consigliato per te

  • in

    Vicenza, Di Carlo: “Lanzafame o Jallow? Non voglio dare vantaggi alla Spal”

    VICENZA – In conferenza stampa, il tecnico del Vicenza Domenico Di Carlo, ha commentato l’impegno di domani contro la Spal: “Nelle ultime partite siamo cresciuti in gioco, compattezza e qualità, ci stiamo focalizzando bene su noi stessi per essere sempre più convinti e determinati nelle sfide che verranno”. Il discorso si sposta sugli avversari: “I biancazzurri hanno giocatori esperti, che hanno calcato i campi della Serie A, ma nel girone di ritorno dobbiamo sempre puntare alla vittoria sfruttando le nostre caratteristiche. Sono felice di avere tante scelte, nel mese di dicembre avevamo avuto una grande problematica e abbiamo dovuto raschiare il fondo del barile, ma oggi abbiamo una rosa forte. Manca ancora la giocata di qualità, ma con il ritorno di quasi tutti gli elementi dall’infermeria abbiamo più soluzioni”.

    SEGUI LIVE VICENZA-SPAL
    Capitolo formazione: “Ci sono 25 convocati, abbiamo recuperato Da Riva, Nalini e Dalmonte anche se non sono ancora in condizioni ottimali. In attacco ho delle scelte da fare, ma non dirò chi giocherà fra Lanzafame, che negli ultimi anni ha fatto la prima punta, e Jallow per non dare un vantaggio agli avversari, inoltre ci sono anche Longo e Gori”. LEGGI TUTTO

  • in

    Tumminello: “Spal, non vedo l'ora di tornare in campo”

    FERRARA – “Questa per me è una grande opportunità e voglio ripagare la fiducia del club riportandolo in Serie A per rimanerci il più a lungo possibile. Sono quasi al 100% e mi sento bene, spero di tornare presto in campo”. Così Marco Tumminello, presentato ufficialmente come nuovo calciatore della Spal. Una carriera promettente ma fermata troppe volte dai continui infortuni al ginocchio: “Il mio è stato un infortunio mentale, mi ha mortificato. L’esordio? Se sarà sabato o quello dopo lo deciderà il mister, ma grazie ai compagni sono sereno e pronto a cogliere questa opportunità dopo un anno e mezzo di problemi. Da Floccari e Paloschi posso imparare tanto e rubare qualche movimento – ha proseguito Tumminello -. Ma la competizione che c’è non mi sorprende”. “Sono un attaccante fisico a cui piace puntare la porta, il mio compito credo sia quello di stare in area di rigore, ma in ogni caso sono sempre a disposizione della squadra per aiutare. La gara di ieri (ko casalingo con il Pordenone) è stata già accantonata e siamo già pronti per la prossima sfida. Il gruppo? Vedo tutto quello che serve a livello tecnico e tattico, non siamo inferiori a nessuno. Potenzialmente siamo più forti anche dell’Empoli”. Sui tanti infortuni Tumminello ha spiegato: “Mi sono rotto due volte il crociato anteriore del ginocchio, sia sinistro che destro, e sono passati sette mesi dall’ultimo problema, ora sono pronto per rientrare. Nazionale? L’Under 21 è un mio obiettivo e darò tutto per essere convocato” ha concluso. LEGGI TUTTO

  • in

    Coronavirus, Spal: un giocatore positivo

    ROMA – Covid anche alla Spal. Il club ha reso noto che si è verificato un caso di positività per “un atleta del gruppo squadra non presente alla trasferta di Empoli. Il calciatore è completamente asintomatico ed è stato prontamente isolato secondo le direttive federali e ministeriali”. “L’intero gruppo squadra della Spal ha effettuato nuovi test, i cui esiti giungeranno nel pomeriggio, finalizzati alla disputa della gara” di questa sera contro l’Empoli. LEGGI TUTTO

  • in

    Spal, si ferma Di Francesco: lesione al collaterale mediale

    FERRARA – La Spal perde Federico Di Francesco. L’attaccante, infatti, ha riportato una lesione di primo grado del collaterale mediale del ginocchio destro dopo uno scontro di gioco nell’amichevole disputata sabato dai biancazzurri contro l’Udinese. Di Francesco, riporta il comunicato ufficiale del club estense, ha già cominciato la terapia conservativa. LEGGI TUTTO

  • in

    Di Biagio saluta la Spal: “Resterò sempre in debito con Ferrara”

    FERRARA – “E’ stata un’esperienza negativa, ma che rifarei tutta la vita”. Il  tecnico della Spal Luigi Di Biagio ha parlato così al termine della gara contro la Fiorentina, congedandosi dal campionato e da Ferrara: “Ero convinto di potercela fare – ha aggiunto – e nelle ultime settimane lo abbiamo dimostrato. Nelle ultime settimane sono emersi diversi problemi ma il bilancio resta comunque positivo. Non credo possa capitare una situazione del genere nella vita di un allenatore. Ringrazio la società per avermi scelto e ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicini. Ho sentito la gente vicina: resterò sempre in debito con Ferrara e con questa tifoseria. La società? Ci siamo salutati: non ho avuto nessuna comunicazione, ma con il club c’era un accordo tacito”. Sull’ultima partita, questo il commento: “Saremmo dovuti essere più concentrati nel finale, è una storia vecchia che risale a luglio. La squadra ha avuto dei problemi, oggi è stato difficile mettere in campo 11 titolari. Mi dispiace di tutto, mando a Ferrara un grande abbraccio”. 
    SPAL-FIORENTINA: NUMERI E STATISTICHE LEGGI TUTTO

  • in

    Spal, striscione e testa di maiale davanti al “Fabbri”: la Digos indaga

    FERRARA – La Spal è ormai in serie B, e dopo l’ultimo ko di ieri sera contro il Verona al Bentegodi (3-0), alcuni tifosi hanno protestato affiggendo davanti al centro dove si svolgono allenamenti e si trovano gli uffici della società uno striscione che riportava la scritta “Via i porci da Ferrara” e depositandoci sopra una testa di maiale mozzata. L’hanno trovata questa mattina gli addetti davanti al Centro Spal di via Copparo a Ferrara e subito dopo è stata attivata la Polizia, e una indagine è stata aperta e sono in corso i primi accertamenti. Un fatto che ha acceso le reazioni, commenti e giudizi sui social, e che comunque da quanto già è emerso dalle prime verifiche non sarebbe riconducibile ai gruppi di tifosi organizzati – Curva Ovest in primis. Questo almeno, spiegano gli inquirenti, dovrebbe essere stato il gesto di sostenitori ‘sciolti’. La società non ha voluto rilasciare dichiarazioni, mentre degli accertamenti si occupa la Digos che ha trasmesso atti alla Procura. LEGGI TUTTO

  • in

    Spal, frattura alla mano sinistra per Cerri

    FERRARA – Non finiscono i guai per la Spal: i ferraresi, già retrocessi da due turni in Serie B, ieri sono crollati contro la Roma al Mazza; 1-6 il risultato finale, con l’unico gol biancazzurro segnato da Alberto Cerri, uscito malconcio dal campo. Il centravanti parmigiano si è infatti fatto male alla mano sinistra, come riportato dal sito ufficiale ferrarese: “In seguito al trauma contusivo alla mano sinistra riportato ieri nel corso della gara Spal-Roma, l’attaccante Alberto Cerri ha svolto gli esami strumentali che hanno evidenziato la frattura della base della falange prossimale del quarto raggio. Nei prossimi giorni il calciatore sarà sottoposto a valutazioni specialistiche per le opportune cure del caso”. LEGGI TUTTO

  • in

    Spal, Di Biagio: “Nostro inizio propositivo, risultato troppo severo”

    FERRARA – Gigi Di Biagio, tecnico della Spal sconfitta 6-1 in casa dalla Roma, commenta così la gara: “Non siamo mentalmente spenti. Nel primo tempo siamo stati in partita. Abbiamo giocato un calcio propositivo, poi quando vai in svantaggio tutto diventa difficile. Si tratta comunque di un risultato molto pesante. Ci siamo fatti gol da soli e questo lo paghi caro. Non ho nulla da recriminare verso la mia società, tutti abbiamo delle responsabilità che cominciano da luglio scorso. Mio futuro? Non ho parlato con Mattioli. Appena mi chiameranno, vi farò sapere”.

    I problemi fisici sono stati una costante della stagione estense: oggi anche Sala ha alzato bandiera bianca dopo 5′: “Non ho capito perché in ogni partita si fanno male un tot di giocatori. Cerri ha dovuto mettere i punti alla mano dopo il gol. L’analisi della situazione la faremo domani e poi vedremo. Espulsione di Bonifazi? C’era un rigore per noi e ci siamo lamentati dalla panchina. Non ho capito bene cos’abbia detto”.
    SPAL-ROMA 1-6: NUMERI E STATISTICHE LEGGI TUTTO