consigliato per te

  • in

    Mercato, marchio, stadio: così gli ottavi di Champions cambiano la vita dell'Inter

    La qualificazione tra le migliori 16 d’Europa dà impulso alle casse societarie e restituisce prestigio internazionale. E potrebbe accelerare i piani di rilancioL’agognato ritorno tra le migliori 16 squadre d’Europa apre un mondo di nuove prospettive in casa nerazzurra, a livello strettamente sportivo e non solo. La maledizione interrotta dopo i flop e le cocenti delusioni collezionate negli ultimi dieci anni consente infatti di mettere in cassaforte un cospicuo gruzzolo, utile a dare ulteriore respiro alle finanze (in via di risanamento dopo i sacrifici estivi) e un deciso impulso ai piani di consolidamento a medio-lungo termine. LEGGI TUTTO

  • in

    Belle e vincenti. Inter e Milan adesso volano anche in Europa

    Inzaghi ha già centrato gli ottavi di Champions puntando su tutti gli uomini più offensivi. Pioli ha riaperto i giochi a Madrid grazie allo stile dominante e coraggiosoIl prossimo 7 dicembre l’Inter, già qualificata agli ottavi di Champions League, entrerà nella cattedrale del Bernabeu per cercare di strappare il primo posto nel girone al Real Madrid, mentre il Milan attaccherà il Liverpool nel tempio di San Siro sperando nella vittoria e nel contributo di Porto e Atletico Madrid per guadagnare la qualificazione. L’Inter contro gli spagnoli cui strappò la sua prima Coppa dei Campioni (1964), il Milan contro gli inglesi contro cui ha vinto l’ultima Champions (2007). Quel martedì, 7 dicembre, sarà Sant’Ambrogio, festa del santo patrono della città che il calcio milanese cercherà di onorare nel modo più degno. LEGGI TUTTO

  • in

    I fratelli diversi: un padre unico, idee opposte. Juve-Dea è Max contro Gasp

    Aspettare o aggredire? Essere l’erede di Capello o ispirarsi a Van Gaal? Allegri e Gasperini domani si giocano un pezzo di stagione in un bel confronto tra figli di Galeone. Con tratti in comune: la capacità di creare calciatori e… il mareLuca Bianchin – Marco Guidi26 novembre
    – MilanoMassimiliano Allegri e Gian Piero Gasperini sono fratelli, ma non si somigliano. Fratelli perché hanno un padre in comune: Giovanni Galeone, che ha allenato entrambi a Pescara e per entrambi – per Allegri… di più – è stato maestro. Certo, Max&Gasp hanno fatto scelte così diverse da sembrare più opposti che simili: così, chi ama uno spesso non ha stima dell’altro. Domani si giocheranno un (bel) pezzo di stagione in 90 minuti, così anticipiamo: li facciamo giocare uno contro uno per sei aspetti diversi del loro lavoro. LEGGI TUTTO

  • in

    Inter: riprovaci con Perisic. Milan, Messias è come un colpo di gennaio

    Le notti di Champions potrebbero portare a ripensare a certe decisioni. Il croato vorrebbe tornare in Bundesliga, ma con la condizione che ha sarebbe un peccato perderlo. I rossoneri hanno puntato sul brasiliano, e adesso ne stanno raccogliendo i frutti Le notti Champions di Inter e Milan con una chiara finestra sul mercato. Ivan Perisic e Junior Messias sono due scorciatoie per entrare nel tema, le loro situazioni hanno indirizzato il passato e possono condizionare il futuro. Perisic mai così in forma, incisivo e devastante sulla corsia mancina. LEGGI TUTTO

  • in

    Juventus, ecco quanto si investirà sul mercato. Rischio Consob. E Ronaldo…

    Nel prospetto informativo in vista dell’aumento di capitale emergono tanti elementi interessanti: il club prevede di destinare 80-85 milioni agli investimenti futuri su rosa e brand, al netto delle cessioni Quello che è l’ecosistema Juventus, quelli che sono i piani futuri, quelli che sono i rischi (più teorici che reali). Nelle 166 pagine del prospettivo informativo depositato in vista dell’avvio del aumento di capitale – lunedì inizia il periodo di opzione per i vecchi soci – sono contenute molte cose interessanti. LEGGI TUTTO

  • in

    Berardi, Boga e Frattesi… Cade il diktat di non cedere a gennaio?

    L’esterno della Nazionale ha ribadito di voler provare una nuova esperienza e la Fiorentina lo accoglierebbe a braccia aperte. Boga vuole l’Atalanta, per Frattesi il discorso cambiaIl Sassuolo ha un diktat chiaro, chiarissimo: a gennaio non cede i pezzi pregiati dell’organico. Per due motivi: non intende mettere in difficoltà l’allenatore di riferimento. E non ha problemi di bilancio tali da dover sacrificare un gioiello. Vedremo se verrà confermata questa strategia molto coerente, come se fosse il distintivo del club. LEGGI TUTTO

  • in

    Milano stella d'Europa: da Rocco-Herrera ai trionfi di Atene e Madrid, i duelli oltre confine

    I favolosi anni ’60, l’epopea di Sacchi e lo storico derby in semifinale di Champions del 2003. Ma anche i successi recenti, la vendetta con il Liverpool e il Triplete del 2010Qui Milano, citofonare Champions. Inter qualificata a briglie sciolte, Milan in corsa fino all’ultimo respiro. Miracolo a Milano, ma anche no. Programmazione, crescita graduale, nuova consapevolezza europea. LEGGI TUTTO