consigliato per te

  • in

    Clasico, ancora polemiche: “Florentino Perez dall’arbitro prima di Real-Barça”

    Chiudi menuTuttosport.comTuttosport.comNaviga le sezioniabbonatiLeggi il giornaleSegui le DiretteLiveI nostri socialFacebookInstagramTwitterTelegramContinua ad esplorareContattaciFaqRSSMappa del SitoLa RedazioneEdizione DigitaleAbbonamentiFaqCookie PolicyPrivacy PolicyNote legaliCondizioni generaliPubblicitàChiudi menuTuttosport.com LEGGI TUTTO

  • in

    Ana Mena, offerta Champions: “Devo essere a Real-City, ecco perché”

    Real Madrid-Manchester City: la proposta di Ana Mena
    La cantante ha condiviso un post sul social network di X (ex Twitter), proponendo agli organizzatori del torneo di cantare durante la partita: “Devo cantare in quel match”. Parole che sono state subito ricondivise diventando virali sui social. Perché? La verità è che Ana Mena ha una canzone chiamata “Madrid City”, che si adatta perfettamente al duello europeo. Sebbene la cantante di Malaga abbia usato l’umorismo per commentare i risultati del sorteggio, i fan hanno preso sul serio il suo suggerimento, incoraggiandola quindi a salire sul palco il 9 e il 17 aprile. LEGGI TUTTO

  • in

    Youth League, il Milan batte ai rigori il Real Madrid e vola alle Final Four

    Raveyre tiene in partita il Milan, Sia firma il pareggio contro il Real
    Abate ha vinto la sfida nella sfida con Arbeloa, nonostante le Merengues abbiano dominato nel primo tempo facendo valere la propria qualità. Raveyre ha permesso ai rossoneri di andare al riposo in svantaggio di una sola rete: strepitoso il portiere francese, che è capitolato solo quando Gonzalo si è presentato dagli undici metri per trasformare un rigore contestato.
    Nella secondo tempo il Milan è entrato con un piglio diverso, più aggressivo, e il cambio di atteggiamento ha portato i suoi frutti. Pari sfiorato da Camarda, realizzato da Sia. La sfida si è decisa ai rigori dove Raveyre è stato ancora assoluto protagonista con due parate. Zeroli ha fatto espolodere la gioia Milan.
    Youth League, Milan-Real Madrid: la squenza dei rigori
    La squenza dei rigori:

    Perea (Real Madrid) gol, Bartesaghi (Milan) gol.
    Yanez (Real Madrid) parato, Simic (Milan) gol.
    Palacios (Real Madrid) gol, Simmelhack (Milan) gol.
    Fortuni (Real Madrid) parato, Scotti (Milan) parato.
    Gonzalo (Real Madrid) gol, Zeroli (Milan) gol. LEGGI TUTTO

  • in

    Yoro, il Real sfida l’Inter: il piano di Perez e la richiesta fuori mercato del Lille

    In Francia sta facendo parlare di sé il difensore Leny Yoro. Centrale franco-ivoriano del Lille che in stagione sta raccogliendo continuità e una crescita esponenziale. Un’esperienza maturata sul campo dopo l’esordio della scorsa annata e le partite in Conference (con un gol) in quella attuale. Su lui di lui si sarebbero mossi già alcuni dei top club tra cui Psg, Real Madrid ma anche l’Inter l’ha seguito più volte in questi mesi. Dalla Spagna, però, sono sicuri che i blancos hanno una corsia prefernziale per il classe 2005 vista la sua volontà di vestire la camiseta blanca, ma portarlo a Valdebebas dovranno superare le richieste del Lille.
    Yoro, asta in Europa? Il piano del Real Madrid 
    Nella corsa per ingaggiare il granitico difensore del Lille c’è soprattutto il Real Madrid. Il club spagnolo vuole strapparlo alla concorrenza e può giocare con un paio di carte a favore. La prima è la volontà del ragazzo mentre la seconda è quella di poter contare sulla scadenza del contratto, fissata a giugno 2025, del ragazzo. La dirigenza francese, come riportato da Marca, per allontanare le voci di mercato ha chiesto almeno 100 milioni di euro per Yoro. Una cifra ritenuta eccessiva da FlorentinoPerez viste le condizioni sopracitate. Potrebbe essere un’operazione a lungo termine con una strategia precisa da portare avanti purché il prezzo sia in linea con la realtà sportiva ed economica, ovvero 30 milioni di euro. In caso contrario, anche se questa sarebbe l’ultima spiaggia, è quella di aspettare il 30 giugno 2025 per prenderlo a parametro zero.  LEGGI TUTTO

  • in

    La corsa del Girona riparte: Rayo ko, Barcellona di nuovo dietro

    Il racconto della partita
    Al Montilivi, gli ospiti indovinano una buona partenza. Tuttavia, al termine di un primo tempo senza emozioni le squadre tornano negli spogliatoi a reti inviolate. Bisogna aspettare il 52′ minuto per il gol che sblocca le marcature, con Tsygankov che raccoglie in area l’assist di Gutierrez e firma il vantaggio.
    Gli uomini di Munoz si lanciano allora a caccia del raddoppio, proponendosi prima con l’esterno ucraino e poi con Portu, che vede annullarsi il gol del 2-0 in quanto la palla era precedentemente uscita dal campo. I madrileni non demordono e rispondono al 72′ con Garcia, fermato però da un buon intervento di Gazzaniga. 4 minuti dopo, il Rayo resta in 10 per l’espulsione di Chavarria. Nel finale, Savio si prende la scena e firma la doppietta (91′, 96′) che chiude i conti. LEGGI TUTTO

  • in

    “Non solo Mbappé: Real Madrid, altro colpo top in arrivo dal Bayern!”

    “Davies, accordo verbale col Real”

    A riportarlo è il The Athletic, che specifica come il terzino canadese si sarebbe accordato verbalmente con il Real Madrid. Secondo la testata, due le possibilità di vedere Davies con la camiseta blanca: o ad un anno dalla scadenza (come quando i madrileni acquisirono dai bavaresi Toni Kroos) e dunque nel 2024, oppure l’anno seguente, nel 2025, da parametro zero (come accaduto in tempi più recenti con David Alaba).

    Il The Athletic sottolinea come il club spagnolo sarebbe in contatto da tempo con l’entourage di Davies, al quale avrebbe chiesto fin dall’inizio di non rinnovare il suo contratto con il Bayern, che scade nel 2025, per potersi unire a loro. Nelle ultime settimane ci sarebber stati diversi incontri, tra cui uno di persona a Madrid a metà febbraio, che avrebbero accelerato ulteriormente il processo. Nonostante l’interesse del Barcellona e di alcuni club inglesi, la preferenza di Davies in questa fase sarebbe quella di trasferirsi a Madrid. LEGGI TUTTO

  • in

    Tifosi Inter, è già sfida all’Atletico: dal megafono parte l’inno del Real

    Inter-Atletico, sfida a suon di cori
    Due gruppi sostanziosi di sostenitori, uno pro Inter e l’altro pro Atletico, si sono “sfidati” davanti al Duomo a suon di cori. Un momento vissuto in maniera assolutamente pacifica, con i supporter delle due squadre che a distanza di una manciata di metri sostenevano i propri beniamini. In un clima cordiale c’è stato un momento anche di ilarità: i tifosi spagnoli erano intenti a cantare il proprio inno (“Atleti, Atleti, Atletico de Madrid. Jugando, ganando, peleas como el mejor”, per intenderci). Ma i sostenitori rojiblancos stati interrotti da un tifoso dell’Inter che, munito di megafono, ha fatto partire l’inno… del Real Madrid. E così il fischio d’inizio di Inter-Atletico si avvicina, tra un coro per i nerazzurri, uno per i Colchoneros, e un “Hala Madrid …y nada mas” per il Real. LEGGI TUTTO

  • in

    Mbappé al Real Madrid? Il pensiero di Ancelotti è chiaro

    A Madrid da diverse ore si parla solo di Mbappé, ormai promesso sposo dal Real. I Blancos si preparano al super colpo e stanno studiando le formule per il contratto del francese. Ma c’è chi per il momento non no vuole sentire parlare. Di chi si tratta? Di Carlo Ancelotti. L’allenatore vuole tenere alta la soglia dell’attenzione per continuare a tenere a distanza il Girona in Liga e pensare anche al percorso in Champions League. In conferenza stampa, alla viglia del match contro il Rayo Vallecano, ha ribadito il concetto.
    Ancelotti chiaro: “Mbappé? Penso al Rayo” 
    “Abbiamo parlato della partita, sappiamo che è una gara fondamentale per il campionato. La gente può discutere, ma vorrei finire bene questa stagione e vincere titoli. C’è tanto tempo per pensare alla prossima. Vedo, sento, capisco che è il vostro argomento della giornata ma non il nostro” – ha spiegato Ancelotti in conferenza stampa, dopo l’ennesima domanda su Mbappé. Poi sul futuro di Modric: “Ho parlato con lui un mese fa e sembrava che stesse bene. Sarà una sua decisione”. Su Arda Guler, rientrato dopo il brutto infortunio: “Quello che dovrebbe fare è combattere, competere con i suoi compagni di squadra, niente di più. La parola è pazienza, l’ho già detto”. LEGGI TUTTO