consigliato per te

  • in

    Locatelli alla Juve, il giorno della svolta: c'è la soluzione

    Locatelli, il giorno della svolta è arrivato. Fossimo nel ciclismo, si potrebbe dire che siamo all’ultimo chilometro della corsa. La Juve è pronta a tagliare il traguardo ma la strada verso il successo presenta ancora qualche ostacolo da superare. Non ci sono concorrenti all’orizzonte, perchè l’Arsenal, che pure metteva sul piatto i quaranta milioni richiesti dal Sassuolo, è stato respinto direttamente da Manuel, che vuole soltanto i bianconeri. Serve trovare l’intesa con il club neroverde e far andare a dama tutte le pedine dell’affare. Oggi, appunto, a meno di slittamenti a domani, le due società si incontreranno per la terza volta e l’appuntamento nelle intenzioni di tutti deve essere quello decisivo. Locatelli attende novità mentre sta per completare le vacanze: al rientro dalle ferie post trionfo agli Europei vorrebbe raggiungere direttamente la sua nuova squadra, insieme a Bonucci, Chiellini, Bernardeschi e Chiesa, i suoi quattro compagni campioni d’Europa che sono attesi lunedì prossimo alla Continassa.Guarda la galleryAllegri con i big: da Ronaldo a De Ligt, Juve al Max

    Locatelli-Juve, ecco cosa manca

    Che cosa manca per il lieto fine? Bisogna annodare i fili dell’intesa e Juve e Sassuolo si confronteranno proprio per questo. Le prime due offerte dei bianconeri non hanno fatto centro; la prima perchè troppo bassa e articolata su un prestito con obbligo di riscatto condizionato agli obiettivi; la seconda perchè l’aggiunta di una percentuale del 25% sulla eventuale futura rivendita non ha scaldato il club emiliano. C’è ancora da fare un passo in avanti da parte della Juve per spingersi almeno a quota 35 milioni per avvicinare i 40 richiesti, tra prestito biennale e obbligo di riscatto, già assicurato in partenza e non legato a obiettivi. I bonus, più o meno facili da raggiungere, potrebbero, come spesso accade, fare la differenza. E magari si potrebbe tornare a parlare di una contropartita tecnica da aggiungere.

    Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio LEGGI TUTTO

  • in

    Kaio Jorge sì, la Juve tratta con il Santos

    TORINO – Kaio Jorge si è promesso alla Juventus e adesso i bianconeri trattano con il Santos per ingaggiare il brasiliano subito e non a gennaio, quando il 19enne verdeoro sarà svincolato. Alla Continassa, forti del gradimento del centravanti, stanno cercando un buon compromesso con il club del presidente Andres Rueda. L’intesa potrebbe essere vantaggiosa per tutti: il Santos eviterebbe di perdere il giocatore gratis e la Juventus anticiperebbe l’ambientamento di Kaio Jorge nella squadra di Massimiliano Allegri e nel calcio italiano. L’agente del centravanti, Giuliano Bertolucci, è in Brasile per guidare la trattativa a distanza tra Juventus e Santos. Non c’è ancora accordo sulle cifre, ma l’ottimismo cresce. Le mediazioni, però, continuano per arrivare alla fumata bianca nel mese di agosto. Il dg Federico Cherubini, avendo Kaio Jorge in pugno a parametro zero per l’inverno, non vorrebbe andare oltre il semplice indennizzo, in gran parte sottoforma di bonus. Il Santos ha capito che non potrà mai incassare 10 milioni, però spera ancora di ottenere almeno la metà.

    Kaio Jorge sarà il vice Morata

    Nei progetti della Juventus, al netto delle decisioni di Cristiano Ronaldo, Kaio Jorge andrebbe a completare il reparto offensivo. Di fatto sarebbe quella quarta punta a lungo rimpianta nella scorsa stagione nei periodi di assenza di Paulo Dybala (soprattutto) e Alvaro Morata. Il 9 di Olinda, in caso trasferimento immediato a Torino, inizierebbe la stagione con i gradi di vice Morata. Anche se in realtà, almeno a livello di caratteristiche, Kaio Jorge sarebbe l’unico centravanti classico a disposizione di Allegri. Non è un dettaglio, almeno nei ragionamenti di Kaio Jorge. Se la punta del Santos ha preferito la Juventus al Milan è perché in rossonero avrebbe avuto davanti ben due nove: Ibrahimovic e Giroud.

    Tutti gli approfondimenti sull’edizione di Tuttosport

    Guarda la galleryLa Juve di Allegri accelera con Ronaldo, De Ligt alza il muro LEGGI TUTTO

  • in

    Pjaca al Torino, è ufficiale: l'indizio social prima dell'annuncio

    TORINO – Marko Pjaca è un nuovo giocatore del Torino, è ufficiale il suo arrivo dalla Juve in prestito con diritto di riscatto. L’esterno croato cambia solo maglia, non città, e passa dai bianconeri ai granata che lo annunciano sui social con un indizio: la foto di una famosa piazza di Torino, scherzando sul gioco di parole con il cognome di Marko.Guarda la galleryPjaca dalla Juve al Torino: ecco le prime foto
    I comunicati di Torino e Juve
    “Il Torino Football Club è lieto di comunicare di aver acquisito dalla Juventus Football Club, a titolo temporaneo con opzione per il trasferimento definitivo, il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Marko Pjaca”, si legge sul sito del Toro. La Juve invece saluta così il suo ex calciatore: “Marko Pjaca disputerà la prossima stagione nelle fila del Torino: è infatti ufficiale il prestito, per una stagione (fino al 30 giugno 2022), con diritto di riscatto. Nato a Zagabria nel 1995 e bianconero dal 2016, Marko in questi anni ha anche militato, sempre in prestito, nelle fila di Schalke 04, Fiorentina, Anderlecht e Genoa. In bocca al lupo per questa nuova avventura!”. LEGGI TUTTO