consigliato per te

  • in

    Samp, cosa succede in società? I tifosi chiedono tranquillità

    TORINO – Sussurri e voci sulla vicenda della cessione societaria in casa Sampdoria. Il presidente Marco Lanna, i dirigenti, il tecnico Marco Giampaolo e soprattutto i tifosi attendono la svolta che tarda ad arrivare, un po’ per gli approfondimenti sui bilanci, che richiedono tempo, da parte degli interessati all’acquisto, un po’ per la situazione economica generale post pandemia e con una guerra in corso che induce a un andamento lento. Certo è che la Samp dovrà affrontare un mercato in condizioni problematiche – prima vendere poi comprare – e porre la massima attenzione sulla gestione dei conti. Tutto questo sperando che l’ex presidente Massimo Ferrero eviti di intervenire intralciando chi ora sta cercando di rimediare ai suoi errori. A Milano non è stata gradita praticamente da nessuno nel mondo Samp la sua presenza nei locali dove si svolgevano trattative e approcci di mercato. Restano, sullo sfondo, gli spifferi relativi a cordate interessate che si spera trovino una realizzazione non prima di settembre-ottobre. Intanto, però, ci sarà da affrontare una stagione atipica, con un Mondiale di mezzo e con tutte le incognite del caso. La Samp ripartirà da Giampaolo, ma bisognerà vedere con quale organico. I tifosi hanno già sofferto l’anno scorso e quest’anno non chiedono altro che un po’ di tranquillità nella speranza che il futuro sia totalmente diverso dal passato degli ultimi otto anni. LEGGI TUTTO

  • in

    Assalto Juve a Cambiaso: ore decisive

    TORINO – C’è già stato un incontro a Milano tra i dirigenti bianconeri e quelli del Genoa per portare avanti la trattativa che dovrebbe portare Andrea Cambiaso a Torino. Il terzino sinistro, uno dei giovani più interessanti nel ruolo, aspetta notizie dalle vacanze e la sensazione è che, a meno di colpi di scena, la fumata bianca possa arrivare già in questa settimana alle porte. Atteso un nuovo vertice a Milano tra le parti per trovare un’intesa economica: al momento la proposta juventina è considerata troppo bassa dal Grifone, che ha chiesto 10 milioni senza contropartite tecniche. Ma la posizione rossoblù si sta ammorbidendo, considerando che il difensore Dragusin è un profilo gradito.
    PELLEGRINI IN USCITA Servirà un nuovo incontro per definire la questione: la Juventus vuole anticipare la concorrenza, in particolare quella dell’Inter che si era mossa in largo anticipo per Cambiaso, ma che negli ultimi giorni è rimasta a osservare. Sullo sfondo gli interessamenti di Atalanta e Sassuolo. La Juventus però ha il match point per chiudere la partita e assicurare a Max Allegri un elemento in grado di dare il cambio ad Alex Sandro e di ricoprire più ruoli sulla sinistra. Deve però uscire Luca Pellegrini nel frattempo: sulle tracce del laterale sinistro bianconero ci sono sempre il West Ham e il Fulham. LEGGI TUTTO

  • in

    Salernitana, ecco la “difesa verde”: piace tanto, anche a Mancini

    TORINO – Nel vedere le mosse di mercato della Salernitana si potrebbe perfino supporre che il club granata si faccia suggerire il mercato da Roberto Mancini. Ovviamente non è così, ma non può che far piacere al ct il fatto che il presidente Iervolino abbia deciso di puntare sui giovani italiani per rinforzare la squadra in vista della seconda stagione consecutiva in Serie A, primizia assoluta della sua storia. I nomi sono noti. Si parte da Matteo Lovato, difensore classe 2000 che arriva dall’Atalanta nell’ambito dell’affare che porta Ederson in nerazzurro e che farà coppia con Kaleb Okoli, l’italo-nigeriano reduce da una stagione da protagonista con la Cremonese e punto di forza dell’Under 21 azzurra. Ma non è finita, perché il ds Morgan De Sanctis, fresco di nomina dopo la lite del presidente con Sabatini, ha superato il Monza nella corsa a Lorenzo Pirola, centrale difensivo di vent’anni che l’anno scorso si è reso protagonista in B proprio con i biancorossi. L’ultima tentazione (anzi, qualcosa in più) porta a un altro difensore di belle speranze: Riccardo Calafiori, 20 anni, centrale della Roma e dell’Under 21. Insomma: un poker di difensori italiani, giovani e di prospettiva che potrebbero rappresentare una base anche per la Nazionale del futuro. Roberto Mancini osserva, con interesse. LEGGI TUTTO

  • in

    Toro: missione in Austria per Solet

    TORINO – In attesa di trovare un accordo con l’Inter – o con l’eventuale società che offrirà di più – per Bremer, il Torino si sta muovendo per trovare una soluzione rapida, dal momento che la cessione del centrale brasiliano è cosa certa. Diversi sono i nomi abbinati in questi giorni alla società granata, ma il più gettonato è quello di Oumar Michael Solet, ventiduenne del Salisburgo. Francese di origini centroafricane, Solet garantisce fisicità (è alto 1 metro e 92), tecnica e dinamismo, qualità fondamentali per interpretare il ruolo in chiave contemporanea e sostituire uno dei migliori difensori dell’ultimo campionato italiano. Dopo averlo monitorato per tutta la stagione, Vagnati si è fatto avanti, ma la distanza tra la richiesta e l’offerta è ancora considerevole: il Salisburgo, che per Solet ha pagato al Lione una cifra attorno agli 8 milioni bonus compresi, ne chiede adesso 12. Troppi, secondo la dirigenza granata, che per il momento è arrivata a 8. A spingere in favore del Torino c’è la volontà del giocatore ed è anche per questa ragione che i suoi agenti, i fratelli Giuffrida, si sono attivati per provare a convincere gli austriaci ad accettare una proposta al ribasso: a 10 si può chiudere. LEGGI TUTTO

  • in

    Relax De Ligt e Chiesa con le ladies: vacanze da Juve

    Con il mercato che nel frattempo continua a fare il suo dovere tra discussioni, trattative, vertici e strategie, Chiesa e De Ligt non pensano a nient’altro se non a godersi le vacanze insieme. Sui social l’esterno della Juve ha postato due storie: la prima in compagnia del centrale olandese, la seconda in cui si vedono le fidanzate dei due bianconeri, Annekee Molenaar (lady De Ligt) e Lucia Bramani (lady Chiesa). Relax totale a Portofino prima di riprendere la preparazione della stagione e tornare al lavoro. A Torino sperano sempre insieme visto che per De Ligt sono giorni caldi, con il Chelsea che minaccia all’orizzonte. Lui però sembra non pensarci tra sorrisi social, amore e una buona compagnia.Guarda la galleryDe Ligt e Chiesa a Portofino: le foto della vacanza fanno impazzire i tifosi LEGGI TUTTO

  • in

    Juve, gli auguri sui social per Pietro Paolo Virdis

    TORINO – Tramite i propri account ufficiali, la Juventus ha augurato buon compleanno a Pietro Paolo Virdis nel giorno in cui compie 65 anni. Nato a Sassari il 26 giugno 1957 si è messo in mostra con la maglia del Cagliari arrivando poi nella Juve di Giovanni Trapattoni nell’estate del 1977. Dopo tre stagioni complicate l’attaccante torna al Cagliari in prestito, per poi ritornare a Torino l’anno dopo nella stagione 1981-1982, la sua migliore con la maglia bianconera in cui diventa capocannoniere della squadra con nove gol in campionato. L’anno dopo però viene ceduto all’Udinese per lasciare spazio a Paolo Rossi. Virdis in carriera con la Juve ha collezionato 110 presenze e 29 reti.  LEGGI TUTTO

  • in

    Milan, riecco Ziyech: il Chelsea tratta

    MILANO – Il Milan fa sul serio per Hakim Ziyech. Il forte centrocampista offensivo marocchino del Chelsea e che già in passato è stato seguito con grande attenzione dai dirigenti rossoneri, è un obiettivo concreto di Maldini e Massara. La scorsa estate era stato un nome ricorrente per rafforzare l’organico rossonero, ma il Chelsea, dopo aver concluso la trattativa Tomori, non aveva voluto muoversi dalla valutazione iniziale di 40 milioni di euro. Troppi, per il Milan, così lo sono tutt’ora. Ma nel frattempo Ziyech non è più ritenuto centrale nel progetto del Chelsea e quindi i rossoneri stanno cercando un affare analogo a quello portato a termine dall’Inter con Lukaku e cioè prendere il giocatore in prestito. Resterebbe comunque il problema dell’ingaggio, perché Ziyech in Premier guadagna 5,2 milioni di sterline, che significano quasi 6 milioni di euro. Una cifra che nella prossima stagione (con l’abbassamento dell’ingaggio di Ibrahimovic ) nessuno guadagnerà al Milan. Nemmeno Leao se anche dovesse rinnovare. Le opzioni non sono che due: o il Chelsea si accolla una parte dello stipendio, o il giocatore si abbassa l’ingaggio.Guarda la gallerySerie A 2022/2023, il calendario: ecco tutte le giornate LEGGI TUTTO