tra Cambiaso e Weah”.

    14:20
    Le parole di Allegri
    “Tra Champions, Mondiale e campionato la prossima stagione potrebbe essere meravigliosa. Non ne abbiamo parlato delle partite dei quarti di Champions: Real-Manchester straordinaria, valori tecnici di altissimo livello, è stato un piacere vederlo. Anche l’Atalanta ha fatto una bella partita, anche Milan-Roma. Bisogna essere fiduciosi in quello italiano. La Serie A si dice sempre che sia un campionato di basso livello, ma qualcosa di buono c’è, basta guardare i risultati dello scorso anno e di quest’anno”.

    14:15
    Allegri e il possibile ultimo derby
    “Non ho pensato che potrebbe essere il mio ultimo derby. Ho pensato solo che sia importante per noi, per i tifosi e per la città. Per la Juventus tornare a giocare la Champions è importantissimo, per l’immagine, perchè noi non possiamo stare senza giocarla per due anni, e a livello economico. Se la raggiungeremo avremo fatto un ottimo lavoro. Essere al pari di vittorie nel derby con una leggenda come Trapattoni mi riempie di gioia”.

    14:12
    “Non mi pongo il problema del futuro”
    “Non mi pongo il problema del mio futuro. Siamo dentro l’obiettivo, non l’abbiamo ancora raggiunto. Parlare del futuro ora non serve. L’importante è concentrarsi sul Trino. Dovremo lavorare bene, abbiamo lavorato fino a oggi per arrivare a questo finale. Siamo partiti con l’obiettivo della Champions, confermato anche dalla società, e quello della Coppa Italia. Nel’ultimo mese si decidono le cose ed essere dentro tutti gli obiettivi, con tutte le problematiche che abbiamo avuto, ci siamo. Ora però biogna raggiungerli, il resto non conta niente”

    14:09
    “Le critiche ci saranno sempre”
    Allegri continua: “Contro la Fiorentina abbiamo vinto uno scontro diretto importante, anche per la situazione di classifica. Ma finchè non raggiungiamo l’obiettivo finale non è stato fatto niente. Domani pensiamo al Torino, ma a Cagliari sarà un’altra battaglia. Le critiche ci saranno sempre e le tengo in considerazione, perchè vengono fatte da persone che capiscono di calcio e da loro posso prendere spunto. Si può sempre migliorare e stiamo lavorando per farlo. Ai ragazzi non devo rimproverare niente, le critiche vanno accettate”. 

    14:06
    “Torino? Tante insidie”
    “Tante le insidie di gioco del Torino. Hanno fatto 15 clean sheet, prendono un gol ogni due partite. Una squadra tosta, prende pochi gol. I derby sono una storia a sè. Loro inseguono l’Europa, noi la Champions e dovremo affrontare la sfida nel migliore dei modi. Formazione? Ho due dubbi, li scioglierò domani mattina”.

    14:05
    Il futuro di Allegri
    “In questo momento bisogna pensare solo al raggioungimento degli obiettivi. Entrare o non entrare in Champions fa ballare 100 milioni. Tutti siamo coinvolti nel raggiungimento di questo obiettivo. Futuro? Deciderà la società, ma in questo momento bisogna unire le forze per arrivare in Champions”.

    14:04
    Allegri ringrazia Juric e parla del derby
    “Ringrazio Juric per le belle parole. Io Fantasista? Le squadre non sono sempre fatte allo stesso modo. Cerco di mettere in campo i giocatori in base alle loro caratteristiche. Durante l’anno anche si cambia, ma è una mia prerogativa quella di adattarsi ai giocatori che ho. L’importante è centrare gli obiettivi. Giocare contro Juric è sempre dificile: le sue squadre mettono grande presisone. Domani sarà una partita difficile, un derby speciale per Torino e per i nostri tifosi, anche per noi dato che ci servono i punti”

    14:02
    Allegri e la lettera di Elkann
    Allegri ha parlato anche della lettera agli azionisti di Elkann che aveva fatto discutere: “Parole importanti da parte di Elkann, che hanno sottolineato il lavoro iniziato tre anni fa. In primis con l’inserimento in prima squadra dei giovani prodotti dalla Next Gen,. molto importante. Il lavoro proseguirà con il responsabile che è Cristiano Giuntoli e dà importanza al lavoro fatto a Vinovo in questi anni”.

    14:00
    Inizia la conferenza stampa
    Inizia la conferenza stampa di Massimiliano Allegri: “Quando si vince si sta meglio. Mancano sette partite di campionato e la paritta di ritorno della Coppa Italia: saranno 40 giorni da vivere con grande passione e voglia per centrare i nostri obiettivi. È ancora lunga, domani dopvremo fare un passettino in avanti”.

    13:40
    Elkann fissa gli obiettivi e incorona Giuntoli: “Plasmerà il futuro”
    Pochi giorni fa, lo stesso presidente di Exor aveva parlato del futuro del club bianconero attraverso una lunga lettera indirizzata agli azionisti: le sue parole.

    13:25
    Rivoluzione Juve: Elkann saluta Allegri e descrive il futuro
    In una lettera ai soci, l’azionista di maggioranza sembra chiudere la porta al rinnovo dell’allenatore: i dettagli.

    13:10
    Juve, il piano di Giuntoli per il mercato
    Ricapitalizzazione e premi coppe portano 30 milioni per il mercato. Altri big solo in caso di cessioni: le ultime tra Sudakov, Ferguson e Koopmeiners.

    13:00
    Allegri presenta Torino-Juve
    Alle 14 l’inizio della conferenza stampa di Massimiliano Allegri, che presenterà Torino-Juve. I bianconeri vanno a caccia del secondo successo utile di fila per avvicinarsi ulteriormente alla qualificazione alla prossima edizione di Champions League.

    Allianz Stadium – Torino LEGGI TUTTO

  • in

    C’è un’altra Juve in crisi: il Milan di Camarda stende la Primavera

    Juve-Milan Primavera, rivivi la diretta

    96′ – Termina la sfida a Vinovo!Camarda decide il match a favore del Milan.

    95′ – Ammonito Gil Puche!Il difensore commette un fallo ingenuo su Simmelhack.

    93′ – Occasione Juve!Grosso calcia col destro dopo la respinta di Raveyre, pallone alto sopra la traversa.

    90′ – Sei i minuti di recupero.

    86′ – Ammonito Bruno Martinez!Il difensore ferma l’azione offensiva del Milan.

    84′ – Occasione per il Milan!Bonomi di testa sfiora il raddoppio. 

    83′ – Cambio nel Milan!Fuori Scotti e dentro Parmiggiani. 

    81′ – Mancina ci prova di testa!Pagnucco crossa al centro e l’attaccante anticipa i difensori del Milan andando a colpire di testa, pallone alto.

    79′ – Occasione Milan!Stalmach ci prova col destro, pallone di poco fuori.

    77′ – Altri due cambi per la Juve!Dentro Grosso per Pugno e Boufandar per Florea. Nel Milan dentro Simmelhack. 

    73′ – Giallo anche per Nsiala!Il centrale rossonero ferma in modo falloso Mancini.

    72′ – Cambi per il Milan!Fuori Sia e Malaspina, dentro Bonomi e Sala.

    71′ – Occasione Juve!Florea ci prova da lontano, pallone fuori con Raveyre in controllo.

    68′ – Ammonito Ngana!Il centrocampista entra in ritardo su Malaspina. 

    63′ – Doppio cambio per la Juve!Dentro Montero e Ngana, fuori Mazur e Turco. 

    60′ – Milan vicino al raddoppio!Sia a tu per tu con Vinarcik non riesce a colpire bene il pallone e il portiere devia. 

    56′ – Occasione Juve!Mancini prova con il destro sul disturbo di Nsiala, tiro potente e di poco fuori. 

    54′ – Gioco fermo!Raveyre resta a terra dopo un duro colpo con un proprio compagno.

    51′ – Meglio i bianconeri in questo avvio di secondo tempo!

    48′ – Occasione Juve!Bellissimo cross di Turco per Pagnucco che di testa spedisce fuori da buona posizione.

    46′ – Iniziata la ripresa.Un cambio per la Juve: fuori Firman e dentro Scienza.

    INTERVALLO

    45+2′ – Termina la prima frazione con il Milan in vantaggio.

    45′ – Due minuti di recupero.

    43′ – Occasione Milan!Bartesaghi mette in mezzo, Scotti arriva col destro ma va potente e non preciso con il pallone alto. 

    35′ – Ammonito Zeroli!Il capitano del Milan trattiene per la maglia Turco.

    30′ – La Juve fatica a trovare spazi e a gestire il possesso per il pressing dei rossoneri.

    25′ – Continua a spingere il Milan!

    22′ – Stalmach, ancora Milan pericoloso!Il centrocampista prova il tiro, la difesa devia. 

    18′ – Juve in difficoltà in questa prima fase del match.

    14′ – GOL MILAN!Camarda sblocca il match e approfitta della dormita di Pagnucco. L’attaccante di testa fa 1 a 0. 

    12′ – Primo squillo per la Juve!Mancini scarica per Pugno, l’attaccante si accentra e tira col destro, pallone alto. 

    9′ – Zeroli pericoloso!Il capitano rossonero prova il destro, ma il tiro viene deviato in angolo. 

    5′ – Occasione Milan!Firman perde un brutto pallone al limite, Sia raccoglie e calcia col destro. Brivido per Vinarcik che vede uscire la sfera di pochissimo alla sua sinsitra.

    1′ – Iniziato il match a Vinovo. LEGGI TUTTO

  • in

    Bremer, compleanno con sorpresa: arriva la chiamata del Brasile

    Il Brasile ha ufficializzato i convocati per le prossime amichevoli contro Inghilterra e Spagna del prossimo 23 e 26 marzo. Il ct Dorival Junior in conferenza stampa ha annunciato anche la presenza in lista di Bremer, in precedenza escluso, al posto dell’infortunato Gabriel, difensore dell’Arsenal. Una bel regalo nel giorno del suo compleanno (27 anni), che non poteva festeggiare con una notizia migliore. Non solo l’ex Torino, ci sarà anche Danilo, come rappresentante della Juve, per i prossimi impegni della Nazionale. LEGGI TUTTO

  • in

    Juve, il post su Szczesny fa impazzire i tifosi: “Guarda, come Oblak”

    La Juventus ha postato la foto di una parata di Szczesny sui propri canali social e ha scatenato i commenti da parte dei tifosi bianconeri. Il tutto è successo l’indomani della sconfitta dell’Inter ai calci di rigore contro l’Atletico Madrid in Champions League, dove proprio Oblak è stato decisivo parando i tiri dagli undici metri di Sanchez e Klassen. Ora se il tutto sia collegato a quanto successo al Civitas Metropolitano non è dato sapere, ma leggendo i commenti dei sostenitori bianconeri in tanti l’hanno associato come un “messaggio subliminale”.

    Szczesny, il post Juve scatena i tifosi

    Due guantoni e la foto di Szczesny in tuffo mentre è intento a evitare un gol. È stata questa l’immagine postata sui social dalla Juve questa mattina. Pochi minuti e il post è stato invaso dai commenti di tifosi bianconeri che l’hanno collegato a uno sfottò dopo l’eliminazione dell’Inter dalla Champions. C’è stato chi ha scritto: “Qui Tek è volato, ma sempre più in basso del rigore di Lautaro” –  un chiaro riferimento al rigore sbagliato dall’argentino.

    O ancora: “Non troppo sottile e senza una parola” e “Guarda mamma come Oblak” per sottolineare la grande prova dell’estremo difensore sloveno. Ma non è finita qui perché qualcuno ha commentato con un “Che Klassen questo sfottò” giocando con il nome del centrocampista olandese dell’Inter. LEGGI TUTTO

  • in

    Atletico, impresa contro l’Inter anche con un po’ di Juve sugli spalti

    MADRID (Spagna) – Serata amara per l’Inter che saluta la Champions League ai calci di rigore, arrendnendosi ad un Atletico Madrid che conferma di essere un’altra squadra nelle partite casalinghe al Wanda Metropolitano. Si perchè la casa dei colchoneros è stata decisiva nella notte della rimonta ai nerazzurri di Inzaghi, conclusa con una lotteria dei calci di rigore che ha portato Simeone a conquistare l’accesso ai quarti di finale. E proprio il Cholo a fine partita ha coluto esaltare la sua gente e il suo tifo caldissimo che hanno giocato ancora una volta un ruolo chiave nel cammino dei rojiblancos. Uno stadio ricco di un popolo caldissimo che è stato spesso immortalato dalla telecamere e a tanti tifosi non è sfuggito un dettaglio particolare.
    Thuram, episodio con Savic
    La sciarpa della Juventus
    Non è sfuggita agli occhi dei telespettatori una sciarpa bianconera con scritto “Forza Juve” spuntata tra i tifosi colchoneros durante una delle tante sciarpate, accompagnate ovviamente dal coro ‘Atleti’ ‘Atleti’ che ha spinto la squadra di casa a compiere il ribaltone tanto sperato. C’è dunque anche un pò di sana rivalità del derby d’Italia nella notte del Metropolitano con tanti utenti bianconeri che sul web hanno usato l’immagine della sciarpa per ricordare che nel 2019 la Juventus ribaltò agli ottavi l’Atletico, pur perdendo in Spagna per 2-0, con la remuntada dello Stadium firmata dalla tripletta di Cristiano Ronaldo.
    Juve, favore dal Barça per il Mondiale per Club LEGGI TUTTO

  • in

    Allegri, sentito Pasalic? “Schema Koopmeiners non riesce mai perché ci studiano”

    TORINO – Termina con un pari il big match dello Stadium tra Juventus e Atalanta. Gara decisa dalle reti di Cambiaso e Milik per i bianconeri di Allegri e dalla doppietta di uno scatenato Koopmeiners per la Dea. Il centrocampista olandese, obiettivo di mercato estivo della Vecchia Signora, ha aperto e chiuso i conti con due reti che vanno ad aggiornare i numeri della stagione della definitiva consacrazione del numero 7 nerazzurro. Al termine della partita è il compagno di squadra Mario Pasalic ad esaltarne la prestazione: “Koopmeiners è cresciuto molto, sta facendo cose importanti e siamo contenti di averlo. Speriamo faccia ancora tanti gol. Adesso pensiamo allo Sporting, se passiamo vedremo i sorteggi. Non sarà facile ma siamo pronti”.
     “Schema Koopmeiners non riesce mai perché ci studiano”
    Il centrocampista croato ha proseguito ai microfoni di Danz “Eravamo in vantaggio quindi un po’ di rammarico c’è ma il punto ci sta, certo siamo venuti per vincere ma anche non perdere in casa della Juve è un buon risultato. Abbiamo perso quella partita che contava molto col Bologna ma dobbiamo recuperare punti, prima della sosta c’è un’altra gara importante con la Fiorentina ma ci penseremo dopo lo Sporting”. Sulla prima rete della partita, arrivato su schema di punizione con l’assist di Pasalic per Koopmeiners, il centrocampista della Dea spiega: “Il gol è uno schema, oggi ci siamo riusciti e siamo molto contenti”. LEGGI TUTTO

  • in

    Allegri e la spaccatura Juve allo Stadium: tra striscioni, svolta e capolinea

    Non serviva la partita di ieri sera con l’Atalanta per scoprire quanto Massimiliano Allegri sia una figura, per così dire, divisiva all’interno dell’opinione pubblica bianconera. Ma la spaccatura all’interno della tifoseria tra chi ancora sostiene Allegri e chi invece vorrebbe un cambio di gestione è emersa in maniera chiara all’Allianz Stadium a metà gara: quando il signor Guida ha fischiato la fine del primo tempo, dalle tribune sono arrivati fischi, in parte coperti dalla reazione della Curva Scirea. Dalla Sud solo sostegno e applausi per la squadra e soprattutto per Allegri, con tanto di striscione sui 1000 punti in bianconero superati e cori ad hoc ai quali l’allenatore ha prontamente risposto con un saluto.

    Juve, tifo diviso in due

    C’è dunque una spaccatura che a questo punto è riscontrabile non solo sui social, ma anche in un teatro rimasto finora piuttosto neutrale come lo Stadium: anche a fine gara, dopo il 2-2, si è sentito qualche fischio mentre dalla Sud non è mai mancato l’apporto. E la divisione all’interno dell’opinione pubblica juventina rischia di diventare ancora più netta se non ci sarà una svolta. Anche se per qualche tifoso l’avventura di Allegri è arrivata al capolinea, al di là di obiettivi e contratti. LEGGI TUTTO

  • in

    Christillin: “Auguro al Napoli di andare al Mondiale al posto della Juve”

    “Napoli Mondiale per Club? La FIFA ha spiegato tutto. Non posso che augurare agli azzurri di andare avanti in Champions League e magari qualificarsi” – ha precisato Evelina Christillin, membro Uefa vicino a Ceferin, ai microfoni di Radio Goal su Kiss Kiss Napoli. Il tema è legato alla posizione del club partenopeo in graduatoria al momento al di fuori del piazzamento utile per qualificarsi alla competizione. Posto occupato per ora dalla Juventus, nonostante non abbia preso parte a questa edizione della competizione europea. Situazione che aveva portato De Laurentiis a fare delle dure dichiarazioni: “I bianconeri non devono essere ammessi”.
    Christillin su Napoli-Mondiale per Club 
    Gia la FIFA aveva precisato il regolamento, respingendo le accuse di De Laurentiis, ora anche Christillin lo ha ribadito. Calzona ha un solo modo per portare la squadra al Mondiale per Club, battere il Barcellona e proseguire il percorso in Champions. “Per l’Italia c’è l’Inter qualificata e si aggiungerà una tra Juventus e Napoli. La FIFA ha spiegato tutto, per ora i bianconeri hanno 47 punti e 42 gli azzurri. Sapete bene come vengono scelte le squadre, dall’edizione 2029 ci sarà un nuovo ranking per tutte”. Poi ha parlato anche della possibilità per la città di ospitare l’Europeo del 2032: “Mancano ancora otto anni, c’è tempo per investire e per tenere la competizione in tutta Italia quindi anche al Sud”. LEGGI TUTTO