consigliato per te

  • in

    Juve, stop Mondiale? Spunta l'idea tournée

    TORINO – La novità, sempre, richiede prontezza di riflessi, pensiero veloce e azione. Chi non possiede queste tre doti rischia di subire la realtà che cambia e perdere l’occasione di trasformare il problema in una opportunità. Il preambolo è legato alla nuova situazione con cui si dovranno confrontare tutti i club di Serie A da metà novembre a inizio gennaio, quando il campionato rimarrà fermo per via dei Mondiali in Qatar. Bene, cosa fare con il gruppone che resta in Italia in quanto formato da elementi non convocati? Cinquanta giorni sono tanti, non basta dedicarsi al fondo per lavorare sulla parte atletica. In due mesi scarsi la disabitudine alla partita prende piede in maniera sensibile. Dunque non si potrà pensare di proseguire esclusivamente con gli allenamenti.Sullo stesso argomentoJuve: fede Di Maria, De Ligt per una montagna di soldi, Zaniolo con Arthur o in prestitoJuventus

    Juve, il programma durante la sosta

    Il quesito, ovviamente, se lo sono posti anche alla Juventus dove, al netto di ciò che produrrà il mercato estivo, vedrà il club bianconero nella parte invernale della stagione con una quindicina di calciatori nel proprio quartier generale. E così si è cominciato a ragionare in maniera sempre più fitta sul cosa fare durante la lunga parentesi del torneo nostrano. Una decisione non è stata ancora presa anche se i contatti con lo staff tecnico sono stati già avviati per individuare la soluzione ritenuta migliore. Scontato il fatto che verranno organizzate amichevoli proprio per evitare che la rosa perda il ritmo della partita da una parte e l’abitudine alla sfida.

    Tutti gli approfondimenti sull’edizione odierna di Tuttosport

    Guarda la galleryLe idee della Juve per scatenare l’attacco (e Vlahovic) LEGGI TUTTO

  • in

    Arrivabene-Cherubini, summit a Forte dei Marmi sul mercato Juve

    TORINO – (e.e.) Forte dei Marmi è da sempre l’approdo-vacanza di Maurizio Arrivabene. L’ad della Juventus ha incontrato al bar Federico Cherubini, il ds che ha in mano il mercato dei bianconeri. Occasione propizia per fare il punto della situazione, visti i tanti fronti caldi. Innanzitutto i colloqui con il Chelsea: gli inglesi vogliono Matthijs De Ligt che ha una clausola da 120 milioni. Finora non si sono avvicinati, ma mettono sul piatto contropartite comunque interessati, Timo Werner su tutti. E poi la questione Angel Di Maria: Max Allegri lo vuole, la Juve aspetta la risposta che tarda ad arrivare mentre il Fideo si diverte a Ibiza con Messi e gli argentini. Nicolò Zaniolo è sul taccuino, visto che non rinnova con la Roma. Si stanno cercando le strade che portino al traguardo: dentro c’è Arthur, ma si parla pure di prestito oneroso. Per non dire di Kalidou Koulibaly, che il Napoli valuta 40 milioni (va a scadenza fra un anno) e che dipende però dal destino di De Ligt. E poi i giovani: Fagioli, Miretti, Soulé.. Insomma, al bar mercato serve il tempo pieno. LEGGI TUTTO

  • in

    Werner, perché piace alla Juve. Perché la Juve piace a Werner

    TORINO – Perché Werner piace alla Juve. Perché la Juve piace a Werner. Storia di una trattativa di mercato sorprendente che improvvisamente prende quota nell’estate più strana dove la Premier acquista gente del calibro di Haaland e Darwin Nunez e vede la fuga di Lukaku e di altri insoddisfatti. Tra questi c’è proprio Timo Werner, attaccante tedesco del Chelsea che con Tuchel è diventato una riserva è ha voglia di cambiare aria (proprio come Romelu).
    IL CROCEVIA I Blues hanno inserito l’attaccante della Germania nella trattativa per Matthijs De Ligt (al momento dalla Continassa non si ritengono soddisfatti da quanto messo sul piatto, ricordiamo che la clausola dell’olandese è di 120 milioni). Ai bianconeri Timo farebbe comodo e Allegri lo accoglierebbe a braccia aperte, per la sua indole a muoversi e a mettersi al servizio del centravanti. Certo, sembra passata una vita quando segnava gol a grappoli al Red Bull Lipsia (93 in campionato). Al Chelsea, nonostante la Champions vinta da comprimario, non ha trovato l’ambiente giusto. Torino va bene, soprattutto se si bevono buoni cappuccini di cui va matto… LEGGI TUTTO

  • in

    La Flop 11 del Manchester United? Con Di Maria e Lukaku

    TORINO –  Nella Flop 11 del Manchester United, i colleghi del Sun mettono, tra gli altri , Romelu Lukaku e Angel Di Maria. Incredibile, pensando a come si stia adoperando l’Inter per riavere il belga, eroe dello scudetto con Conte, e come la Juventus sia legata alla risposta del Fideo, considerato da Allegri fondamentale per ripartire con classe, esperienza e determinazione dopo un’annata da zero titoli. Lo stesso argentino, che i bianconeri vorrebbero per una stagione di rilancio, ricorda a malincuore i giorni inglesi. «Sono rimasto solo un anno (2014-2015, pagato 80 milioni al real). Non il miglior periodo della mia carriera. O, per meglio dire, non mi hanno permesso di dare il meglio lì. Ho avuto problemi con il tecnico (Van Gaal), ma grazie a Dio poi sono potuto venire al Paris Saint-Germain, dove sono tornato a essere me stesso». Finita l’avventura francese, mancherebbe ancora un tassello per arrivare in forma al mondiale. La Juve aspetta… Lukaku invece è stato United dal ’17 al ’19 ma non ha strappato il sorriso ai tifosi, anzi. Tra i flop, spunta anche il nostro Matteo Darmian, acquistato dal Torino per 20 milioni, non ha certo lasciato traccia, se non nei comportamenti da bravo ragazzo, rispettoso ma finito al ruolo di riserva o di tribuna…
    FLOP 11 MANCHESTER UNITEDVictor ValdesDarmianBlindRojoSchneiderlinVeronBebeMkhitaryanAlexis SanchezDi MariaLukaku LEGGI TUTTO

  • in

    Da Di Maria al Papu fino a Lautaro: l'Argentina da Messi, tra mercato e Mondiale

    TORINO – (e.e.) Tutti insieme dal re. Si sono presentati a Ibiza, dal loro amico e capo spirituale Leo Messi. Mezza Argentina per il compleanno della Pulce, 35 candeline e tanti sorrisi. Una riunione che sa tanto di gruppo forte, granitico, che vuole fare un unico grande regalo al Dieci: il Mondiale del Qatar. C’è Angel Di Maria, che la Juve sta aspettando e che ancora non ha dato una risposta: una telenovela balneare. Di sicuro, guardando le foto, il Fideo non è stressato dall’attesa. E chissà se deve ancora scegliere tra bianconeri, Barcellona e Rosario Central o se invece nella sua mente è tutto chiaro, ma non vuole ancora esporsi. I blaugrana, tra l’altro, devono sistemare la situazione finanziaria prima di fare movimenti in entrata (anche per questo Lewandowski è fermo). C’è Lautaro Martinez, simbolo dell’Inter che ritrova anche il gemello Romelu Lukaku ma che se arrivasse un’offerta da 100 milioni… C’è Papu Gomez: ah, quanto manca alla serie A la sua simpatia, e quanto manca la sua classe. E poi Javier Pastore, Giovani Lo Celso, Leandro Paredes, Tucu Correa, Nicolas Tagliafico e via discorrendo. Un’Albiceleste al mare, ad alto tasso tecnico, con risvolti di mercato e un viavai continuo…Guarda la galleryMessi, che festa a Ibiza: ci sono anche Di Maria e Molina LEGGI TUTTO

  • in

    Gli auguri della Juve a Bentancur: “Buon compleanno, Rodrigo”

    TORINO – “Buon compleanno a Rodrigo Bentancur”. Su Twitter arriva il messaggio di auguri della Juve per il suo ex centrocampista, oggi al Tottenham di Conte, che compie oggi 25 anni. In bianconero l’uruguaiano ha giocato dal 2017 fino al gennaio scorso, quando ha accettato l’offerta degli Spurs e si è trasferito in Inghilterra per giocare in Premier League. LEGGI TUTTO

  • in

    Di Maria, ennesima puntata dalle vacanze tra Juve e Zaniolo

    TORINO – (e.e.) Angel ancora non vola dalla Juve. E qualcuno comincia a dubitare dopo tanto ottimismo, ma ancora nulla è definito né in un senso né nell’altro. Angel Di Maria resta in vacanza a Ibiza con gli amici e la famiglia. Divide la giornata tra relax, cibo, allenamento e tuffi in piscina. Con lui Leo Paredes, altro obiettivo Juve (con Kean che piace al Psg) e Giovani Lo Celso. E non mancano incontri con colleghi di altri club, come il brasiliano Raphinha che mette online lo scatto con l’argentino. Ma Angel finirà o no alla Juventus? Il club bianconero è andato incontro alle richieste del giocatore, con un anno solo di contratto (con opzione) e stipendio top. Il Fideo è intrigato anche dal Barcellona, però. E in questi giorni c’è forte in pressing Carlitos Tevez, ex bianconero, ora allenatore del Rosario Central dove Di Maria vuole terminare la carriera. Il piano originale è di andarci nel 2023, però l’Apache chiama di continuo. E allora la Juve aspetta che Di Maria si pronunci, prima di passare eventualmente sul piano B. Zaniolo può arrivare con l’argentino, tanto per dire… LEGGI TUTTO

  • in

    Banchero sempre più in alto: applaude anche Lapo Elkann

    TORINO – Anche Lapo Elkann, grande tifoso della Juventus, della Ferrari e della pallacanestro made in Usa, applaude Paolo Banchero, numero 1 delle scelte Nba andato agli Orlando Magic. Scrive il nipote dell’Avvocato: «Sono davvero molto felice per @Pp_doesit prima scelta assoluta al #NBADraft 2022. Un esempio che con impegno e passione i sogni diventano realtà. Grande Paolo Complimenti». Il ragazzone, che ha passaporto italiano grazie a papà Mario, sarà il futuro dell’Italia del basket: una scelta che sa tanto di cuore, e che Paolo ha fatto in tempi non sospetti, con quel tricolore messo a fianco nel suo profilo Twitter e Instagram. LEGGI TUTTO