consigliato per te

  • in

    Vlahovic a tutta, Lukaku nell’angolo e la Juve che sarà

    INVIATO A UDINE – Dunque alla fine, a Udine, c’è lui a guidare l’attacco della Juventus, Dusan Vlahovic. Il mercato non lo ha spostato dal centro del reparto offensivo bianconero e stasera proverà a bissare il debutto stagionale con gol che caratterizzò Juventus-Sassuolo nella prima giornata dello scorso campionato quando segnò una doppietta. Alla fine c’è ancora lui ma non è finita come tutti sanno perché se apre il campionato non chiude il mercato. O meglio non ancora.

    E così fino al primo settembre la possibilità di finire al Chelsea per Romelu Lukaku e soldi a favore della Juventus resta in vita. Il serbo a Torino sta bene e ha iniziato un lavoro non ancora completato ovvero confermarsi come un campione conclamato per cui già in questa prima sfida alla Dacia Arena cecherà di allontanare il fantasma di Big Rom e confermarsi bomber Juve. LEGGI TUTTO

  • in

    Vlahovic-Juve, due gol e tanti gesti: la frase, l’esultanza e l’uscita al 39′

    La famiglia Juventus è stata protagonista  dell’Open Day all’Allianz Stadium: l’appuntamento ha sostituito la classica amichevole estiva a Villar Perosa. Un modo per accogliere più persone, una festa sugli spalti e sul campo. Uno stadio gremito per incitare la squadra di Allegri e Dusan Vlahovic. Già, perché l’attaccante serbo è (ancora?) un giocatore bianconero e lo ha sottolineato con due gol.
    Al centro di alcune voci di mercato nella giornata di martedì è volato a Monaco di Baviera per un controllo medico sullo stato di guarigione della pubalgia e una volta tornato a Torino si è reso subito disponibile ed è stato scelto dall’allenatore tra i titolari per la sfida contro la Next Gen di Brambilla. 
    Vlahovic, doppietta e sostituzione: la partita
    L’Allianz Stadium non ha fatto mancare il suo supporto all’attaccante serbo con applausi, incitamenti e anche con cori all’indirizzo di Lukaku per sottolineare e far capire alla società quale sia la preferenza di buona parte dei tifosi. Vlahovic non ha perso tempo e in campo ha trovato due gol: il primo su calcio di rigore e il secondo su punizione con un mancino deviato alle spalle di Garofani. Se dopo la prima rete ha scambiato una frase con Alex Sandro con la mano davanti alla bocca, nel corso dela seconda esultanza (comunque contenuta) ha indicato i tifosi come per ringraziarli dell’affetto mostratogli. Al 39′, però, poco dopo il terzo gol bianconero firmato da Kean, è stato sostituito da Allegri per lasciar spazio a Kaio Jorge. All’uscita dal campo è andato in panchina con lo sguardo basso e lo sguardo cupo dopo aver dato il cinque a Landucci. Sui social i tifosi hanno commentato l’accaduto: c’è chi vi ha letto solo delusione per via del mercato (scambio con Lukaku col Chelsea) con il futuro che potrebbe essere lontanto da Torino e chi invece ha commentato sicuro: “Era l’ultimo ballo”.  LEGGI TUTTO

  • in

    Vlahovic-Lukaku, il confronto: gol, assist, infortuni. Dati e esigenze Juve

    Vlahovic-Lukaku, il pensiero dei tifosi della Juve
    I tifosi sui social si mostrano piuttosto scettici sulla bontà dell’operazione, quantomeno da un punto di vista tecnico, oltre che anagrafico, essendo Vlahovic di quasi sette anni più giovane. Diversa, però, è la questione in ottica bilancio: oltre al già citato conguaglio a favore della Juventus (che balla tra i circa 20 milioni offerti dal Chelsea e i 40 richiesti dai bianconeri), il club torinese potrebbe trarre giovamento anche ‘a lungo respiro’. I 13 milioni a stagione percepiti da Lukaku sarebbero infatti in parte coperti dal Decreto Crescita, cosa che invece non avverrebbe mantenendo il serbo in rosa.
    Lukaku senza maglia al Chelsea e la numero 9 dei Blues resta libera… LEGGI TUTTO

  • in

    Vlahovic partito per Monaco tra pubalgia e mercato: Juve, cosa succede

    Dusan Vlahovic è volato a Monaco di Baviera in compagnia di un medico della Juventus per un controllo relativo al grado di guarigione dalla pubalgia da cui si sta curando con l’aiuto del dottor Hans-Wilhelm Müller-Wohlfahrt, luminare tedesco.
    L’attaccante serbo non è volato in Germania per questioni relative al mercato, ma per un semplice controllo fisico sotto la supervisione del club bianconero.
    Kane allontana Vlahovic dal Bayern
    Dunque, nessuna clamorosa svolta di mercato perché l’obiettivo primario del Bayern Monaco era e resta Harry Kane. Tra domanda del Tottenham e offerta del Bayern ballano 20 milioni di euro, ma la sensazione è che al momento del rientro del presidente degli Spurs Daniel Laevy dalle vacanze negli USA dovrebbe essere raggiunto un accordo per il trasferimento del centravanti inglese in Bundesliga. LEGGI TUTTO

  • in

    Lukaku-Vlahovic, Juve-Chelsea in stallo: a quanto si chiude. Sul Bayern…

    TORINO – Ah, se bastasse un tweet. Oppure un click o, concediamocelo questo riferimento démodé, la bacchetta magica che tutto risolve con un tocco. Ecco, se ci fosse una di queste soluzioni a disposizione, Romelu Lukaku si allenerebbe già a Torino e Dusan Vlahovic starebbe già cercando casa a Londra.

    Invece capita che la realtà sia un filo più complessa e che le trattative di mercato non seguano il ritmo di social, della tv e nemmeno dei giornali. Soprattutto quando di mezzo c’è una trattativa per la quale si devono inserire al posto giusto i tasselli di un puzzle piuttosto complicato. LEGGI TUTTO

  • in

    “Lukaku-Vlahovic? Non da Giuntoli, potrebbe essere mossa di disturbo”

    TORINO – Giovanni Bia, ex calciatore e oggi procuratore, ha parlato a Radio Sportiva delle recenti mosse del calciomercato che vedono coinvolti anche suoi clienti come il giovane bianconero Andrea Cambiaso. Il terzino classe 200 è rientrato alla Juventus dopo il prestito al Bologna e si vociferava che avrebbe potuto lasciare nuovamente Torino, l’agente ha voluto fare chiarezza: “Sono state rifiutate diverse offerte, credo che farà parte della rosa della Juventus. Certo, se dovesse arrivare un’offerta superiore ai 25 milioni, la Juventus ovviamente prenderà in considerazione la cessione”. LEGGI TUTTO

  • in

    Vlahovic e Mbappé pizzicati insieme: serata tra mercato, Psg e Juventus…

    In un mercato così dinamico e pronto all’effetto domino delle punte, anche un piccolo particolare può fare la differenza. Vlahovic e Mbappé sono stati visti al Toy Room di Porto Cervo insieme a Rodrygo e Alex Sandro.
    La Juventus ha giorni liberi dopo il ritorno dalla tournée statunitense e il serbo, che piace anche al Real Madrid, ne sta approfittando. Invece il fuoriclasse del Psg vive ormai da separato in casa, dopo le ultime problematiche con lo spogliatoio e Al Khelaifi ed è a rischio anche la sua iscrizione nella lista Champions League. 
    Vlahovic e Mbappé infiammano il mercato
    Mbappé è il protagonista principale di questa sessione di calciomercato. Il parigino vorrebbe concludere la sua avventura al Psg, senza rinnovare il contratto, lasciando poi il club il prossimo anno a parametro zero. Volontà che ha fatto infuriare Al Khelaifi, che invece vorebbe monetizzare dalla cessione di uno dei giocatori più forti al mondo. Il patron aveva dato un ultimatum al giocatore fino al 31 luglio per avere una risposta. Risposta che non è arrivata e adesso il suo futuro è in bilico. Al momento si trova in Italia ed è stato immortalato da Rodrygo del Real in alcune foto. Indizio che fa pensare al suo legame con i Blancos. Il destino del francese potrebbe anche essere collegato a quello di Vlahovic, infatti le merengues starebbero pensando anche al serbo per coprire il vuoro lasciato da Benzema. LEGGI TUTTO

  • in

    Nocerino: Chiesa, Weah, Vlahovic, Lukaku. Ho visto la Juve, ecco che penso

    ORLANDO (Stati Uniti) – Antonio Nocerino ha giocato una sola stagione alla Juventus, 2007-08 collezionando 32 presenze, ed ospite a Sky Sport ha commentato la nuova squadra bianconera vista in azione nella tournèe statunitense. Nocerino è rimasto ben impressionato dal gruppo di Allegri specie da Federico Chiesa: “Io sono stato anche all’allenamento della Juventus oltre che alla gara contro il Real Madrid. Ho visto una squadra molto compatta e molto unita. Ho visto molto bene Chiesa e spero che possa fare veramente bene perché è una risorsa per la Juve ma è molto importante anche per la Nazionale”.
    Juventus, Nocerino su Weah
    Molti riflettori sono stati sul neo-arrivato Timothy Weah, giocatore che Nocerino ha promosso: “Weah è un giocatore fortissimo che in queste gare ha fatto il quinto quando soprattutto ha giocato contro il Milan e contro Theo, ha fatto delle belle accelerate poi ovviamente quando giocherà in Serie A si vedrà con più continuità ma è molto forte e sono sicuro delle sue qualità”. LEGGI TUTTO