consigliato per te

  • in

    Roma, Santon senza pace: lesione al flessore. Out almeno due settimane

    ROMA – Non c’è pace per Davide Santon, al suo ennesimo infortunio muscolare in giallorosso. Il terzino rimasto fuori nella gara contro il Cska Sofia dovrà restare fermo almeno due settimane per una lesione al flessore della coscia sinistra. Salterà sicuramente la gaara contro la Fiorentina, poi il Cluj giovedì per l’Europa League e il Genoa. Poi la sosta per le nazionale e la speranza di poter rientrare. Carles Perez invece, uscito ieri per un problema muscolare, oggi ha sostenuto lavoro di scarico, domani verrà sottoposto agli esami strumentali. 
    Roma, Cicinho: “Heinze è matto, non voleva più Totti come capitano!”
    Mkhitaryan sbatte contro la traversa: solo 0-0 tra Roma e Cska Sofia LEGGI TUTTO

  • in

    Roma, fastidio al flessore per Santon: salta il CSKA Sofia

    ROMA – Niente sfida con il CSKA Sofia domani per Davide Santon. Domani il terzino della Roma non ci sarà per un fastidio al flessore della coscia sinistra. Nelle prossime ore verranno fatti ulteriori accertamenti per verificare l’entità del problema. Il terzino non siederà nemmeno in conferenza stampa di fianco a Fonseca, al suo posto ci sarà Karsdorp alle 14. LEGGI TUTTO

  • in

    Dzeko show col Milan: l'urlo a Giacomelli, l'esultanza di rabbia e l'abbraccio a Karsdorp

    ROMA – Che serata per Edin Dzeko. La gara di ieri sera contro il Milan è stata una vera e propria battaglia, non solo per la qualità dimostrata dai rossoneri che ha costretto la Roma a rimontare il risullta per ben tre volte, ma anche per le decisioni arbitrali che hanno lasciato perplessi i giocatori e che hanno innervosito la gara. 
    Giacomellil choc sui rigori
    Al momento del calcio di rigore fischiato da Giacomelli al Milan per il (non) contatto tra Mancini e Ibrahimovic, Dzeko da capitano è andato a parlare con il direttore di gara. Più che un dialogo è stato un vero e proprio monologo del bosniaco, incredulo per il fischio: “Ma che rigore è? Ma che siamo venuti a fare?“, le parole di Edin rivolte a Giacomelli. Nonostante  la Var il calcio di rigore è stato comunque concesso (così come quello inesistente su Pedro qualche minuto prima), scatenando la rabbia e la frustrazione dei giallorossi. 
    Roma, Fonseca: “Peccato, volevo vincere. Giacomelli? Errori sui due rigori”
    La Roma combatte contro il Milan di Ibrahimovic: a San Siro è show Cinque minuti di nervosismo in campo dovuti all’arbitraggio e al nuovo svantaggio, poi però il gol di testa di Kumbulla (il secondo consecutivo dopo lo Young Boys) ha fatto esplodere Dzeko: un’esultanza di rabbia, cattiveria, per scacciare la frustrazione per lo svantaggio e caricarsi per gli ultimi minuti di battaglila. Le immagini di Dzeko da solo nell’area del Milan mentre si sfoga urlando e sbracciando hanno fatto il giro del web facendo impazzire i tifosi della Roma: “Sembrava un’ultrà, grande Edin!”, “Meno male che ha la testa ancora sulla Juventus… È più tifoso della Roma lui di tanti altri”, alcuni messaggi sui social. Apprezzato il suo attaccamento alla maglia, i suoi tanti gol (è a 109, a -2 dal podio dei migliori marcatori della storia della Roma) e per il senso di responsabilità che il bosniaco sente per la fascia da capitano. 
    Roma in rosso, Friedkin corre ai ripari: alzato l’aumento di capitale a 210 milioni
    Al termine della partita infatti, Dzeko non è rientrato subito negli spogliatoi ma ha cercato tutti i suoi compagni di squadra per abbracciarli, complimentarsi ma anche solidarizzare con loro. Uno di questi è Karsdorp: una partita sofferta per le accelerazioni di Leao che hanno portato due volte a prendere gol su azione partendo proprio dalla sua fascia. Poi il cambio per favore il fresco Bruno Peres e a fine partita il lungo abbraccio proprio con Dzeko, che ha cercato di rassicurarlo sulla prestazione. La Juventus è dimenticata al 100%, Dzeko sta mettendo anima e cuore per la Roma. 
    Tabellino Milan-Roma 3-3
    Milan-Roma, Giacomelli concede due rigori dubbi: i social si scatenano LEGGI TUTTO

  • in

    Pagelle Milan-Roma, ecco i migliori e i peggiori

    ROMA – Ieri sera nel monday night di Serie A è andato in scena il pareggio fra Milan e Roma. La partita, terminata 3-3, ha visto i giallorossi rincorrere gli uomini di Pioli che per tre volte si sono portati in vantaggio e altrettante volte sono stati recuperati. Ecco i voti dei migliori e dei peggiori.
    Pioli: «Milan, che rammarico questo 3-3»
    I migliori del Milan
    Ibrahimovic, 7.5: Colpisce a freddo la Roma dopo due minuti, con grande abilità, punendo una difesa posizionata male. Apre e chiude con il terzo gol, su rigore. Sale a 138 in Serie A, impegna costantemente la difesa giallorossa. Deviazione sfortunata che diventa un assist per Kumbulla. 
    Calhanoglu,7: Costringe Mirante a due grandi parate, confeziona il corner per il palo di Kjaer. Il suo rientro dall’infortunio è positivo, nella ripresa cala, ma si procura il rigore fantasma.
    Leao, 7: Un incubo per Karsdorp, è effervescente dall’inizio, bello l’assist per il gol di Ibrahimovic. Fonseca per fermarlo gli manda addosso uno dei centrali. Perde incisività alla fi ne del primo tempo, ma all’inizio della ripresa è ancora suo l’assist (e che assist…) per il gol di Saelemaekers.
    La Roma combatte contro il Milan di Ibrahimovic: a San Siro è show LEGGI TUTTO