consigliato per te

  • in

    Juric: “Presi insulti, ma da uomo dei Balcani ho risposto subito”

    TORINO – “Oggi in campo c’erano tanti giovani, una gara difficile in cui abbiamo fatto meglio di loro per 60 minuti, salvo poi non reggerli alla fine”. Questa l’analisi di Ivan Juric dopo l’1-1 del suo Verona in casa della Juve. “La squadra è andata oltre le sue possibilità facendosi anche del male, mi dispiace un po’ perchè se avessimo tenuto ancora avremmo ottenuto altro – ha spiegato il tecnico a Sky -. Meglio che non parlo di mercato, altrimenti mi esonerano… ma sono sincero, ho tanti 2000 e 2001, ragazzi che arrivano dalla C, tutti hanno personalità e spirito allucinante. E li devo ringraziare perche stanno facendo veramente benissimo.Anche Kalinic ha fatto bene oggi, con qualità. Si è comportato da giocatore vero anche se è ancora molto lontano dal suo massimo. Favilli? Dispiace, non segnava da due anni e ora ne fa due, poi si fa male… mi piange il cuore. Cosa è successo a fine gara? Niente di che, ho preso alcuni insulti. Ma da uomo dei Balcani reagisco subito (ride, ndr)”.
    JUVENTUS-VERONA 1-1: LA CRONACA LEGGI TUTTO

  • in

    Verona, Empereur ha rinnovato: contratto fino al 2022

    VERONA – Alan Empereur e il Verona andranno avanti insieme per altre due stagioni. lo conferma il club scaligero sul suo sito ufficiale: “Hellas Verona FC è lieto di comunicare il prolungamento di contratto sino al 30 giugno 2022 di Alan Empereur, 26enne difensore protagonista – al pari di tutta la squadra gialloblu – di un’ottima stagione, la scorsa, nella quale si è misurato per la prima volta in carriera con il campionato di Serie A. Una stagione nella quale ha totalizzato 13 presenze in campionato, di cui 6 da titolare, e 1 presenza in Coppa Italia con gol messo a segno contro la Cremonese il 18 agosto 2019”. LEGGI TUTTO

  • in

    Verona, Juric: “Ci è mancato solo il colpo vincente”

    VERONA – Ivan Juric, dopo lo 0-0 casalingo del suo Verona contro il Genoa, ha spiegato il suo punto di vista sulla gara del Bentegodi: “Sono strasoddisfatto della prestazione, abbiamo fatto la partita giusta battendo 14 angoli, con Perin che ha fatto un paio di grandi parate – le parole del tecnico gialloblù a Sky -. Sicuramente ci è mancato il colpo vincente, negli ultimi sedici metri ci è mancato qualcosa. Che stagione mi aspetto? Oggi in campo c’erano solo due titolari dell’anno scorso con tanti 2000 e 2001, per me l’obiettivo numero uno sarà sicuramente quello di salvarci, poi se si fa come l’anno scorso bene, altrimenti l’obiettivo è questo. Troppi giovani? Non mi lamento, ma sarebbe carino partire con tutti quelli che hai avuto inserendo due o tre più forti, così sarebbe stimolante anche per me che dovrei resettare e avere più pazienza. Le cose dell’anno scorso non le vedremo subito, servirà tranquillità e dovrò trasmetterla ai calciatori. Oggi ho visto cose fatte bene, come il pressing, ma mi sembra che ancora non facciamo tutto al 100% della velocità. Siamo un po’ rallentati ma è normale, visto il periodo”. “È una squadra diversa, anche se i concetti sono rimasti gli stessi. Abbiamo anche retto bene i due attaccanti, ma è normale perchè i calciatori sono nuovi. Quest’anno c’è una prima punta, l’anno scorso due esterni sulla trequarti. Ma anche gli altri attaccanti hanno fatto bene, ma non bisogna dare per scontato una grande stagione di Lazovic e Faraoni. Kalinic? Si è cominciato a muovere bene e punto molto su di lui, gli servirà massimo un mese. Sono stato chiaro con lui prima che venisse qua, se ha accettato di venire una squadra – per lui – piccola sa cosa l’aspetta. Ha dato grande disponibilità in queste due settimane, sa di non essere più all’Atletico e al Milan, ma se gli piace il calcio questo è un posto con meno lusso, l’ideale” ha concluso Juric.
    VERONA-GENOA 0-0: LA CRONACA LEGGI TUTTO

  • in

    Verona, Barak: “Tifosi, state tranquilli. Sto benissimo, abbraccio tutti”

    VERONA – In seguito alla sua positività al Covid-19 rilevata dai test effettuati nel ritiro della Repubblica Ceca, Antonin Barak su Instagram tranquillizza i tifosi del Verona così: “Un messaggio per tutti, state sereni – esordisce il centrocampista ex Udinese – Sto benissimo e non sento niente. Mi dispiace tanto di non poter essere con la nazionale per le prossime due partite contro Israele e Scozia. Ritornerò presto in campo con una grande forza! Un abbraccio a tutti. E sempre con il sorriso. Forza Hellas!”. LEGGI TUTTO

  • in

    Verona, Gunter positivo al Coronavirus

    VERONA – Il Verona comunica che – nel corso dei controlli previsti dal vigente protocollo – è emersa la positività al Covid-19 del difensore turco-tedesco Koray Gunter. La società ha prontamente posto il calciatore in isolamento domiciliare, attivando tutte le procedure previste dal protocollo in vigore. Gli altri componenti del gruppo squadra, ad eccezione di Barak (il cui contagio è stato comunicato ieri), sono risultati tutti negativi. LEGGI TUTTO

  • in

    Coronavirus, positivo Barak del Verona

    VERONA – Dopo Udinese e Roma, oggi, tocca purtroppo anche al Verona. Il club scaligero ha reso nota la positività al Coronavirus di Antonin Barak con questa nota ufficiale ufficiale pubblicata sul proprio sito: “Hellas Verona FC comunica che Antonin Barák è risultato positivo al Covid-19 in seguito ai test effettuati durante il ritiro della Nazionale della Repubblica Ceca. Il calciatore è totalmente asintomatico e seguirà le procedure previste dal protocollo sanitario”. LEGGI TUTTO

  • in

    Paro: “Ottimo Verona, ma aspettiamo rinforzi”

    VERONA – L’allenatore in seconda del Verona Matteo Paro (Juric squalificato), ai microfoni di DAZN, ha commentato il buon pareggio all’esordio contro la Roma: “Abbiamo provato ad accorciare da subito, ma sono stati bravi e all’inizio hanno trovato combinazioni per metterci in difficoltà. Poi gli abbiamo preso le misure e siamo cresciuti fisicamente, conquistando seconde palle e campo”. Così Matteo Paro, allenatore in seconda del Verona in panchina per la squalifica di Juric, ha commentato a DAZN l’ottimo pareggio con la Roma: “I ragazzi hanno fatto una prestazione importante e la squadra è rodata sin dall’anno scorso, nonostante i tanti nuovi interpreti che hanno fatto una gran prestazione. Se concedi due metri a Pellegrini e Mkhitaryan non la vedi mai, poi abbiamo accorciato meglio sporcandogli i palloni. Avevamo lo stesso sistema di gioco e i duelli inviduali diventano fondamentali”.

    “Andare ad aggredire in avanti durante tutta la partita comporta una preparazione fisica importante, i ragazzi poi si abituano. È solo un modo diverso di fare calcio che può regalare soddisfazioni – ha spiegato Paro -. Cosa serve dal mercato? Credo che la società sappia cosa serve, abbiamo perso giocatori fondamentali e per tenere il livello dello scorso anno servono calciatori che possano diventare importanti. La società sta lavorando, sappiamo che è una stagione particolare per il mercato, ma per creare una squadracompetitiva c’è bisogno di giocatori. Ho lavorato con Juric e Gasperini, vedono il calcio allo stesso modo e credo siano due allenatori che stanno dimostrando veramente tanto” ha concluso Paro.
    VERONA-ROMA: TRE LEGNI, MA ZERO GOL LEGGI TUTTO

  • in

    Celar stende il Verona: vince 1-0 le Cremonese

    VERONA – Termina con un ko il precampionato del Verona, che perde 1-0 contro la Cremonese nell’ultimo impegno prima dell’inizio del campionato. Juric, oltre all’uomo-mercato Kumbulla, schiera tutti i nuovi acquisti dal 1° minuto: dentro Cetin, Tamèze e Ilic. Cominciano meglio i gialloblù, ma la prima occasione è per i grigiorossi con Gustafson e Ciofani, ma Silvestri c’è. Gli scaligeri si fanno vedere al 19′ con Veloso che, servito da Tamèze, sfiora la traversa. Poi è Di Carmine a provarci con una bella girata di testa che però trova l’opposizione di Alfonso. Nel secondo tempo Silvestri dice no per due volte a Celar, fino al 32′, quando l’ex Roma è lesto a raccogliere la respinta del portiere sul tiro di Valzania e mettere in rete per lo 0-1 finale.  LEGGI TUTTO