consigliato per te

  • in

    Diretta Sampdoria-Cagliari ore 12.30: probabili formazioni, dove vederla in tv e in streaming

    GENOVA – Il Cagliari di Walter Mazzarri, penultimo in classifica con 10 punti, distante 6 dalla zona salvezza e reduce da tre sconfitte consecutive con Inter, Udinese e Juve con 10 gol subiti e nessuno segnato, fa visita alla Sampdoria (allenata dal 2007 al 2009) di Roberto D’Aversa, quindicesima a quota 20 dopo il trionfo nel derby e i pareggi con Venezia e Roma. Il match, in programma alle 12.30 allo stadio Luigi Ferraris di Genova, sarà il 36° disputato in Liguria nella storia del massimo campionato italiano: tra i precedenti è il segno X quello più frequente, ben 19 volte, cui si aggiungono 10 affermazioni blucerchiate e 6 rossoblù. Tra le mura amiche, tuttavia, la Samp è imbattuta con i sardi da sette incontri di fila (5 vittorie e 2 pari), i quali hanno invece perso tutte le ultime cinque partite giocate nel giorno dell’Epifania: il successo più recente, 17 anni fa contro il Messina con Daniele Arrigoni in panchina.
    SEGUI SAMPDORIA-CAGLIARI LIVE SUL NOSTRO SITO
    Sampdoria-Cagliari, dove vederla in tv e streaming
    Il lunch match fra Sampdoria e Cagliari sarà trasmesso in diretta esclusiva in streaming da Dazn. In alternativa, sarà possibile seguire la cronaca testuale dell’incontro live sul nostro sito.
    Le probabili formazioni di Sampdoria-Cagliari
    SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Dragusin, Yoshida, Ferrari, Murru; Bereszynski, Ekdal, Thorsby, Candreva; Gabbiadini, Quagliarella. All. D’Aversa. A disp. Ravaglia, Saio, Chabot, Yepes Laut, Vieira, Trimboli, Torregrossa, Ciervo, Caputo. Indisponibili: Augello, Colley, Damsgaard, Falcone, Verre, Ihattaren. Squalificati: Askildsen.
    CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Lovato, Ceppitelli, Carboni; Bellanova, Deiola, Grassi, Marin, Lykogiannis; Joao Pedro, Pavoletti. All. Mazzarri. A disp. Aresti, Radunovic, Altare, Obert, Zappa, Faragò, Ladinetti, Gagliano, Pereiro. Indisponibili: Caceres, Ceter, Godin, Keita Balde, Nandez, Oliva, Rog, Strootman, Walukiewicz. Squalificati: Dalbert.
    Arbitro: Camplone di Pescara.Assistenti: Cecconi e Vecchi.IV uomo: Santoro.Var: Guida.Avar: Baccini. LEGGI TUTTO

  • in

    Diretta Sampdoria-Cagliari ore 12.30: come vederla in tv, in streaming e probabili formazioni

    GENOVA – La Sampdoria di Roberto D’Aversa, quindicesima in classifica con 20 punti e reduce dal trionfo nel derby e dai pareggi con Venezia e Roma, ospita il Cagliari dell’ex Walter Mazzarri (fu al timone della squadra dal 2007 al 2009), penultimo in classifica con 10 punti, distante 6 dalla zona salvezza e reduce da tre sconfitte consecutive con Inter, Udinese e Juve (10 gol subiti e nessuno segnato). Il match, in programma alle 12.30 allo stadio Luigi Ferraris di Genova, sarà il 36° disputato in Liguria nella storia del massimo campionato italiano: tra i precedenti è il segno X quello più frequente, ben 19 volte, cui si aggiungono 10 affermazioni blucerchiate e 6 rossoblù. Tra le mura amiche, tuttavia, la Samp è imbattuta con i sardi da sette incontri di fila (5 vittorie e 2 pari), i quali hanno invece perso tutte le ultime cinque partite giocate nel giorno dell’Epifania: il successo più recente, 17 anni fa contro il Messina con Daniele Arrigoni in panchina.
    SEGUI SAMPDORIA-CAGLIARI LIVE SUL NOSTRO SITO
    Dove vedere in tv e streaming Sampdoria-Cagliari
    Il lunch match fra Sampdoria e Cagliari sarà trasmesso in diretta esclusiva in streaming da Dazn. In alternativa, sarà possibile seguire la cronaca testuale dell’incontro live sul nostro sito.
    Sampdoria-Cagliari, le probabili formazioni
    SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Dragusin, Yoshida, Ferrari, Murru; Bereszynski, Ekdal, Thorsby, Candreva; Gabbiadini, Caputo. All. D’Aversa. A disp. Ravaglia, Saio, Chabot, Yepes Laut, Vieira, Trimboli, Torregrossa, Ciervo, Quagliarella. Indisponibili: Augello, Colley, Damsgaard, Falcone, Verre, Ihattaren. Squalificati: Askildsen.
    CAGLIARI (3-5-2): Cragno; Lovato, Ceppitelli, Carboni; Bellanova, Deiola, Grassi, Marin, Lykogiannis; Joao Pedro, Pavoletti. All. Mazzarri. A disp. Aresti, Radunovic, Altare, Obert, Zappa, Faragò, Ladinetti, Gagliano, Pereiro. Indisponibili: Caceres, Ceter, Godin, Keita Balde, Nandez, Oliva, Rog, Strootman, Walukiewicz. Squalificati: Dalbert.
    Arbitro: Camplone di Pescara.Assistenti: Cecconi e Vecchi.IV uomo: Santoro.Var: Guida.Avar: Baccini. LEGGI TUTTO

  • in

    Diretta Roma-Sampdoria ore 18.30: come vederla in tv, in streaming e probabili formazioni

    ROMA – Rinfrancata dal debordante successo a Bergamo sull’Atalanta, la Roma cerca conferme contro la Sampdoria, nell’ultima gara prima della sosta natalizia. I giallorossi, con una vittoria, ridurrebbero a 4 punti la distanza dai bergamaschi, attualmente quarti e frenati ieri sera dal Genoa. La formazione di Mourinho viene da tre successi di fila in gare ufficiali ma si trova di fronte una Sampdoria in crescita grazie al successo nel derby con il Genoa, a cui è seguito il passaggio del turno in Coppa Italia ai danni del Torino e il pareggio casalingo con il Venezia. Nei due incroci dello scorso campionato la Roma si è imposta 1-0 all’Olimpico con gol di Dzeko e la Samp ha risposto vincendo 2-0 a Marassi grazie alle reti di Adrien Silva e Jankto.
    Roma-Sampdoria, segui il live sul nostro sito
    Roma-Sampdoria, dove vederla in tv e in streaming
    La partita delle 18.30 tra Roma e Sampdoria sara visibile in esclusiva streaming su Dazn.
    Guarda Roma-Sampdoria su DAZN. Attiva ora
    Le probabili formazioni di Roma-Sampdoria
    ROMA (3-5-2): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp, Cristante, Veretout, Mkhitaryan, Vina; Zaniolo, Abraham. A disp.: Fuzato, Kumbulla, Calafiori, Diawara, Villar, Darboe, Bove, El Shaarawy, Felix, C. Perez, Shomurodov, Borja Mayoral. All.: Mourinho. 
    SAMPDORIA (4-4-2): Falcone; Bereszynski, Ferrari, O. Colley, Augello; Candreva, Ekdal, Silva, Thorsby; Quagliarella, Caputo. A disp.: Audero, Ravaglia, Yoshida, Chabot, Dragusin, Thorsby, Yepes Laut, Depaoli, Gabbiadini, Torregrossa, Ciervo. All.: D’Aversa. 
    Arbitro: Giacomelli di Trieste.Guardalinee: Di Gioia e Raspollini.Quarto uomo: Maggioni.Var: Massa.Avar: Lo Cicero. LEGGI TUTTO

  • in

    Diretta Sampdoria-Venezia ore 18: come vederla in tv, in streaming e formazioni ufficiali

    GENOVA – Dopo il successo ottenuto contro il Genoa nel derby la Sampdoria di D’Aversa sarà di scena ancora a Marassi, in cerca di continuità per allontantanarsi dalla zona più calda della classifica. Di fronte il Venezia di Zanetti, che è reduce dal pareggio casalingo contro la Juve e ora a -2 dai blucerchiati: i lagunari andranno a caccia di una vittoria che manca ormai da quattro partite (l’ultimo è stato quello ottenuto sul campo del Bologna).
    SEGUI SAMPDORIA-VENEZIA IN DIRETTA SUL NOSTRO SITO
    Sampdoria-Venezia, dove vederla in tv e streaming
    Il match tra Sampdoria e Venezia, in programma oggi (domenica 19 dicembre) alle ore 18 allo stadio ‘Ferraris’, sarà trasmesso in diretta esclusiva da Dazn. In alternativa, sarà possibile seguire la cronaca testuale della sfida ‘live’ sul nostro sito.
    Le formazioni ufficiali di Sampdoria-Venezia
    SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski, Yoshida, O. Colley, Augello; Candreva, Silva, Ekdal, Thorsby; Gabbiadini, Caputo. Allenatore: D’Aversa
    VENEZIA (4-3-3): Romero; Ebuehi, Caldara, Ceccaroni, Mazzocchi; Tessmann, Ampadu, Busio; Aramu, Johnsen, Kiyine. Allenatore: Zanetti
    Arbitro: Abisso di PalermoAssistenti: Ranghetti e MieleIV uomo: MinelliVar: ValeriAvar: Preti LEGGI TUTTO

  • in

    Sampdoria-Venezia, i blucerchiati partono favoriti

    La Sampdoria, 18 punti conquistati in 17 giornate, riceve un Venezia distante solamente due punti in classifica (16). I blucerchiati a Marassi hanno conquistato lo stesso numero punti dei veneti in trasferta (6 in 9 gare).
    Non solo Serie A, fai ora i tuoi pronostici!
    Il “ritardo” potrebbe azzerarsi
    La squadra allenata da Roberto D’Aversa contro il Venezia va a caccia della terza vittoria nel giro di pochi giorni. Gabbiadini e compagni dopo battuto il Genoa per 3-1 hanno poi eliminato il Torino nei sedicesimi di Coppa Italia (2-1). Per le quote i blucerchiati partono favoriti ma occhio a non sottovalutare il Venezia che nell’ultima gara interna di campionato ha fermato la Juventus sull’1-1. Visto che nel ruolino di marcia della Sampdoria manca la “X” da 10 turni consecutivi si può provare la “combo” che lega la doppia chance 1X all’over 1,5. LEGGI TUTTO

  • in

    Genoa-Sampdoria 1-3: Gabbiadini super, Shevchenko ko nel derby

    GENOVA – Dopo i difficili giorni legati all’arresto del dimissionario presidente Ferrero, la Sampdoria ritrova il sorriso nel derby della Lanterna. Reduce da due ko di fila la squadra di D’Aversa, trascinata da un super Gabbiadini (va a segno e propizia un’autorete) vince 3-1 travolgendo un Genoa sempre più in crisi e a secco di vittorie ormai da 14 partite, le ultime cinque con Shevchenko alla guida. Tre punti pesanti anche in ottica classifica per i blucerchiati, che allungano a +8 sui rivali cittadini e si allontanano dalla zona più calda.
    Genoa-Sampdoria 1-3: statistiche e tabellino
    Sheva ritrova Criscito, D’Aversa col 4-4-2
    Tra i padroni di casa Shevchenko propone Pandev ed Ekuban in avanti nel 3-5-2 (in panchina il recuperato Destro), ritrova capitan Criscito in difesa (dove Vanheusden la spunta su Biraschi) e Sturaro sulla linea mediana (completata da Hernani e dal regista Badelj) mentre a destra Ghiglione viene preferito a Sabelli. Sull’altro fronte D’Aversa sceglie Adrien Silva e Caputo (al posto di Verre e Quagliarella), con Gabbiadini a fare da spalla dell’ex Sassuolo in attacco e Thorsby esterno del 4-4-2. Davanti ad Audero confermata invece la coppia difensiva Yoshida-Colley (lasciati in panchina sia Dragusin sia Chabot), mentre Augello vince il ballottaggio con Murru nel ruolo di terzino sinistro.
    Serie A, la classifica
    Gabbiadini colpisce subito
    Ad avere l’impatto migliore sul derby è la Sampdoria, che fa sentire subito la sua onda d’urto al Genoa. Ne fa le spese prima Sturaro, subito medicato e rientrato in campo con un occhio gonfio (e incerottato) dopo uno scontro aereo con Thorsby, poi Sirigu che al 7′ è già costretto a raccogliere la palla in fondo al sacco: sugli sviluppi di un corner (deviazione di Vanheusden su zampata di Silva) cross di Candreva e girata vincente con la testa di Gabbiadini, che gela la parte rossoblù del ‘Ferraris’ e fa esplodere invece la gioia dei tifosi blucerchiati. Incassato il colpo, il Grifone prova a reagire senza però riuscire a produrre altro che un sinistro fuori misura di Criscito dalla lunghissima distanza e rischia invece ancora al 28′: fluida la manovra doriana, con Bereszynski che si sovrappone a Candreva e crossa sul primo palo dove Gabbiadini manca il bersaglio e il raddoppio. Troppo centrale poi l’incornata di Thorsby al 33′ (ancora su cross del terzino polacco) e alta la conclusone di Caputo (innescato da Candreva dopo un’ingenuità di Criscito) che fa calare il sipario su un primo tempo tutto di marca blucerchiata.
    Guarda la galleryGenoa travolto dalla Samp nel derby: Gabbiadini ‘in gol’ dalla panchina
    Sirigu lascia strada a Caputo
    Limitati i danni, il Genoa va al riposo sotto di un gol e Sheva decide di non cambiare, puntando sulla voglia di riscatto degli undici titolari. La mossa sembra funzionare, perché Sturaro affonda subito a destra e serve una palla d’oro a Hernani che però dal cuore dell’area la spara in curva. I rossoblù spingono ma prestano il fianco alla Samp che non si fa pregare e appena può ne approfitta: ripartenza orchestrata da Augello e Gabbiadini, al tiro va Candreva e sulla respinta corta di un incerto Sirigu c’è in agguato Caputo che fa 2-0 in tap-in (49′). Al 57′ arrivano così le prime sostituzioni del tecnico genoano: dentro Destro e Vasquez al posto di Ekuban e Masiello, ma a scuotere la squadra è Pandev che prima sfiora il palo in girata (deviazione decisiva di Yoshida al 64′) e poi porta a spasso mezza difesa avversaria per servire un assist al bacio sprecato da Destro (65′).
    Serie A, risultati e calendario
    In rete dalla… panchina
    Come in precedenza però a mancare è l’equilibrio e il Grifone che si fa trovare scoperto su un lancio per Caputo, libero poi di servire Gabbiadini (bello il velo di Silva) che batte ancora Sirigu con la complice deviazione di Vanheusden. L’arbitro annulla per iniziale fuorigioco di Caputo e aspetta la ‘review’ del Var, nel frattempo Gabbiadini lascia il posto a Verre (dentro anche Dragusin per Bereszynski) ed è così ‘costretto’ ad esultare e festeggiare dalla panchina quando il direttore di gara torna sui suoi passi e convalida il 3-0 (67′, autorete del difensore belga). Gara finita? Ancora no, perché dopo una sostituzione per parte (Portanova per Hernani e Chabot per Thorsby) prova a riaprirla Destro infilando Audero di testa su cross morbido di Cambiaso (78′) e subito dopo, dall’altra parte, è il legno a negare a Candreva il colpo del definito ko. C’è ancora speranza per il Genoa, che sfiora il palo con Vanheusden (82′) e lo colpisce a sua volta in mischia dopo un colpo di testa di Vasquez (84′). Shevchenko rischia allora il tutto per tutto e getta nella mischia anche Kallon (fuori Vanheusden) ma il tempo scorre inesorabile, fino al triplice fischio finale che tinge di blucerchiato il derby della Lanterna. LEGGI TUTTO

  • in

    Genoa-Sampdoria, il “Grifone” non ha mai vinto in casa

    In Serie A è giunto il momento di assistere al derby della Lanterna. Entrambe le squadre non stanno attraversando il miglior periodo di forma. Il Genoa è penultimo e non riesce ad uscire dai bassifondi della classifica mentre la Sampdoria, oltre alla posizione di classifica non proprio brillante, deve fare anche i conti con le dimissioni del suo presidente e di tutto ciò che ne consegue.
    Genoa-Sampdoria show! Fai ora i tuoi pronostici
    Un solo successo ma lontano da Marassi
    Soltanto dieci punti in sedici partite rappresentano un bottino davvero magro per il Genoa che, pur con il cambio di allenatore, non è ancora riuscito ad invertire la rotta. Certo bisogna riconoscere che Shevchenko ha dovuto affrontare prima Milan e poi Juventus ma adesso i punti cominciano a scottare e perderne ancora per strada potrebbe diventare molto pericoloso. I rossoblù sono ancora a secco di vittorie casalinghe (l’unico successo a Cagliari alla terza giornata) e questo è uno zero che pesa tantissimo. Per la cronaca il Genoa, pur prediligendo l’esito “Goal” (ne ha nove all’attivo) viene da quattro “NoGoal” consecutivi. LEGGI TUTTO

  • in

    Vlahovic in gol nel successo della Fiorentina. Atalanta trascinata da Pasalic

    L’Atalanta di Gasperini travolge il Venezia 4-0 grazie alla tripletta di Mario Pasalic e al gol di Koopmeiners. Due reti per tempo da parte degli uomini di Gasperini, momentaneamente a -4 dalla vetta occupata dal Napoli. Nona vittoria stagionale per gli orobici, la quarta consecutiva. La Fiorentina, invece, supera in rimonta la Sampdoria. Gabbiadini porta avanti i blucerchiati, poi i viola reagiscono e in successione arrivano le reti di Callejon, Vlahovic e Sottil. I toscani salgono così a 24 punti mentre i liguri rimangono fermi a 15, interrompendo la striscia positiva di due vittorie consecutive
    Serie A, la classifica
    Super Pasalic trascina l’Atalanta
    Il Venezia parte forte e crea la prima occasione dopo 20 secondi con un tiro dalla distanza di Busio smanacciato in corner da Musso. L’Atalanta, però, trova il vantaggio al 7′. Imbucata di Ilicic per Pasalic che conclude di prima intenzione realizzando l’1-0. Al 12′ la Dea colpisce ancora con il centrocampista croato che batte Romero dopo un triangolo con Muriel. Al 21′ stop di petto e conclusione immediata di Henry ma Musso fa nuovamente ottima guardia. Al 43′ Pezzella rientra sul destro e calcia ma Romero riesce a bloccare in due tempi. Il Venezia si rende subito pericoloso in apertura di secondo tempo con Crnigoj ma Musso risponde nuovamente presente. Al 51′ filtrante di Ilicic per Pasalic ma l’estremo difensore del Venezia nega la tripletta al centrocampista croato. Tre minuti più tardi Hateboer va vicino al gol del 3-0 ma la sua conclusione di esterno viene deviata in angolo. Al 57′ è Koopmeiners a siglare il tris e il primo gol in Serie A con un bel rasoterra di sinistro dal limite. Due minuti dopo Peretz, appena entrato, si rende pericoloso con un colpo di testa che termina di poco alto. Al 62′ Pasalic prova a ricambiare il favore con Muriel ma il colombiano, solo davanti a Romero, colpisce il palo. Cinque minuti dopo la Dea cala il poker grazie alla terza rete della serata di Mario Pasalic. 
    Guarda la galleryPasalic show, l’Atalanta cala il poker: Venezia annichilito
    Atalanta-Venezia 4-0: tabellino e statistiche
    Rimonta Fiorentina contro la Sampdoria
    Prima occasione per la Fiorentina al 5′ con un calcio di punizione di Biraghi che termina di poco alto. Cinque minuti più tardi Bonaventura serve Vlahovic di tacco. L’attaccante serbo tenta il tiro dalla lunga distanza ma Audero para in due tempi. Al 15′ passa la Sampdoria grazie a un colpo di testa di Gabbiadini su assist di Candreva. Al 23′ i padroni di casa trovano il pareggio. Cross in mezzo di Sottil, sul secondo palo arriva Callejon che batte Audero realizzando l’1-1. Nove minuti più tardi la Fiorentina ribalta la partita grazie al dodicesimo gol in campionato di Dusan Vlahovic che supera l’estremo difensore blucerchiato con un colpo di testa. Al 40′ Bonaventura ci prova con un sinistro a giro dal limite ma la conclusione è centrale e parata da Audero. Allo scadere del primo tempo è Sottil a firmare il tris a porta sguarnita in seguito a un tiro di Bonaventura sporcato dalla retroguardia blucerchiata. Al 58′ vicino alla doppietta Gabbiadini con un tiro al volo respinto in angolo da Terracciano. Subito dopo contropiede della Fiorentina con Sottil che si presenta davanti ad Audero calciando, però, a lato. Al 62′ Martinez Quarta libera male sugli sviluppi di un corner sfiorando l’autogol. Nel finale Candreva prova a riaprire la partita ma Terracciano sbarra la strada all’ex Inter e Lazio.  
    Guarda la galleryFiorentina, tris vincente contro la Sampdoria: che show dell’attacco viola LEGGI TUTTO