consigliato per te

  • in

    Ternana-Lecce: ok il Multigol Ospite 1-2

    Il Lecce dopo aver battuto in casa il Frosinone (1-0) grazie a un gol di Coda al 40′ del primo tempo si appresta a giocare in trasferta sul campo di una Ternana che non perde da 4 giornate consecutive.
    Indovina il risultato esatto di Ternana-Lecce e vinci!
    Poche reti in vista in Ternana-Lecce, scopri l’esito
    Per le quote il match in programma allo stadio “Libero Liberati” si preannuncia molto equilibrato. Osservando il ruolino di marcia esterno del Lecce si nota subito come la compagine salentina abbia fatto registrare il segno X in 9 incontri su 16. Se poi focalizziamo l’attenzione solamente sui primi 45 minuti di gara la squadra giallorossa in trasferta ha addirittura chiuso la bellezza di 13 match in parità.
    La Ternana in casa invece è la squadra ad aver collezionato meno segni X, un solo pareggio alla 13ª giornata contro il Cittadella. I rossoverdi nelle restanti 15 gare interne hanno centrato per 8 volte il successo e subito per 7 volte la sconfitta.
    Il Lecce scende in campo per cercare di mantenere almeno il secondo posto, con un risultato differente dalla vittoria potrebbe rischiare di retrocedere in zona playoff. Poche reti nell’aria (i giallorossi in trasferta hanno regalato solo 5 volte l’Over 2,5), intriga il Multigol Ospite 1-2 al novantesimo. LEGGI TUTTO

  • in

    Parma-Lecce, salentini con tre pareggi alle spalle

    Nel turno infrasettimanale di Serie B il Lecce ha strappato un pareggio in extremis sul campo del Cosenza. Si è trattato del terzo segno “X” di fila per i ragazzi di Baroni che sabato alle 14 fanno visita al Parma. Le due squadre negli ultimi cinque turni si sono imitate nel rendimento: 3 pareggi e 2 vittorie.
    Parma-Lecce, indovina il risultato del match del Tardini
    Parma-Lecce, statistiche e pronostico
    I ducali devono avere l’ambizione di avvicinarsi alla zona playoff, il Lecce di Coda (gol splendido e rigore sbagliato contro i silani) in questo campionato non è mai stato più di tre gare di fila senza vincere.
    All’andata al Via del Mare un match senza storia, vinto 4-0 dai giallorossi. Al Tardini il confronto si prannuncia più combattuto, qui i ducali hanno pareggiato 7 volte su 15 in campionato mentre il Lecce ha diviso la posta in 8 occasioni su 15 lontano da casa.
    Sulla carta è un esito Goal che ci può stare, per il Lecce sarebbe il quinto consecutivo. LEGGI TUTTO

  • in

    Brescia rimontato due volte dal Benevento, il Parma vince senza Buffon

    Gol ed emozioni in Brescia-Benevento
    Pari ricco di gol ed emozioni nel big-match del Rigamonti tra Brescia e Benevento. Passa poco più di un minuto e i padroni di casa sono in vantaggio: punizione dalla sinistra calciata da Pajac, Bisoli prolunga e poi va a raccogliere la sponda aerea di Moreo per insaccare sul secondo palo (2′). La reazione del Benevento è immediata, ma Joronen è bravo a distendersi a a respingere la conclusione di Farias (6′) mentre al 21′ non può niente sul potente e preciso sinistro di Tello, che scaraventa in rete la palla su una corta ribattuta della difesa di casa. Le due squadre si affrontano a viso aperto e al 33′ le ‘Rondinelle’ si riportano avanti: cross di Leris dalla destra e sul ‘solito’ secondo palo stavolta arriva in spaccata Moreo, che festeggia così la 150ª presenza in Serie B con il suo 20esimo gol tra i cadetti. La strada si fa nuovamente in salita per il Benevento che dopo il riposo resta anche in dieci per il secondo giallo rimediato da Tello, punito dall’arbitro per una reazione su Bisoli (51′). L’inferiorità numerica non impedisce però alle ‘Streghe’ di pareggiare al 68′: cross di Roberto Insigne (entrato a inizio ripresa) e colpo di testa vincente del centravanti Forte che fa 2-2. In campo si lotta e ne fa le spese il difensore dei campani Glik, ex Toro costretto a uscire in barella (81′) dopo un colpo alla testa subito in un contrasto con Leris, che nel finale fallisce il tap-in a porta vuota sul tiro di Pajac respinto da Paleari (90′). Finisce 2-2 con il Brescia ora a -2 dalla vetta occupata dal Lecce e dal Pisa (che ha però una gara in meno) e sempre a +2 sul Benevento (che deve però recuperare una partita).
    Brescia-Benevento 2-2: statistiche e tabellino
    Cosenza beffato al 95′, Lecce in vetta
    Pari in extremis a Cosenza per il Lecce che aggancia momentaneamente la vetta. Ci mettono novanta secondi i salentini per sfondare: ‘pennellata’ di Strefezza e splendido destro al volo di Coda, che supera Matosevic (2′) e festeggia con i compagni il suo 18esimo gol in campionato. Uno score che il bomber potrebbe migliorare già al 16′, quando si fa invece ipnotizzare da Matosevic sul rigore concesso per un tocco di mano in area da parte di Hristov. Graziato dal centravanti ospite, il Cosenza resta aggrappato alla partita e prima del riposo pareggia: cross perfetto di Millico per la testa di Larrivey che si vede respingere la conclusione da Plizzari (ancora ai box il portiere titolare Gabriel) ma fa poi 1-1 in tap-in (44′). Galvanizzato dall’assist l’ex Toro si mette in proprio dopo l’intervallo, quando dribbla in area Simic e poi supera il portiere giallorosso, firmando il sorpasso con un morbido ‘scavetto’ (52′). Una rete pesantissima per la squadra di Bisoli che la festeggia entrando in campo per abbracciare i suoi ragazzi, mentre Baroni prova a dare più peso all’attacco salentino inserendo prima Rodriguez e poi Ragusa (aggiungendoli a Coda e a Strefezza). Ed è proprio Rodriguez a mancare lo specchio dal limite dell’area (75′), graziando un Cosenza che si difende con attenzione ma si fa beffare in pieno recupero: punizione calciata da Ragusa, sponda di Coda e gol di Blin (entrato nella ripresa) che fa 2-2 al 95′ e permette al Lecce di agganciare momentaneamente il Pisa in vetta. Finale amaro invece per Bisoli, espulso dopo il fischio finale per un acceso diverbio con un componente della panchina salentina.
    Cosenza-Lecce 2-2: statistiche e tabellino
    Il Parma passa a Vicenza
    Dopo tre pari di fila torna a vincere il Parma di Iachini, che nonostante le assenze passa di misura a Vicenza (0-1). Squalificato Vazquez e ancora ai box Buffon (come il secondo portiere Colombi), tocca di nuovo al 18enne sloveno Turk difendere la porta degli emiliani mentre dietro le punte c’è Tutino. Ed è proprio quest’ultimo a sbloccare la gara dopo una mezz’ora avara di emozioni: inizialmente annullato per offside, il gol viene poi convalidato per un tocco di Brosco (rilevato dal Var) che aveva rimesso in gioco il fantasista (32′) sul passaggio con la testa di Camara. Un vantaggio prezioso che il Parma difende nella ripresa, con Turk bravo a opporsi in tuffo alla conclusione mancina di Meggiorini (65′) e il tecnico gialloblù Iachini espulso per proteste (doppia ammonizione) al 79′. Nel finale il Vicenza ci prova ma Da Cruz non inquadra la porta (83′), Turk è attento su Giacomelli (87′) e nel recupero Sohm calcia alto: vince il Parma che si rilancia nella zona centrale della classifica.
    Vicenza-Parma 0-1: statistiche e tabellino
    Tra Cittadella e Reggina pari a reti bianche
    Finisce a reti bianche la sfida del Tombolato tra Cittadella e Reggina. Nel primo tempo è l’ex romanista Antonucci a ispirare i padroni di casa, che ci provano spesso ma senza fortuna dalla distanza mentre la Reggina tiene bene il campo e impegna Maniero con Kupisz (9′) e Folorunsho (37′). Si va al riposo sullo 0-0 e nella ripresa parte meglio la Reggina, che impegna Maniero con Rivas (58′) e Folorunsho (salvataggio sulla riga di Del Fabro al 67′) ma rischia poi nel finale, prima su due chance non sfruttate da Beretta (76′ e 79′) e poi nel recupero, quando Turati nega il gol a Tavernelli.
    Cittadella-Reggina 0-0: statistiche e tabellino
    Como rimontato: 1-1 con la Ternana
    Pari anche tra Como e Ternana al Sinigaglia. In un primo tempo equilibrato fanno qualcosa in più i lariani, che scheggiano il palo al 27′ con un colpo di testa di Parigini e al 37′ passano in vantaggio: sponda di Gabrielloni per il compagno di reparto La Gumina, che avanza fino al limite e poi beffa Iannarilli con la complice deviazione del difensore rossoverde Bogdan. Nell’intervallo Lucarelli scuote le sue Fere che rientrano in campo con un altro piglio e si rimettono in carreggiata al 68′, quando Salzano trasforma il rigore concesso per il tocco con il braccio in area di Iovine sul cross del neo entrato Furlan. La Ternana prova allora a sfruttare la nuova inerzia del match ma il Como si difende con determinazione e il risultato non cambia in più: finisce 1-1. 
    Como-Ternana 1-1: statistiche e tabellino
    Colpo Crotone: steso il Frosinone
    Vittoria a sorpresa per il Crotone, che supera in casa il più quotato Frosinone. La prima chance è dei ciociari ma Canotto, innescato da Novakovich, spreca un’interessante ripartenza calciando a lato da buona posizione (8′). L’esterno gialloblù centra invece la porta due minuti dopo ma non sorprende Festa (10′), mentre al 13′ il suo collega Minelli stende in uscita nell’area il lanciatissimo Maric: rigore per il Crotone che lo stesso attaccante trasforma portando avanti i suoi. I calabresi provano ad assestare subito il colpo del ko ma Minelli è reattivo su una conclusione di Nedelcearu (19′), mentre sull’altro fronte è Canotto a impegnare Festa (21′) prima di essere ammonito per simulazione nel finale del primo tempo, poco dopo il grande intervento di un Minelli bravo a evitare il raddoppio dei locali su colpo di testa di Mulattieri (42′). Il Crotone però si rifa al rientro dagli spogliatoi trovando praticamente subito la rete del 2-0, segnata da Golemic su corner calciato da Estevez (48′). La squadra di Grosso non ci sta e prova a reagire con il neo entrato Zerbin, talento scuola Napoli che calcia con il destro a giro una punizione trovando però solo la traversa (62′). Serve invece un grande intervento di Festa per negare il gol poco dopo al difensore gialloblù Gatti (62′), da gennaio di proprietà della Juve. Ancora Zerbin impegna poi Festa (72′) ma nel finale è il Crotone a sfiorare il tris prima con Schnegg (81′) e poi con Borrello nel recupero (98′). Finisce 2-0: festa per i calabresi che restano penultimi ma tornano a credere a una difficile salvezza, brutto stop per il Frosinone che resta in zona playoff ma non riesce a riavvicinarsi alle prime posizioni.
    Crotone-Frosinone 2-0: statistiche e tabellino LEGGI TUTTO

  • in

    Lecce-Cittadella: pronostico e migliori quote

    Chi per la promozione diretta, chi per i playoff. Allo stadio Via del Mare Lecce e Cittadella si giocano punti pesanti per i rispettivi obiettivi. La sfida è in programma mercoledì alle 18.30, ecco qualche dato utile di cui far tesoro in chiave pronostici.
     Serie B, il Lecce sfida il Cittadella: indovina il risultato e vinci!
    Lecce, l’accoppiata 1/1 è uscita sei volte
    Il 3-0 al Crotone “ha detto” che al Via del Mare il Lecce è intenzionato a non far festeggiare nessuno. Lo score dei giallorossi nel loro fortino è di  8 vittorie e 4 pareggi e non è tutto. Nei primi tempi fin qui disputati in casa Coda e compagni non hanno segnato solo contro il Perugia (0-0 al riposo). Insomma, il Citta è avvertito.
    Osservando gli ultimi sette risultati dei veneti si nota una “ripetitività” dei segni al 45’ e al 90’. Prima un poker di “X/X” e a seguire un triplo “2/2”. Niente parziale/finale 1/1, quindi, accoppiata che il Lecce ha collezionato già in sei occasioni contro le due, sole, del Cittadella.
    Anche alla luce dello stato di forma del Lecce questo tipo di opzione (accoppiata primo tempo/finale 1/1) può rivelarsi interessante. LEGGI TUTTO

  • in

    Il Monza parte favorito sul campo del Pordenone

    Il Monza, reduce dal ko interno contro il Pisa (1-2), si appresta a sfidare in trasferta il Pordenone fanalino di coda. I brianzoli con 41 punti conquistati nelle prime 24 giornate adesso sono quinti a meno cinque dal Lecce capolista.
    Fai ora i tuoi pronostici! 
    Mai tre gol esatti al novantesimo
    Osservando il ruolino di marcia degli ultimi della classe si nota subito una cosa: nessuna delle dodici partite disputate dalla compagine neroverde in casa è terminata con esattamente tre reti al triplice fischio dell’arbitro. I “Ramarri” davanti al proprio pubblico hanno conquistato solamente sette punti frutto di una vittoria e quattro pareggi, ben sette le sconfitte (10 gol all’attivo e 20 al passivo).
    Il Monza non può permettersi di sbagliare l’approccio a questo match. Per le quote Mancuso e compagni partono favoriti ma occhio al segno X che con i rossobianchi impegnati in trasferta si è già visto in sei occasioni su dodici. Da provare la “combo” che lega la doppia chance X2 al Multigol 2-3. Interessante anche l’accoppiata Under 1,5 Casa più Over 0,5 Ospite. LEGGI TUTTO

  • in

    Monza-Pisa, biancorossi imbattuti in casa

    Classifica corta in Serie B, tra il Monza (quinto) e la Cremonese (prima) ci sono solamente quattro punti di differenza. I brianzoli questo fine settimana ospitano il Pisa che si trova attualmente al quarto posto.  
    Monza-Pisa show! Fai ora i tuoi pronostici
    Sono tre i numeri in evidenza
    Il big match dell’U-Power Stadium (il nome dato per motivi di sponsorizzazione al più noto stadio Brianteo) mette dunque in palio tre punti preziosissimi e, come tutte le super sfide che si rispettino, propone anche dei riferimenti interessanti. Dei riferimenti che possono essere anche sintetizzati in tre numeri: zero, sei e diciotto. Zero si riferisce alle sconfitte casalinghe del Monza (i brianzoli sono ancora imbattuti nel loro stadio) mentre sei sono gli ultimi incontri disputati dal Pisa senza che, al novantesimo, si sia mai fatto vedere il segno “1” (i toscani vengono infatti da due segni “2” a cui hanno fatto seguito quattro segni “X”). Diciotto, infine, sono le reti fin qui subìte dal Pisa che fanno della formazione guidata da Luca D’Angelo la miglior difesa del campionato. LEGGI TUTTO

  • in

    Pronostico Alessandria-Lecce: migliori quote e scommesse

    Nella giornata di mercoledì si completa il turno infrasettimanale di Serie B, tra le partite da analizzare in ottica pronostici c’è Alessandria-Lecce, in programma alle 18.30 allo stadio Moccagatta.
    Serie B, fai il tuo pronostico su Alessandria-Lecce
    Il numero “nove” si propone a più riprese
    All’Alessandria il compito di non far notare, sul campo, i 20 punti di distacco in classifica dal Lecce. Entrambe le squadre hanno pareggiato nell’ultima giornata, con lo stesso punteggio: 1-1.
    L’attacco salentino è di qualità Doc ma… un po’ meno in trasferta, basti pensare che solo in tre occasioni su undici il Lecce ha segnato più di un gol (e, altra curiosità, solo una volta due reti esatte).
    Sempre restando sui dati, torna il numero “9”: si parla dei gol segnati in casa dai piemontesi, dei gol subiti dal Lecce in trasferta e delle uscite dell’Under 2,5 per l’Alessandria al Moccagatta.
    Con questi dati a disposizione ognuno può scegliere l’esito gradito. Dovendo sbilanciarsi, sono due i consigli: il Multigol Ospite 2-4 oppure la combo X2 più Multigol 1-4. LEGGI TUTTO

  • in

    Torino, Juric aspetta Nandez. Spunta l'idea Strefezza

    TORINO – Baselli sta per riabbracciare Mazzarri a Cagliari, dopo la preintesa di lunedì tra il giocatore e il club sardo. Mentre Zaza è ora finito nel mirino del Genoa, chiamato a dare una svolta al proprio mercato dopo i ribaltoni in panchina e l’arrivo di Blessin. In attesa di sviluppi agognati dal Torino anche sul conto di Verdi e di Izzo (altre voci genovesi: e la partenza del centrale spalancherebbe le porte al giovane Gatti, talento difensivo del Frosinone) si registrano ulteriori sviluppi, per un naturale effetto domino, anche per Nandez, in primo luogo. Con, sullo sfondo, Strefezza, ala del Lecce che in questi mesi sta disputando un ottimo campionato in B (17 presenze, già 9 gol e 4 assist: un rendimento decisamente superiore per un giocatore che è un esterno offensivo, non un centravanti).Sullo stesso argomentoToro, avanti tutta per Naithan Nandez: gli aggiornamentiTorino

    Il Lecce non vorrebbe privarsene

    Strefezza può facilmente adattarsi al gioco di Juric: è un jolly di fascia che può giostrare sia a destra, il suo ruolo naturale, sia a sinistra, se necessario, nei tridente offensivo di Ivan, dietro a un pivot (Sanabria o Belotti che sia). Vagnati aveva avuto il brasiliano alla Spal: una crescita progressiva, sino alla cessione della scorsa estate ai leccesi, ora in corsa per la promozione in A grazie anche alle sue invenzioni, ai suoi gol e ai suoi dribbling. Il club pugliese non vuole privarsene, a meno di offerte superiori ai 5 milioni: si vedrà nei prossimi giorni […]

    Sullo stesso argomentoMercato Toro, l’Udinese accelera per IzzoCalciomercato Torino LEGGI TUTTO