consigliato per te

  • in

    Sassuolo-Bologna 1-1: Soriano e Caputo, Mihajlovic regge in dieci

    REGGIO EMILIA – Il derby emiliano tra Sassuolo e Bologna finisce 1-1, senza vincitori né vinti. La squadra di Mihajlovic va avanti con Soriano, poi gioca per un’ora in dieci contro undici per l’espulsione di Hickey nel primo tempo. Caputo pareggia, ma gli attacchi e i tentativi dei neroverdi vengono respinti dai rossoblù con grande spirito di sacrificio. Sinisa sale a 25 punti, De Zerbi va a 35.

    La classifica di Serie A
    Sblocca Soriano, poi Bologna in dieci
    L’avvio del Bologna è migliore, anche se il Sassuolo spaventa con il sinistro in diagonale di Caputo che esce di un soffio. Al 17′ Soriano rompe l’equilibrio: pasticcio di Magnanelli in fase di impostazione, Barrow recupera palla in area e passa al trequartista, bravo di prima a spingere in rete l’1-0. Alla mezzora grave ingenuità di Hickey che becca il rosso e lascia il Bologna in dieci per un brutto fallo, rivisto al Var, su Muldur. Mihajlovic è costretto a togliere Svanberg e a coprirsi con De Silvestri, con Soriano che arretra il suo raggio d’azione. A dieci secondi dalla fine del primo tempo, in pieno recupero, servono i riflessi di Skorupski per evitare il pareggio di Locatelli.
    Calendario e risultati della Serie A
    Caputo pareggia
    De Zerbi rientra in campo con Traorè al posto di Magnanelli per essere ancora più offensivo e l’idea paga, il Bologna è schiacciato e al 52′ subisce: sul tiro di Djuricic il pallone arriva a Caputo che si gira e calcia in porta l’1-1. Il monologo neroverde non si attenua e man mano che il tempo passa assume i contorni di un vero assedio, mentre al Bologna resta solo l’arma del contropiede, con Palacio (entrato per Barrow) unica punta isolata. Il bunker rossoblù resiste e non crolla nonostante gli attacchi ripetuti del Sassuolo. Alla fine il derby finisce in parità.

    Guarda la gallery
    Rosso Hickey, Bologna in dieci per un’ora. Ma il Sassuolo spreca LEGGI TUTTO

  • in

    Sassuolo, De Zerbi: “Non abbiamo concesso nulla all'Udinese”

    REGGIO EMILIA – “Nel calcio per giocare bisogna essere in due, quindi sono contento della maturità espressa nella gestione del match, abbiamo evitato di subire contropiedi pericolosi, non abbiamo concesso nulla all’Udinese. A seconda delle partite il calcio cambia, bisogna saperlo interpretare. Sono rammaricato perché non abbiamo tirato in porta come altre volte”. Roberto De Zerbi, allenatore del Sassuolo, ha parlato così ai microfoni di Sky dopo la gara con l’Udinese: “Troveremo molte partite come quelle di oggi nel nostro percordo. Dovremo essere bravi come lo stiamo stati oggi, migliorare negli ultimi metri e non prendere contropiede. Dobbiamo lavorare sui dettagli, il grosso è stato fatto, a noi è capitato per anni di perdere partite così, dominando e prendendo gol in ripartenza. Ho detto di accettare la possibilità che finisse 0-0 per non perderla; negli ultimi 30 metri possiamo fare di più, ai ragazzi comunque non posso rimproverare nulla. Ad inizio stagione, con il mio staff mi sono chiesto se fosse giusto mettere in rosa una torre per sbloccare partite come queste. Ma le nostre caratteristiche lo escludono. Abbiamo l’identità di giocare sempre palla a terra, diventa difficole sfruttare l’altezza. La soluzione è smarcarsi e ricevere palla in profondità, anche nello stretto c’è sempre, va trovata. Queste sono partite che si risolvono da calciatori di qualità e i nostri ragazzi hanno le qualità per tentare la giocata”.  LEGGI TUTTO

  • in

    Sassuolo, il report: “Toljan guarito dal covid. Tre giocatori positivi”

    SASSUOLO – Attraverso un comunicato ufficiale, il Sassuolo illustra l’attuale situazione covid: “A titolo riassuntivo, onde evitare la diffusione su organi di stampa e media di informazioni errate, l’U.S. Sassuolo Calcio comunica che, relativamente alla Prima Squadra, i controlli effettuati fino ad oggi hanno evidenziato la seguente situazione: attualmente positivi al Covid-19 tre calciatori e due membri dello staff. Si informa, di concerto con i tesserati, che i calciatori neroverdi attualmente positivi sono Filip Djuricic, Lukas Haraslin e Federico Ricci. L’attaccante neroverde Federico Ricci è risultato positivo all’esito degli ultimi test effettuati (doppio tampone), è asintomatico ed è stato posto in isolamento domiciliare. Per quanto riguarda Jeremy Toljan l’ultimo tampone di controllo ha dato esito negativo. Il giocatore è pertanto guarito e, da domani, non sarà più sottoposto al regime di isolamento domiciliare. La Società, nelle more della situazione, rimane in costante contatto con l’autorità sanitaria di riferimento e con la Lega di appartenenza”. LEGGI TUTTO

  • in

    Sassuolo, De Zerbi: “Noi la nuova Atalanta? Pensiamo solo all'Udinese”

    NAPOLI – Il Sassuolo esce vincitore dal San Paolo e si issa il secondo posto. Queste l’analisi del tecnico emiliano Roberto De Zerbi dopo la sfida col Napoli in conferenza stampa: “Avevamo oggettivamente delle assenze pesantissime, ma la nostra è una rosa forte. C’è qualche giovane che non ha convinzione o esperienza, ma la qualità è elevatissima. Questi tre punti possono darci la consapevolezza che possiamo giocarcela ovunque”. In difesa gli emiliani hanno però dimostrato qualche pecca: “Gli azzurri sono una squadra forte, nelle partite che hanno giocato erano a punteggio pieno. Contro un attaccante come Osimhen pagato 80 milioni e contro Mertens, recordman di gol della loro storia, era normale subire, ma non lo abbiamo fatto più del dovuto”.

    Il rendimento casalingo del Sassuolo non è ancora ai livelli di quello in trasferta: “In casa abbiamo pareggiato alcune sfide in extremis, dove non abbiamo giocato in modo brillante come oggi. Io posso chiedere la perfezione alla mia squadra, ma gli altri no perchè non siamo partiti per vincerle tutte. I miei stanno facendo delle cose straordinarie. Se possiamo essere la nuova Atalanta? Adesso la testa deve essere rivolta solo all’Udinese. Pensiamo a recuperare dei giocatori determinanti, cercando di divertirci ma prendendo le gare con serietà. L’obiettivo è far risaltare le qualità dei singoli nel collettivo”, conclude De Zerbi. LEGGI TUTTO