consigliato per te

  • in

    Sassuolo-Torino 0-1: commento sul risultato partita

    REGGIO EMILIA – La quarta giornata di Serie A si apre con l’1-0 del Torino in casa del Sassuolo firmato da Pjaca, entrato al 77′ e in gol dopo sei minuti (83′). Mossa-chiave di Juric che gioca una gara all’assalto, a tutto pressing e a tutto campo, mettendo in difficoltà la squadra di Dionisi, schacciata dall’intensità granata. Brekalo e Praet colpiscono due pali, il terzo lo centra Frattesi; Ferrari e Maxime Lopez invece salvano sulla linea due volte. Tante emozioni, alla fine la risolve l’ex Juve dalla panchina che dà al Toro la seconda vittoria di questo campionato e 6 punti in classifica. Sassuolo fermo a 4.Guarda la galleryPali e salvataggi, Sassuolo-Torino alla fine la decide Pjaca in 6′!
    Tre pali e due salvataggi sulla linea
    Dionisi conferma lo stesso Sassuolo visto contro la Roma, con Raspadori prima punta. Nel Torino Juric lancia alle spalle di Sanabria Brekalo, esordio per lui in granata, e l’altro acquisto Praet. Partita vivace sin dall’inizio, Pobega sfiora palo e vantaggio, palo che invece centra Frattesi in ripartenza con un bolide deviato da Milinkovic. Al 27′ succede di tutto: prima Sanabria scavalca Consigli in uscita e Ferrari salva sulla linea, poi Brekalo colpisce il secondo legno della gara e sulla ribattuta Rogerio sventa a pochi passa dalla porta (vuota) il cross di Ola Aina. La parte finale del tempo è un dominio granata, arrivano in successione il colpo di testa di Bremer (riflesso super di Consigli), il salvataggio sulla linea di Maxime Lopez, la chance per Sanabria (ancora decisivo Consigli di piede) e il terzo palo colpito da Praet.
    Pjaca entra e segna in 6′
    Pressione altissima e intensità a tutto campo, il Toro esce dagli spogliatoi con lo stesso atteggiamento mentre il Sassuolo manifesta confusione e mancanza di precisione. Solo al 60′ i neroverdi ritrovano coraggio e Berardi suona la carica, bravo Milinkovic a opporsi. Dionisi però vuole di più, triplo cambio: dentro Scamacca, Traorè e Kyriakopoulos per Raspadori, Boga e Rogerio. Juric, oltre ad Ansaldi per Ola Aina, toglie Praet (infortunato) e inserisce Linetty. Al 72′ occasione enorme per Lukic che vola in contropiede, salta Consigli ma si allarga troppo e non trova più lo specchio. Servono energie fresche al Sassuolo e Harraoui rileva un esausto Frattesi. Juric al 77′ risponde alle mosse di Dionisi con Mandragora, Pjaca e Vojvoda (out Pobega, Brekalo e Singo) e la risolve: all’83’ Pjaca riceve da solo in area, punta, sposta e calcia a giro di destro, non può nulla Consigli. A niente serve la reazione disperata nel finale del Sassuolo, il Torino vince 1-0.
    MisterCalcioCup “Torneo a Gironi”, crea la tua squadra ora LEGGI TUTTO

  • in

    Roma, El Shaarawy si ferma per i selfie. Tifosi in delirio, ecco la reazione di due ragazzi

    ROMA – Eroe contro il Sassuolo, idolo dei tifosi. Stephan El Shaarawy dopo una stagione difficile sta ritornando ai livelli visti nella sua prima esperienza in giallorosso, prima di volare in Cina. L’attaccante giallorosso contro il Sassuolo ha realizzato il gol liberatorio, quello che lo farà uscire da mesi complicati e trascorsi in panchina per una condizione che ancora stentava a brillare. Un gol liberatorio per lui, una rete che ha permesso alla Roma di vincere contro il Sassuolo a una manciata di minuti dal fischio d’inizio del match. 
    El Shaarawy è corso sotto la Sud insieme a tutta la squadra, ma l’abbraccio con i tifosi è continuato anche alla fine della partita. Intorno a mezzanotte infatti, dopo essere uscito dall’Olimpico il Faraone si è fermato con venti tifosi che lo stavano aspettando fuori dall’impianto. A bordo della sua auto l’attaccante si è intrattenuto con tutti i romanisti per scattare foto e firmare autografi. Sempre col sorriso, Stephan ha riso alle battute dei tifosi e ai messaggi di amore di alcune ragazze . Due giovani tifosi invece dopo aver scattato la foto con il giocatore si sono abbracciati: al settimo cielo non hanno trattenuto l’emozione e davanti al giocatore non hanno nascosto il loro entusiasmo per la foto con il loro idolo. 

    CorrieredelloSport.fun, nasce il grande gioco dei pronostici. Partecipa gratis e vinci! LEGGI TUTTO

  • in

    El Shaarawy: “Era da tanto che non vivevo un’emozione del genere”

    ROMA – La Roma fa tre su tre. La squadra di Mourinho ha battuto questa sera il Sassuolo 2-1 grazie alla rete allo scadere di El Shaarawy che ha fatto scatenare anche il tecnico giallorosso in una corsa sfrenata verso la Curva Sud. Dopo il vantaggio iniziale siglato da Cristante e il pari di Djurici, nei minuti di recupero è arrivato il gol dell’attaccante giallorosso per la vittoria finale della Roma. Al termine del match El Shaarawy è intervenuto ai microfoni delle emittenti televisive: “Era da tanto tempo che non vivevo un’emozione del genere, ho segnato un gol negli ultimi minuti ed è un’emozione fantastica, vale la pena farsi trovare sempre pronti per vivere questi momenti. Bisogna saper aspettare e le cose arrivano”, ha dichiarato a Dazn. 
    Mourinho è nella storia grazie a te.“Mille panchine sono tante, è speciale. Ci portiamo a casa la quinta vittoria consecutiva”.
    C’è qualcosa di magico?“Sicuramente, c’è tanto entusiasmo nell’ambiente e dobbiamo tenerlo alto. I giocatori stanno seguendo quello che dice il mister che ha grande esperienza e mentalità. Ora prepariamo le prossime partite, dobbiamo pensare subito alla prossima, è la mentalità che bisogna avere”.
    Guarda la galleryLa Roma vola con El Shaarawy! Vittoria da brividi con il SassuoloCorrieredelloSport.fun, nasce il grande gioco dei pronostici. Partecipa gratis e vinci! LEGGI TUTTO

  • in

    Roma, Mancini: “Stiamo tenendo bene, ma il Sassuolo fa grande calcio”

    ROMA – Roma in vantaggio 1-0 contro il Sassuolo dopo i primi quarantacinque minuti. A siglare il gol giallorosso Bryan Cristante sull’ottima palla servita in area da Lorenzo Pellegrini. Durante l’intervallo Gianluca Mancini è intervenuto ai microfoni di Dazn: 

    Il Sassuolo vi sta creando problemi?”Si, ma lo sapevamo. Il Sassuolo da anni fa un grande calcio, hanno cambiato allenatore, ma hanno sempre un’identità precisa. Stiamo tenendo bene, loro hanno creato qualcosa, ma apparte il gol annullato per fuorigioco non ci sono state grandi parate di Rui Patricio”
    CorrieredelloSport.fun, nasce il grande gioco dei pronostici. Partecipa gratis e vinci! LEGGI TUTTO

  • in

    Roma, Mourinho show: corre sotto la Curva Sud al gol di El Shaarawy

    ROMA – Delirio allo stadio Olimpico, José Mourinho scatenato. Al gol di Stephan El Shaarawy a una manciata di minuti dalla fine del match contro il Sassuolo tutta la squadra è scattata a festeggiare sotto la Curva Sud. Tifosi in delirio, l’Olimpico una bolgia, i giocatori in assoluta estasi per la rete della vittoria giallorossa. La panchina non si è frenata, tutta la squadra è andata sotto il settore più caldo dell’Olimpico, compreso José Mourinho che non si è trattenuto e si è lasciato andare in una corsa incredibile verso la Sud. Pugno alzato al cielo, ha esultato come un tifoso insieme ai giocatori, conscio dell’importanza del gol e dei tre punti conquistati contro il Sassuolo. L’Olimpico in estasi per il gol, per la vittoria e per un tecnico che è già diventato il primo tifoso della Roma. Guarda la galleryMourinho, che partita: sguardi, indicazioni e quella pazza corsa dopo il 2-1CorrieredelloSport.fun, nasce il grande gioco dei pronostici. Partecipa gratis e vinci! LEGGI TUTTO

  • in

    Roma-Sassuolo 2-1: El Shaarawy regala la vittoria a Mourinho nel finale

    ROMA – Partita spettacolare per la panchina numero 1000 di José Mourinho: allo Stadio Olimpico la Roma supera in pieno recupero il Sassuolo per 2-1. Match a grande intensità, con tante occasioni e ritmi altissimi. Situazione di parità con i gol di Cristante nel primo tempo a cui risponde Djuricic nel secondo. Al 91′ però arriva il gol vittoria di El Shaarawy che fa esplodere i tifosi. La Roma rimane quindi insieme a Napoli e Milan a punteggio pieno, con tre vittorie in tre partite.
    Roma-Sassuolo, tabellino e statistiche
    Berardi, gol annullato. Cristante sblocca la partita
    Mourinho punta da subito su Zaniolo, che aveva fatto preoccupare i tifosi in Nazionale per un possibile infortunio ma ha subito recuperato. Anche Vina dal primo minuto. In avanti c’è Abraham come unica punta. Dionisi risponde con Raspadori davanti supportato da Berardi, Djuricic e Boga. Partono forte i giallorossi, con gli inserimenti già nei primi minuti di Abraham e Zaniolo. La prima occasione della partita arriva al 5′ ed è proprio per la Roma: calcio d’angolo di Pellegrini e colpo di testa di Mancini che finisce non molto sopra la traversa. I padroni di casa però non si lasciano sorprendere dal ritmo della squadra di Mourinho e rispondono con le incursioni di Raspadori e Berardi. Ritmi molto alti in questa prima fase, con la Roma in pressing alto per impedire il classico possesso palla del Sassuolo. La situazione d’equilibrio viene spezzata al 26′ da Berardi: assist di Raspadori, pallone sul destro e Rui Patricio battuto. Si alza però la bandierina del fuorigioco: dopo un check al Var il gol viene annullato per il fuorigioco di Raspadori. La Roma reagisce immediatamente e al 33′ trova una grandissima occasione con la scivolata di Abraham che devia il pallone vicinissimo al palo. Al 37′ arriva il primo gol del match, da calcio di punizione concesso da Chiriches per una trattenuta su Abraham. Schema su punizione per i giallorossi, con Pellegrini che serve una palla bassa su punizione a Cristante che rimasto solo batte Consigli e firma l’1-0. Sassuolo che si lancia in attacco ma il primo tempo finisce con il vantaggio della formazione di Mourinho. Nel finale si ferma Abraham per un problema alla caviglia: l’attaccante inglese però fa segno di poter continuare. 
    El Shaarawy, gol vittoria al 91′
    Le squadre tornano in campo dopo un bel primo tempo con una novità nella formazione di Dionisi: fuori Raspadori e dentro Scamacca. Il Sassuolo rientra meglio in campo, creando subito due ottime occasioni con Ferrari e Frattesi. Ci prova anche Scamacca al 55′ dal limite dell’area, ma Rui Patricio manda in calcio d’angolo. L’aggressività del Sassuolo però in questo primo quarto d’ora del secondo tempo viene ripagata con il gol del pareggio. Al 57′ Scamacca, ottimo il suo ingresso in campo, trova Berardi in area che si libera del suo marcatore con una veronica e serve un cross basso per Djuricic che si ritrova il pallone sui piedi e colpisce in modo strano ma efficace battendo Rui Patricio e firmando l’1-1. Reazione immediata dei giallorossi con Abraham che colpisce il palo due minuti dopo su un tap in dopo un tiro bloccato di Pellegrini. Per l’ex Chelsea è il terzo legno allo Stadio Olimpico. Partita che si riaccende, con la Roma che si butta in avanti e il Sassuolo che aspetta per punire in contropiede. Al 63′ Pellegrini dribbla i difensori in area ma il suo tiro viene deviato da Chiriches: spavento per Consigli. Poco dopo un miracolo di Rui Patricio salva il risultato: Boga parte da centrocampo e trova Berardi il cui diagonale viene bloccato dal portiere portoghese. Ancora Pellegrini al 71′, con un tiro di poco alto sopra la traversa. Secondo tempo infuocato con le due formazioni che continuano a creare palle gol nonostante la stanchezza. Mourinho prova a risolvere la partita con i cambi, inserendo Shomurodov e Carles Perez. Difesa giallorossa in grossa difficoltà negli ultimi minuti, con le incursioni in velocità di Boga che costringono Rui Patricio a molte parate decisive. La Roma però risponde con le grandi occasioni per Vina, con la palla che resta vicina la linea della porta avversaria, e El Shaarawy che in spaccata sul secondo palo sfiora il gol. All’84’ Dionisi inserisce Traoré in campo, che due minuti dopo il suo ingresso colpisce un palo clamoroso. Non c’è un attimo di tregua nel finale: all’87’ ci prova Shomurodov con un tiro a giro su cui Consigli interviene con i pugni. Nel recupero arriva il gol all’ultimo respiro che decide il match: Ferrari respinge male un pallone in area, El Shaarawy stoppa e batte Consigli con un tiro a giro. Esplode la gioia dei tifosi giallorossi, con José Mourinho che corre verso la curva. Grosso spavento per i tifosi giallorossi nel finale: Scamacca trova un gol clamoroso all’ultimo minuto, ma viene annullato per fuorigioco. Finisce così una partita stupenda all’Olimpico: Mourinho festeggia con i tre punti le 1000 panchine.
    Tuttosport.fun, nasce il grande gioco dei pronostici. Partecipa gratis e vinci! LEGGI TUTTO

  • in

    Diretta Roma-Sassuolo ore 20.45: dove vederla in tv, in streaming e probabili formazioni

    Roma-Sassuolo, dove vederla in tv e streaming
    La partita, in programma alle 20.45, verrà tarsmessa in esclusiva tv e streaming da Dazn. Tuttosport.com seguirà live la gara.
    Segui LIVE Roma-Sassuolo
    Roma-Sassuolo, le probabili formazioni
    ROMA (4-2-3-1): Rui Patricio; Karsdorp, Smalling, Ibañez, Calafiori; Cristante, Veretout; Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan; Abraham. All.: Mourinho. A disp.: Fuzato, Boer, Mancini, Reynolds, Kumbulla, Diawara, Villar, Darboe, Carles Perez, El Shaarawy, Zalewski, Shomurodov, Borja Mayoral. Indisponibili: Spinazzola, Viña.
    SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli, Toljan, Chiriches, Ferrari, Rogerio; Harroui, M. Lopez; Berardi, Raspadori, Djuricic; Scamacca. All.: Dionisi. A disp.: Satalino, Pegolo, Goldaniga, Ayhan, Muldur, Kyriakopoulos, Frattesi, Magnanelli, Traorè, Henrique, Boga, Defrel. Indisponibili: Romagna, Obiang. 
    Arbitro: Sozza
    Guardalinee: Tolfo e Vono
    Quarto uomo: Volpi
    Var: Abisso
    Avar: Mondin
    Guarda Roma-Sassuolo su DAZN. Attiva ora LEGGI TUTTO

  • in

    Sassuolo-Sampdoria 0-0: Audero vola e salva D'Aversa

    REGGIO EMILIA – Al Mapei Stadium finisce senza gol tra Sassuolo e Sampdoria. Le parate di Audero blindano la porta della squadra di D’Aversa, al primo punto stagionale dopo il ko contro il Milan. Dionisi le prova tutte, inserendo anche Defrel e Scamacca nella ripresa, non arriva però il guizzo vincente.Guarda la gallerySuper Audero in Sassuolo-Sampdoria: porta blindata
    Sassuolo brillante, Audero para e salva
    Il Sassuolo è più pericoloso, già in avvio gli inserimenti di Djuricic e Raspadori e i tagli di Caputo minacciano la porta di Audero, che non si fa sorprendere e salva la porta con una parata in tuffo e un’uscita bassa e tempestiva. La Samp si affida alle iniziative di Candreva sulla fascia, Verre e Damsgaard non sfondano e Quagliarella è ben contenuto. È Maxime Lopez a sfiorare il vantaggio con un mancino angolato che però esce di un soffio: il primo tempo si chiude sullo 0-0.
    Calendario Serie A
    Manca il guizzo vincente
    Anche nella ripresa la prima chance è del Sassuolo, Caputo però non capitalizza l’errore madornale di Colley (retropassaggio sbagliato) e non dosa il pallonetto davanti ad Audero, spedendolo alto. La squadra di Dionisi vive anche dei lampi dei suoi uomini più tecnici, come Boga che dalla distanza cerca l’incrocio dei pali con il tiro a giro, Audero vola e dice no ancora una volta. Gli allenatori provano a rompere l’equilibrio, D’Aversa inserisce Askildsen (fuori Verre), nei neroverdi spazio a Defrel e Scamacca per Caputo e Raspadori. La Samp tenta qualche incursione offensiva senza però troppa convinzione, è il Sassuolo a spingere con più insistenza alla ricerca del gol-vittoria: Rogerio, Djuricic e Maxime Lopez sparano le ultime cartucce, ancora a salve. Al Mapei finisce senza reti.
    Tuttosport League, iscrizioni aperte: schiera la tua formazione, vinci viaggi in Europa e buoni Amazon. Partecipa, è gratis! LEGGI TUTTO